Marzo 1, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Tra Francia e Italia, San Bernardo scoprì la zona

Tra Francia e Italia, San Bernardo scoprì la zona


A 2.188 metri sul livello del mare, il Passo alpino del Piccolo San Bernardo è stato fin dall'antichità un punto di passaggio strategico tra le valli dell'Alta Tarantasia e delle valli d'Aosta in Italia. La storia del Passo, che nel corso del tempo ha cambiato più volte confine, è segnata da San Bernardo – che nel Medioevo vi stabilì un ospizio – e dai suoi famosi cani da salvataggio. Innevata durante tutto l'inverno, la strada collega le regioni italiane di La Rosière e La Tuille, formando dal 1985 il comprensorio sciistico franco-italiano del San Bernardo.

Colle del Piccolo San Bernardo © La Rosière Tourisme

Durante le vacanze sulla neve, il villaggio turistico di La Rosière ci porta nel cuore della ricca storia del commercio transalpino, bloccato per secoli dai conflitti con i vicini italiani.

Oggi è il momento di condividere. La Rosière, a 8 chilometri dal Passo del Piccolo San Bernardo, è collegata al paese di La Thuile in Valle d'Aosta. Savoyard Resort unisce lo sci di fondo e il piacere di scoprire due culture e una gastronomia uniche. Attraversare il confine con gli sci è un momento culminante per ogni vacanziere, che lascia ricordi indimenticabili. Insieme a Monginevro, è l'unica stazione francese ad offrire un comprensorio sciistico franco-italiano.


Comprensorio sciistico franco-italiano San Bernardo © La Rosiere Tourisme

La più italiana delle località savoiarde

La Rosiere Resort, con camere che uniscono pietra e legno, è stato costruito negli anni '60 per volontà dei suoi abitanti. Costruito gradualmente da alcune grandi famiglie, è riuscito a mantenere il rispetto delle tradizioni architettoniche sabaude. Il comprensorio sciistico franco-italiano San Bernardo offre 154 chilometri di piste, con doppio orientamento, esposte a nord fino a La Rosiere sul versante italiano. Situato su un balcone, il resort francese beneficia di una vista completamente libera sull'intera valle.

Ogni anno si colloca tra le prime 10 stazioni sciistiche di Francia, garantendo neve di qualità fino alla fine di aprile. La sua varietà di piste (otto verdi, venticinque blu, trentacinque rosse e quattordici nere) soddisferà il livello e il gusto di tutti. I grandi sciatori apprezzeranno i ripidi pendii del Mont Valaison e la sua vetta che termina a 2.800 metri.

Per staccare la spina lontano dagli impianti di risalita, ci sono più di 27 chilometri di sentieri escursionistici attraverso La Rosière accessibili a piedi o con le racchette da neve, mentre le scuole di sci propongono ogni martedì scialpinismo notturno.

READ  Joya Trattoria, 15° Arrondissement dell'Alta Corte italiana

Confine con l'Italia © La Rosière Tourisme

Un cenno storico alla cima delle piste

A pochi chilometri dal passo, nella zona di La Rosière, la visita del forte denominato Fort de la Redoute rievoca la movimentata storia della Savoia, zona che divenne francese solo nel 1860. Osserva i resti della fortezza Redoute-Ruinée costruita dai francesi alla fine del XIX secolo, semisepolta sotto diversi metri di neve.

Dopo il 1860, le strategie di difesa furono invertite: il Ducato di Savoia, favorito dai monarchi francesi, dovette difendersi da una possibile invasione della Triplice Alleanza, che univa Italia, Germania e Austria fin dal Rinascimento. Durante la seconda guerra mondiale il forte fu teatro di violenti scontri tra francesi e italiani.


© Turismo della Rosière

I Doles se ne sono andati

Per vivere La Dolce Vita il più vicino possibile, La Rosiere propone un pacchetto turistico con pernottamento in Italia. Dopo una giornata sugli sci, dirigetevi alle Terme di Pré-Saint-Didier per un momento di relax ai piedi del Monte Bianco, seguito da cena e pernottamento in hotel quattro stelle a La Thuile, a 1.400 metri sul livello del mare. altezza

Se il villaggio della Val d'Asta ha un nome molto francese – storicamente una zona francofona – il tocco italiano, nell'arredamento e nella cucina, è appropriato.
A partire da 250€ a persona
Maggiori informazioni: https://reservation.larosiere.net/aventure-dolce-vita.html

La Thuile © Valle d'Aosta

lo sapevate ?

Il francese è la lingua ufficiale di Casa Savoia dal 1559. Nel 1861 la lingua italiana divenne obbligatoria con l'adesione della Valle d'Aosta alla Repubblica Italiana. Questa regione autonoma conserva l'unicità del bilinguismo.


Festival franco-italiani

Ogni anno, l'apertura del Colle del Piccolo San Bernardo, tra la fine di maggio e l'inizio di giugno, porta a festeggiamenti gioiosi. Francesi e italiani mantengono la tradizione dell'apertura del passo, le cui parti di resistenza venivano precedentemente completate con pale e picconi. Anche se oggi si fa con gli spazzaneve, è una bellissima giornata all'aperto, che riunisce turisti e gente del posto, e culmina con una festa paesana a La Thuile, sul versante italiano.

READ  Swisscom vuole rafforzare la propria presenza in Italia - 28 febbraio 2024 alle 08:07

© Nadège Druzkowski

Passo del Piccolo San Bernardo, strada romana attraverso le Alpi

In epoca romana Giulio Cesare costruì l'Albis Graea, una strada romana che attraversava le Alpi al Passo del Piccolo San Bernardo, collegando Milano a Lione. A partire dal Medioevo, questo tratto del passo fu sostituito dal colle del Moncenisio, più a sud, meno ripido e meno pericoloso. Tuttavia l'Albis Grea rimase in uso fino al 1858 quando fu sostituita dalla RN90.


