Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Standard & Poor’s abbassa il rating del debito francese da “AA” a “AA-“

Standard & Poor’s abbassa il rating del debito francese da “AA” a “AA-“

Una settimana prima delle elezioni europee si è trattato di uno schiaffo in faccia alla maggioranza, che già si trovava in cattive condizioni durante la campagna elettorale.

Per la maggior parte, come in Percy, ci aspettavamo da settimane questo colpo di avvertimento, sperando ovviamente di sfuggire ancora una volta all’ascia. Ma è un peccato che Standard & Poor’s, dopo averlo posto con outlook negativo per due anni, abbia deciso di declassare il rating del debito sovrano francese. L’annuncio è arrivato venerdì sera. Dopo aver perso il suo punteggio eccellente (pari a 20 su 20) durante la crisi finanziaria, durante il mandato quinquennale di Nicolas Sarkozy, la Francia deve ora piangere il suo punteggio eccellente (18 su 20).

L’agenzia di rating Standard & Poor’s ha infatti declassato il rating della Francia “Aaa” A “Aa-“ punizione “Situazione di bilancio in peggioramento” Dallo stato. “Il deficit di bilancio della Francia nel 2023 è stato molto più elevato di quanto ci aspettassimo”.In un’analisi allegata al memorandum, la società americana ha giustificato la sua aspettativa che il deficit non torni al di sotto del 3% del Pil entro il 2027.

“Ho preso atto di questa decisione. Non cambia nulla nella mia determinazione a risanare le finanze pubbliche”.ha detto in un’intervista Al parigino , Il Ministro Bruno Le Maire. “Abbiamo iniziato a farlo e continuiamo a farlo da gennaio. Tre agenzie di rating mantengono il rating della Francia: ma non ho rallentato i nostri sforzi di risparmio. Prosegue promettendo che questo peggioramento non influenzerà la vita quotidiana dei francesi. E per aggiungere: “E vi dirò, in effetti, che la ragione principale di questo deterioramento è che abbiamo salvato l’economia francese”. Il Ministro intende quindi portare avanti la sua strategia “Reindustrializzare, raggiungere la piena occupazione e mantenere il deficit al di sotto del 3% nel 2027”.

A una settimana dalle elezioni europee si tratta chiaramente di un duro colpo per la maggioranza, che è già in difficoltà nella campagna elettorale. Tanto più che la decisione della principale agenzia di rating cancella la soddisfazione che aveva concesso un mese fa ai suoi concorrenti, Moody’s e Fitch. L’opposizione deve cogliere con gusto questa battuta d’arresto questo fine settimana. Alcuni hanno iniziato a criticare il governo venerdì sera. “Ecco dove ci porta la pessima gestione delle finanze pubbliche da parte di Macron e Le Maire!” Scritto da Eric Ciotti, Presidente dei Repubblicani. Bisogna riconoscere che sulla questione delle finanze pubbliche il potere esecutivo ha dato il bastone per scioperare. Dal 2017, il rapporto debito/Pil è aumentato dal 97% al 111% nel 2023. Percy prevede che diminuirà del 112% nel 2027, dopo aver raggiunto il picco del 113% nel 2025.

READ  Ihbad: Orpea in rosso cade sotto il controllo della Caisse des Dépôts - 19/12/2023 alle 19:46.

Una serie di crisi

L’esecutivo non ha problemi a spiegare che l’aumento del debito è stato esacerbato dalle crisi successive che Emmanuel Macron ha dovuto affrontare dalla sua elezione: i gilet gialli, il coronavirus e poi l’inflazione. Tuttavia, l’argomentazione non regge al confronto: in media, durante questo periodo, in Europa il debito è diminuito. Pertanto, la spesa pubblica francese rappresentava il 57% del Pil alla fine dello scorso anno, otto punti in più rispetto alla media dell’Eurozona, mentre i francesi continuano a lamentarsi del deterioramento dei servizi pubblici.

