Maggio 27, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“Stazioni sciistiche, organizzazioni modello nell’Antropocene”

“Stazioni sciistiche, organizzazioni modello nell’Antropocene”

DottIn un articolo diventato un classico dell’economia e delle scienze gestionali, l’economista britannico Ronald Coase (1910-2013) Natura della società »Ciò spiega ciò che spiega l’emergere delle corporazioni nella società. Piuttosto che difendere il lignaggio storico di questa entità diventata così potente nel nostro mondo moderno, Coase si preoccupava principalmente di ciò che costituiva la natura originaria della società: la questione del coordinamento.

L’azienda è nata perché gli individui non sempre riescono a coordinare le proprie transazioni. Questa risposta rimanda a ciò che i filosofi chiamano “ontologia”: un interesse per ciò che costituisce l’essenza delle cose, nei modi in cui le categorie del mondo sono costruite. Paradossalmente in questo articolo non si parla di “natura” nel senso scientifico ambientale, ma si tratta piuttosto di transazioni tra gli organismi viventi e il loro ambiente.

Nella migliore delle ipotesi, immaginiamo A “stato della natura”, ovvero un mondo piatto e simmetrico in cui gli individui ridotti ai loro attributi più semplici hanno difficoltà a coordinare le proprie azioni e ad adattare le proprie transazioni. Questa particolarissima ontologia è alla base della teoria delle organizzazioni in cui l’impresa diventa il punto nodale del mondo.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati Le teorie organizzative non hanno detto la loro ultima parola

L’Antropocene scuote questa immagine riduttiva delle organizzazioni e delle loro condizioni di esistenza. Si tratta di affrontare le organizzazioni in modo diverso e del modo in cui indagano i cambiamenti ambientali che stanno vivendo. L’attenzione centrale dovrebbe essere rivolta alle “organizzazioni sentinella”, cioè le organizzazioni poste in prima linea nelle manifestazioni tangibili e sensibili del cambiamento climatico e del collasso ambientale. In effetti, esiste un’abbondante letteratura, nel campo dell’ecologia e delle scienze sociali, che si è occupata delle “sentinelle” ambientali o climatiche.

READ  Un ciclo di conferenze in occasione del Festival della Scienza

Feedback forte come quello binario

Queste sentinelle spesso identificano entità naturali (laghi, foreste, barriere coralline, isole, animali) che sono (o sono volontariamente poste in prima linea) in prima linea nei punti critici ambientali, climatici o sanitari. Pensiamo, ad esempio, a questi polli che vengono allevati e monitorati negli allevamenti cinesi e che, a causa della loro malattia, fanno scattare un allarme sanitario. O anche per questi ghiacciai che sono stati studiati da vicino dai geomorfologi per analizzare le discontinuità climatiche. Ma queste prime posizioni, di avamposto, non sono occupate esclusivamente da esseri viventi o entità terrestri; Viene portato avanti anche da organizzazioni sociali ed economiche, come ad esempio le stazioni sciistiche.

Hai il 55,9% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.