Aprile 17, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Siria: cosa sappiamo degli attacchi israeliani che hanno causato la morte di almeno otto persone all'ambasciata iraniana

Siria: cosa sappiamo degli attacchi israeliani che hanno causato la morte di almeno otto persone all'ambasciata iraniana

Lunedì un raid israeliano senza precedenti ha preso di mira il consolato iraniano a Damasco, uccidendo otto persone, secondo una ONG, in un contesto regionale estremamente teso sullo sfondo della guerra a Gaza, hanno riferito i media statali. Questo è il quinto raid in otto giorni contro la Siria, dove l’Iran e i suoi alleati sostengono l’autorità di Bashar al-Assad.

Quello che è successo ?

Il Ministero della Difesa siriano ha annunciato lunedì che il nemico israeliano ha lanciato attacchi aerei dal Golan siriano occupato, prendendo di mira la dependance dell’ambasciata iraniana a Damasco, provocando numerosi morti e feriti. L’ambasciatore iraniano in Siria ha dichiarato: “L’edificio è stato attaccato da aerei da combattimento F-35 e sei missili”.

Secondo il Ministero della Difesa siriano, questi attacchi “hanno completamente distrutto l’edificio”, situato a Mezzeh, secondo l’agenzia di stampa ufficiale siriana SANA, un’area che comprende ambasciate ed edifici delle Nazioni Unite. Il ministero ha aggiunto: “Tutti coloro che si trovavano all'interno sono stati uccisi o feriti”.

Un corrispondente dell'Agence France-Presse sul posto ha confermato che l'edificio annesso all'ambasciata è stato completamente distrutto a seguito del raid. Le immagini mostravano l'edificio completamente distrutto e ridotto a un rudere. Non lontano dalla scena, decine di uomini si sono radunati davanti alla scena. Sul posto è presente un'ambulanza.

Chi sono le vittime?

L'Osservatorio siriano per i diritti umani, una ONG con sede nel Regno Unito con una vasta rete di fonti nel paese, ha riferito che otto persone sono state uccise in questo raid.

I media statali iraniani hanno riferito che tra le persone uccise c'era un comandante delle Guardie rivoluzionarie, l'esercito ideologico dell'Iran. Il generale di brigata Mohammad Reza Zahedi, uno dei principali comandanti della Forza Quds del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica, è stato martirizzato durante un attacco lanciato dai combattenti del regime sionista all'edificio annesso dell'Ambasciata della Repubblica Islamica dell'Iran a Damasco. ” Come riportato da Irib TV. La Forza Quds, all’interno della Guardia Rivoluzionaria, è responsabile delle operazioni al di fuori dell’Iran.

READ  Volodymyr Zelensky ordina il rafforzamento del confine con la Bielorussia dopo l'arrivo del gruppo paramilitare Wagner

Secondo l'Osservatorio, il bilancio delle vittime comprende altri cinque membri della Guardia rivoluzionaria e due consiglieri iraniani. Tuttavia, l’agenzia di stampa iraniana Nour ha spiegato che “Hossein Akbari, l’ambasciatore della Repubblica islamica dell’Iran a Damasco, e la sua famiglia non sono rimasti feriti durante l’attacco israeliano”.

Come risponde l’Iran?

L’ambasciatore in Siria ha annunciato che l’Iran fornirà una “risposta decisiva” a questo attacco. Hussein Akbari ha affermato che il raid “mostra la realtà dell’entità sionista, che non riconosce alcuna legge internazionale e fa tutto ciò che è disumano per raggiungere i suoi obiettivi”.

Da parte sua, il ministro degli Esteri iraniano ha invitato la “comunità internazionale” a fornire una “risposta seria” agli attacchi israeliani. In una telefonata con il suo omologo siriano, il capo della diplomazia iraniana, Hossein Amir Abdollahian, ha considerato questo attacco “una violazione di tutti gli obblighi e convenzioni internazionali. Ha attribuito le conseguenze di questa azione al regime sionista e ha sottolineato la necessità di prendere sul serio azione.” Una risposta da parte della comunità internazionale a tali atti criminali”.

È questo il primo attacco israeliano in Siria?

Israele ha già effettuato centinaia di attacchi nella vicina Siria contro posizioni dell’autorità siriana, gruppi filo-iraniani, come Hezbollah libanese, e obiettivi militari iraniani da quando la guerra in quel paese è iniziata nel 2011.

Gli attacchi si sono intensificati dall'inizio della guerra, il 7 ottobre, tra Israele e il Movimento di resistenza islamica palestinese (Hamas), alleato di Hezbollah, e l'Iran, nemico di Israele. Israele raramente commenta i suoi attacchi in Siria, ma dice che non permetterà all’Iran, il suo acerrimo nemico, di prendere piede ai suoi confini.

READ  La Danimarca vuole inviare 300 prigionieri in Kosovo