Gennaio 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Recensione Philips 55OLED936: il TV Philips Oled perfetto

Il televisore Philips 55OLED936 è dotato di un display Oled Evo a 10 bit e 100 Hz da 55 pollici (140 cm circa), che visualizza una definizione Ultra HD con una risoluzione di 3840 x 2160 pixel. Il pannello Oled Evo copre ancora il 99% dello spazio colore DCI-P3, mentre mostra una luminosità massima più elevata rispetto ad altri pannelli Oled classici. Trovato in TV LG OLED G1 e Sony A90J.

Philips TV ha ancora il sistema di illuminazione ambientale a quattro lati Ambilight originale ed è basato su Android TV. Questo modello si distingue soprattutto grazie al suo doppio tweeter Bowers & Wilkins 3.1.2 da 10 W con un diaframma più rigido da 100 x 65 mm, un magnete per i bassi più potente (20 W) e un tweeter a forma di occhio. Produttore Bowers & Wilkins – 2.5 watt, più due altoparlanti da 12,5 watt rivolti verso l’alto per un effetto Dolby Atmos.

Il Philips 55OLED936 è attualmente venduto a circa 2.500 euro. È disponibile anche nella versione da 65 pollici (Philips 65OLED936) a circa 3.500 euro. Questo modello è disponibile anche in una versione da 48 pollici (122 cm) con il riferimento 48OLED936, ma non ha un pannello Oled Evo (quest’ultimo non è sulla versione da 48 pollici).

Tutte le misurazioni di luminosità e colore menzionate in questo articolo sono state eseguite utilizzando la sonda e il software SpectraCal C6-HDR Kalman Ultimate.

Philips 55OLED936 Sub-pixel del pannello Oled.

Se il TV Philips 55OLED936 utilizza un pannello Oled Evo, la struttura dei sub-pixel è la stessa di quella del Philips 55OLED806 / 856 Da quest’anno e anche inOLED805 dall’anno scorso. I TV Oled Evo LG G1 e Sony A90J hanno un pannello diverso, ma sfruttano anche uno chassis già visto negli anni precedenti. Quindi, ci sono quattro sub-pixel in bianco, blu, rosso e verde. I sub-pixel blu e verde hanno la forma di bastoncini piuttosto sottili mentre i sub-pixel rossi sono più grandi per supportare una maggiore luminosità di picco mantenendo la temperatura del colore vicino a 6500K. anni ormai. La tecnologia Oled offre ancora i migliori angoli di visualizzazione sul mercato, con una perdita di luce a 45° limitata al 20%. Non c’è chiaramente alcuna differenza nel nero, poiché i sub-pixel sono disattivati ​​individualmente.


La modalità Movie Maker mostra una qualità dell’immagine perfetta. Con un delta E medio di 1,7 – ben al di sotto della soglia di 3 al di sotto della quale l’occhio non riesce più a percepire derive cromatiche – i colori visualizzati sono fedeli a quelli inviati dalla sorgente, tanto più che “nulla supera delta E3. La curva della temperatura è stabile su tutto lo spettro e la media Scalata a 6370 K è molto vicina allo standard video (6500 K). Lo stesso vale per la curva gamma con una media di 2,36, vicina al riferimento 2,4, che si traduce in grigi perfettamente riprodotti Richiedendo la tecnologia Oled, il contrasto è considerato illimitato come può essere Ogni pixel viene spento singolarmente, garantendo una precisione senza pari dei neri, anche molto profondi.

Il perfetto motore di miglioramento delle immagini di Philips è diventato ancora più raffinato con la quinta generazione di processori video Philips, chiamata P5 AI Gen5. Se gli appassionati di cinema vogliono fare di più, gli appassionati di ritocco fotografico saranno conquistati dalle prestazioni di questa elaborazione, che trasforma un’immagine da una sorgente HD o Full HD in un’immagine Ultra HD con un livello di dettaglio ingannevole. In modalità Filmmaker, questa elaborazione è disabilitata per un ridimensionamento più uniforme, evitando così i difetti. D’altra parte, gli appassionati di cinema rimarranno impressionati dalle prestazioni del motore di compensazione P5 Perfect Natural Motion. Philips è chiaramente all’avanguardia in questo campo e dimostra che è possibile produrre immagini perfettamente nitide mentre si è in movimento, senza forzare la planata. Perfect Clear Motion Engine elimina la sfocatura dietro gli oggetti in movimento, rendendo così un’immagine con una chiarezza sorprendente.

La tecnologia Oled elimina ancora il tempo di bagliore, che si traduce in pochissime sfocature dietro gli oggetti in movimento. Il ritardo del display è quindi misurato a 21,6 ms, che è 15 ms in più rispetto all’OLED856. Ciò si traduce in un ritardo di un fotogramma leggermente superiore alla sorgente (a 60 Hz). In pratica, questo non cambia molto e il divario tra l’azione su console e il suo effetto sullo schermo è ancora impercettibile.

Dopo alcune regolazioni manuali (temperatura del colore su “caldo” e “ottimizzazione del colore disattivata”), il televisore Philips offre un’ottima visualizzazione in modalità gioco. Troviamo delta E sotto 3 in SDR e HDR.

Il Forza Horizon 5 è una meraviglia per il Philips 55OLED934.

Il Forza Horizon 5 è una meraviglia per il Philips 55OLED934.

