Ottobre 3, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

UBS fonderà Credit Suisse in Svizzera e si aspetta enormi risparmi

UBS fonderà Credit Suisse in Svizzera e si aspetta enormi risparmi

UBS ha scelto di “fondere completamente” il suo rivale svizzero Credit Suisse, il cui marchio scomparirà, ha annunciato giovedì il colosso bancario, senza rendere immediatamente note le conseguenze occupazionali del processo. Tuttavia, è probabile che sia significativo considerati i risparmi che UBS si aspetta dall’integrazione: 10 miliardi di dollari entro il 2026. Per gli analisti, l’integrazione significa un’importante ristrutturazione della filiale che comprende la banca al dettaglio e i mutui ipotecari e immobiliari. Prestiti per aziende locali in Svizzera. Questo ramo è una pepita ed è stato quello che ha retto meglio nel 2022, quando Credit Suisse ha subito massicci prelievi di capitale. Il suo fatturato è già diminuito solo del 5% nel 2022, a fronte di un calo dei ricavi del 54% nell’investment banking e del 30% nella gestione patrimoniale. Ma i numerosi licenziamenti tra le centinaia di filiali del Credit Suisse e le 200 filiali UBS in tutto il paese minacciano di ridurre notevolmente il personale.

“La piena integrazione rafforzerà i punti di forza che fanno di UBS la banca leader” in Svizzera, pur rimanendo competitiva sul mercato svizzero, ha affermato Sergio Ermotti, CEO di UBS.

Credit Suisse inizierà inoltre ad esternalizzare parte delle sue attività di mercato all’interno della banca d’investimento a UBS, acquisita a giugno.

Utile netto di 29 miliardi di dollari per UBS

UBS ha anche annunciato giovedì di aver realizzato un utile netto di 29 miliardi di dollari nel secondo trimestre del 2023, grazie all’acquisizione di Credit Suisse. Quest’ultima ha subito un’enorme perdita di 8,9 miliardi di franchi svizzeri, al lordo delle imposte, a causa del crollo di una parte delle sue attività, legato ai dubbi sul suo futuro dopo l’acquisizione da parte di UBS nel marzo di quest’anno, secondo la dichiarazione rilasciata giovedì da UBS . .

READ  L'inflazione ha raggiunto il 5% a dicembre, il livello più alto degli ultimi venticinque anni

Ricordiamo che alla fine di marzo UBS ha accettato di rilevare il suo ex rivale sotto la pressione delle autorità svizzere per evitare il fallimento e ha finalizzato la fusione a giugno. Ha poi lasciato la banca estiva per audire il suo ex rivale e prendere decisioni.

Complessivamente, alla fine del 2022, le due banche impiegavano circa 120.000 persone in tutto il mondo, di cui 37.000 in Svizzera. Ma le partenze sono raddoppiate da quando è stata annunciata la fusione. UBS ha iniziato a pagare una multa di 387 milioni di dollari al Credit Suisse accettando a luglio di pagare una multa di 387 milioni di dollari alla banca centrale americana e alla Banca d’Inghilterra per la cattiva gestione del fondo americano Archegos.

A metà agosto, tuttavia, UBS si è rassicurata annunciando che avrebbe abbandonato le misure di sostegno adottate dallo Stato e dalla Banca centrale svizzera, ritenendole non più necessarie. Questa acquisizione sotto costrizione cambia il destino di UBS, che nel 2022 ha realizzato un abbondante utile netto di 7,6 miliardi di dollari, uno dei migliori risultati dalla crisi finanziaria del 2008, a fronte di una massiccia perdita di 7,3 miliardi di franchi.

Il settore bancario ha speso 85 miliardi di dollari con profitti record per il secondo trimestre