Ospizio del Piccolo San Bernardo © La Rosière Tourisme

Ospitalità del Piccolo San Bernardo

La locanda del Piccolo San Bernardo, situata al passo, ha svolto per secoli un ruolo importante nelle relazioni transalpine. Nel 1050, San Bernardo, detto anche Bernardo di Mentone, Bernardo d'Aosta o Bernardo delle Alpi (1020-1081), arcivescovo di Aosta (1020-1081), istituì un sanatorio che parallelamente al primo manicomio aveva creato pochi anni prima. . Colle del Gran San Bernardo, tra Svizzera e Italia.

Questa ospitalità aveva lo scopo di aiutare i poveri e i malati e di garantire la sicurezza dei pellegrini e dei mercanti contro i banditi e i capricci del clima. Oltre a garantire l'ospitalità e il servizio religioso, garantisce anche la sicurezza su due importanti passi alpini.

Alla morte di San Bernardo gli furono intitolati due ospedali in riconoscimento della sua opera caritativa. Dopo il 1752, fu l'Ordine dei Santi Maurice-et-Lazare a gestire l'ospitalità del Piccolo San Bernardo fino all'inizio del XX secolo.

L'ospizio forniva ogni anno più di 10.000 pasti, soprattutto i “castagni”, che gli abitanti delle frazioni vicine consegnavano ai viaggiatori che intendevano attraversare il passo in cambio dell'esenzione dal servizio militare. Parzialmente distrutto durante la seconda guerra mondiale, l’ospizio rimase abbandonato fino al 1993. Trasformato in alloggio di sosta, ha riaperto i battenti nel 2014.


Padre Chanox

Nel XIX secolo, l'abate Chanoux, personaggio iconico, si impegnò molto per l'ospitalità che gestì per cinquant'anni, dal 1860 al 1909. Inevitabilmente insieme al suo confidente San Bernardo si guadagnò il soprannome di Angelo della Montagna. Alpinista e botanico, creò un giardino con quasi 4.000 specie di piante alpine.


© Tristan Shu / La Rosière Tourisme

Una delle culle dell'allevamento del San Bernardo

Nelle locande del Grande e del Piccolo San Bernardo si allevavano cani famosi dalla saliva famosa. Originariamente utilizzati per la guardia e la protezione, questi cani con un istinto naturale per il salvataggio furono addestrati per le loro qualità di soccorritori viaggiatori tra la fine del XVII e l'inizio del XVIII secolo. Gli ultimi cani lasciarono l'assistenza del Piccolo San Bernardo nel 1940 e trovarono sicurezza nel canile del Gran San Bernardo, che esiste ancora.

READ  Mentre era in vacanza in Italia, stava parlando dell'importanza dell'assicurazione di viaggio quando la tragedia ha colpito... (video scioccante)

Filanda Arbin © Stephen Clement

Filanda Arbin, Società del patrimonio vivente

Sulla strada che collega Bourg-Saint-Maurice a La Rosière, il piccolo villaggio di Séez ospita la filanda Arpin, dove avviene principalmente la lavorazione della lana del produttore di tessuti di lusso. Cernita, trebbiatura, cardatura, tessitura… alcune delle macchine secolari utilizzate fin dalla nascita dell'azienda nel 1817 sono classificate come monumenti storici. Nominata Urban Living Heritage Company.


Basso del Gran San Bernardo © Natage Druskovski

Ospizio del Gran San Bernardo

A 2.473 metri sul livello del mare, il punto più alto della Francigena tra Svizzera e Italia, l'ospizio del Gran San Bernardo ospita da quasi mille anni una comunità religiosa. Il passo, che d'estate attira moltissimi turisti, torna tranquillo d'inverno quando è raggiungibile solo con gli sci. Il Colle del Gran San Bernardo ci riporta alla saga napoleonica. Nel 1800 Bonaparte, il primo console, attraversò le Alpi con 40.000 soldati, 5.000 cavalieri e 50 pezzi di artiglieria prima di sconfiggere gli austriaci a Marengo. Il pittore David immortalò questo momento, anche se Bonaparte probabilmente morì in groppa ad un asino piuttosto che su un focoso cavallo.


pratica

Dove alloggiare?

• ILY, un hotel 4 stelle contemporaneo e confortevole ai piedi delle piste – 04 85 97 97 97
www.ily-hotels.com

• Chalet Matsuzaka, hotel savoiardo e 4 stelle con arredamento giapponese ai piedi delle piste – 06 68 26 48 84
www.chaletmatsuzaka.com

dove mangiare

• Le Terroir des Vignobles, cucina raffinata a base di prodotti freschi e locali con un'eccellente carta dei vini – 09 81 50 38 02 – www.larosiere.net

• L'Ancolie, atmosfera calda e amichevole – 04 79 06 86 71 – www.larosiere.net

ordine del giorno

• Giorni di frammentazione della sicurezza
Raduno di freeride per formarsi nella gestione del rischio montano e nel soccorso valanghe. Da mercoledì 10 a domenica 14 gennaio 2024

• Trail Plank, 7a ed
Percorso di 5, 10 o 20 chilometri al tramonto.
Venerdì 9 febbraio dalle 17:15 alle 20:00.

• Campo Bandistico La Rosiere
Una settimana musicale dedicata ai giovani talenti. Dal 10 al 18 aprile, tutti i giorni dalle 9:00 alle 18:00.

Come arrivare là?

• Considerare 3 ore in macchina da Lione