La novità di questo modello 2021 è ovviamente la presenza di due ingressi HDMI 2.1 (HDMI 1 e 2) compatibili con segnali 4K 120Hz, ALLM (Automatic Low Latency Mode) che riduce automaticamente il display lag e VRR (Variable Refresh Rate). Quindi Philips OLED936 è compatibile con FreeSync Premium per Xbox One S/X e Xbox Series S/X, ma anche con G-Sync per PC di Nvidia.

Philips 55OLED936: TV originale con subwoofer Bowers & Wilkins e Ambilight.

Philips 55OLED936: TV originale con subwoofer Bowers & Wilkins e Ambilight.

Se il telaio Philips 55OLED956 ha un design piuttosto discreto, questo non è il caso dello stand, che indica chiaramente la sua differenza rispetto alla concorrenza. Siamo particolarmente consapevoli della firma di Bowers & Wilkins, con il suo iconico tweeter remoto a forma di occhio.

TV di fronte e di profilo.

TV di fronte e di profilo.

Senza il supporto, il televisore ha uno spessore di soli 4,7 cm, ma come sempre lo spazio sul supporto TV è determinato dalle dimensioni del supporto. Ci vogliono 26,6 cm di profondità per ospitare quest’ultimo, che è abbastanza compatto per un televisore da 55 pollici. La larghezza dei piedi è di 89 cm. Pertanto, questo televisore si adatta perfettamente al nostro mobile TV di riferimento che misura 160 x 40 cm.

Torna senza copertura.

Torna senza copertura.

E con la cache.

Connessione.

La connessione è distribuita in due punti. Lateralmente sono presenti due ingressi HDMI 2.0b, due porte USB tra cui USB 3.0, una porta PCMCIA (Common Interface CI+) e un’uscita per le cuffie. Sul retro, ci sono due ingressi HDMI 2.1 aggiuntivi, un’uscita audio digitale ottica, una porta Ethernet e due connettori per antenna satellitare, oltre a un’uscita subwoofer dedicata. Il televisore dispone di un sintonizzatore DVB-T/T2/T2-HD, DVB-S/S2 e DVB-C. Include anche Wi-Fi 802.11ac e Bluetooth 5.0 per connettersi a un dispositivo audio wireless (cuffie o altoparlante).

Ambilight è ancora originale.

Ambilight è ancora originale.

Esclusivamente per i televisori Philips, il sistema Ambilight visualizza i colori dell’immagine sullo schermo sulla parete posteriore, ma non solo. Nel corso degli anni, Philips lo ha migliorato aggiungendo diverse modalità che offrono di sfruttarlo in modo diverso. Quindi la luce d’atmosfera può variare in base al suono o può essere integrata nell’ambiente Philips Hue – luci connesse Philips – per condividere l’atmosfera della stanza.

L'interfaccia di Android TV 10.

L’interfaccia di Android TV 10.

Android TV è uno dei sistemi più completi sul mercato e soprattutto quello che offre più app. La funzione Chromecast consente di ricevere e visualizzare un flusso video inviato da smartphone, tablet o computer.

Come con tutti i TV Android, il primo avvio richiede più tempo. Ci vogliono 36 secondi qui contro solo 10 secondi per il sistema Tizen di Samsung. Fortunatamente il televisore si riattiva in soli 7 secondi, consumando meno di un watt in modalità standby (se la funzione vivavoce è disattivata).

Telecomando con microfono.

Telecomando con microfono.

Tasti retroilluminati.

Tasti retroilluminati.

Questo televisore è dotato di un telecomando molto completo, che fornisce l’accesso a tutte le funzioni. Ha un sistema di retroilluminazione molto pratico che permette di trovare la posizione dei tasti al buio. Infine, ha un microfono necessario per le ricerche vocali tramite Google Assistant.

Il Philips 55OLED936 ha una soundbar Bowers & Wilkins integrata nel piede. Philips offre anche due staffe per quest’ultimo: un supporto da tavolo e una staffa da parete che consente di appendere la TV al muro mantenendo la soundbar direttamente sotto di essa. Quindi questo sistema audio 3.1.2 ha due altoparlanti a banda larga da 10 W, uno dei quali altoparlante in alto A forma di occhio – un biglietto da visita del produttore Bowers & Wilkins – 2,5 W, un altoparlante da 20 W e due altoparlanti da 12,5 W rivolti verso l’alto per l’effetto Dolby Atmos.

Altoparlanti Bowers & Wilkins.

Altoparlanti Bowers & Wilkins.

Firma visiva del produttore.

Firma visiva del produttore.

La resa sonora è eccellente e corrisponde chiaramente ai migliori sul mercato televisivo. È particolarmente efficace quando si ascolta musica con una bella riproduzione della gamma medio-bassa di 60 Hz e dell’intero spettro. Il display Dolby Atmos, invece, lascia a desiderare e a questo proposito il TV Philips si comporta meno bene del Panasonic TX-65JZ2000, che è un vero standard su questo punto. Ricordiamo che – nonostante le ottime prestazioni – l’impianto audio di questi due televisori rimane ben oltre il display offerto da speaker dedicati come Sony HT-ZF9 o il Samsung HW-Q900T.

Risposta in frequenza a 79 dB (A).

Risposta in frequenza a 79 dB (A).

READ  La Corea del Sud sta per porre fine al monopolio sui pagamenti delle app