Il 2023 rappresenta una svolta, con un deficit pubblico astronomico del 5,5% nonostante il Paese sia uscito da misure eccezionali di protezione contro l’inflazione. Il deficit del bilancio generale dello Stato ha raggiunto i 173 miliardi di euro, 21 miliardi in più rispetto al 2022, ovvero 9 miliardi in più rispetto a quanto inizialmente previsto nella Legge Finanziaria 2023. “Si tratta di un livello vicino al livello record del 2020, che vi ricordo è stato duramente colpito dalla crisi sanitaria. Il confronto con il 2019 è ancora più sorprendente, poiché il deficit è quasi raddoppiato in quattro anni.era sconvolto in una recente intervista Figaro, Pierre Moscovici, primo presidente della Corte dei Conti.

Determinare il risparmio

Per correggere la situazione, Percy ha promesso di salvare. Per il bilancio 2024, 10 miliardi sono stati approvati con decreto a gennaio, e altri 10 miliardi sono stati distribuiti tra comunità e Stato. Per il 2025 il Ministero conta di risparmiare circa 20 miliardi di dollari. Resta da conoscerli. Sono state avviate revisioni della spesa, in particolare nella sfera sociale o negli aiuti alle imprese, e le loro conclusioni sono state in parte pubblicate. Tuttavia, per ora, non si tratta di renderlo pubblico. Eventuali annunci dolorosi attenderanno fino alla fine della campagna.

READ  Lo Stato avvia la rinazionalizzazione dell'EDF

Nella sua recente analisi dell’economia francese, il FMI ha osservato che in uno scenario senza cambiamenti politici, essa si limiterebbe a consolidarla “Azioni intraprese e chiaramente documentate”, “Il deficit pubblico rimarrà elevato al 5,3% del PIL nel 2024 e diminuirà leggermente al 4,5% nel 2027”.. Il governo è lontano dagli obiettivi di deficit rispettivamente del 5,1% e del 2,9%. Tuttavia, la valutazione del FMI non tiene conto della recente riforma dell’assicurazione contro la disoccupazione. Secondo le previsioni del governo, potrebbe generare risparmi fino a 4 miliardi di euro e soprattutto aumentare il potenziale di crescita del Paese. Resta il fatto che il deficit della previdenza sociale, annunciato giovedì, dovrebbe raggiungere i 6 miliardi di euro in più del previsto nel 2024, sufficienti a cancellare gli effetti della riforma.

L’intrattenimento non è gestito dalle agenzie

“I francesi non credono nella piena occupazione. La situazione attuale rappresenta un buon equilibrio per le persone, tra trovare lavoro ed essere protetti. Ma questo non è un buon equilibrio per il Paese, confidiamo in Percy. Con un modello sociale fisso, non possiamo raggiungere la piena occupazione. Dobbiamo quindi passare dallo stato sociale allo stato di protezione. Al Ministero dell’Economia, dove la decisione di Standard & Poor’s è diventata nota venerdì mattina tardi, lo slogan era chiaro: “Non ci permetteremo di essere intrattenuti dalle decisioni dell’agenzia!”. Anche Bruno Le Maire ha voluto organizzare giovedì sera una cena per festeggiare i sette anni della sua presidenza. “Momento amichevole con 150 dipendenti attuali ed ex”.

Resta il fatto che gli agenti del France Trésor, il dipartimento di Bercy responsabile della situazione debitoria francese, seguiranno attentamente l’apertura dei mercati finanziari lunedì mattina. L’anno scorso, la decisione di Fitch di declassare il rating creditizio della Francia non ha mosso minimamente i titoli di debito. In teoria dovrebbe accadere la stessa cosa anche lunedì, con le obbligazioni francesi che rimarranno molto apprezzate dagli investitori. Ma nessuna istituzione o paese è immune da qualsiasi cambiamento nel sentiment del mercato.

READ  Il vaccino Omicron appropriato di Pfizer sarà pronto a marzo, conferma il CEO