Gennaio 29, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Test Apple MacBook Pro 16 M2 Pro: un altro campione in tutte le categorie

Ovviamente questa parte è quella che ci interessa di più, in quanto rappresenta la vera demarcazione con il chip M1 Pro. Nel MacBook Pro 16 (2023), il chip M2 Pro è disponibile solo in un singolo modello con 12 core CPU e 19 core GPU, ovvero rispettivamente due core e tre core aggiuntivi. Il nostro modello di test era dotato di 2 TB di SSD e 32 GB di memoria unificata.

Secondo il nostro benchmark di test della CPU, l’M2 Pro è uno dei migliori processori al momento. Offre il 20% in più di prestazioni rispetto all’M1 Pro, quasi al livello degli eccellenti Intel Core i9-12900H e Core i7-12700H inclusi nell’Asus Strix Scar 17 e nel Lenovo Legion 5 Pro. Questo nuovo chip di Apple batte il Ryzen 9 6900HS nello Zephyrus G14, ma è un PC sottile con un involucro termico (TDP) limitato. Come per tutti i nostri confronti, evidenziamo anche il fatto che ogni processore si comporta più o meno bene a seconda del software utilizzato e dell’ottimizzazione di cui beneficia. D’altra parte, la tredicesima generazione di processori Intel si sta avvicinando rapidamente, così come il Ryzen 7000 di AMD. È probabile che l’equilibrio di potenza sia diverso.

Il MacBook Pro M2 Pro è in grado di gestire qualsiasi attività ad alta intensità di calcolo e lo fa in modo silenzioso. Ora che Blender è ottimizzato per i chip Apple, l’M2 Pro può utilizzare schede grafiche premium, come l’RTX 3070 Ti del Lenovo Legion 5 Pro. È anche più veloce in Photoshop, ma le GPU Nvidia lo seppelliscono in Adobe Premiere, il che è meglio per questo. Gli utenti Mac probabilmente preferiranno DaVinci Resolve o Final Cut.

READ  Google Maps interrompe il percorso se non condividi i tuoi dati personali...

Come ogni anno, abbiamo lanciato L’ombra di Tomb Raider Per monitorare l’evoluzione delle prestazioni in-game dei chip fatti in casa, anche se chiaramente non sono destinati a questo uso. A 1920 x 1200 pixel, il MacBook Pro M2 Pro, con l’aiuto di 19 core GPU, è riuscito a mantenere una media di 58 i/s, poco più dei 47 i/s dell’M1 Pro (+23%). Questo buon punteggio in termini assoluti permette di sfruttare il (limitato) catalogo di giochi disponibili su Mac.