Settembre 24, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Rallentamento all’orizzonte in Europa, rendimenti e dollaro in rialzo (AGGIORNATO) – 22/08/2022 alle 08:36

L'Europa dovrebbe diminuire

L’Europa dovrebbe diminuire

PARIGI (Reuters) – Lunedì all’apertura è previsto un calo delle principali borse europee con il dollaro che raggiunge il massimo da cinque settimane, il dibattito sull’aumento dei tassi di interesse negli Stati Uniti, il rischio di una recessione in Europa e le difficoltà economiche in La Cina continua a focalizzare l’attenzione degli investitori.

I futures su indici indicano un calo dello 0,49% per il CAC 40 a Parigi, dello 0,44% per il Dax di Francoforte, dello 0,25% per il FTSE 100 di Londra e dello 0,4% per l’EuroStoxx 50.

Quest’ultimo è sceso dell’1,23% la scorsa settimana mentre il CAC 40 ha perso lo 0,89% dopo una serie di sei settimane consecutive di aumenti.

La prossima settimana sarà dominata dall’intervento del presidente della Federal Reserve statunitense Jerome Powell al simposio di Jackson Hole di venerdì, che gli darà l’opportunità di chiarire le sue posizioni sui tempi e sul ritmo degli aumenti dei tassi di interesse. Tasso di interesse a meno di un mese dalla prossima riunione di politica monetaria.

Dai commenti di altri funzionari della Fed la scorsa settimana, i mercati hanno sostanzialmente mantenuto la necessità di continuare ad aumentare i tassi di interesse ei primi segnali di rallentamento dei tassi sembrano ancora troppo deboli per giustificare un cambio di rotta.

“Gli stakeholder della Fed hanno sottolineato che stanno arrivando altri rialzi dei tassi poiché la lotta contro l’inflazione non è ancora vinta”, riassume in una nota Rodrigo Cattrell, senior currency strategist della National Australia Bank.

Mercati ed economisti intervistati da Reuters nei giorni scorsi continuano a favorire l’ipotesi di un rialzo di 50 punti base a settembre, ma resta sfuggente la possibilità di un rialzo di 75 punti base.

READ  Un'indagine sul siluro Arcep 5G di Free

In Cina, invece, è il calo dei tassi di interesse a fare notizia: la People’s Bank of China (PBC) ha già tagliato a uno e cinque anni i tassi di prestito chiave, una nuova misura per sostenere il credito dopo quelli fissati la scorsa settimana di fronte alle difficoltà Il settore immobiliare in corso e il riemergere della pandemia di COVID-19.

In attesa del discorso di Jerome Powell, gli investitori prenderanno in considerazione i primi risultati dei sondaggi S&P Global PMI di martedì e il verbale della riunione di luglio della Banca centrale europea di giovedì.

I valori da seguire:

Wall Street

La Borsa di New York ha chiuso in ribasso venerdì, trascinata al ribasso dalle grandi azioni statunitensi e dall’aumento dei rendimenti obbligazionari statunitensi, chiudendo quattro settimane consecutive di guadagni.

Il Dow Jones è sceso dello 0,86%, o 292,3 punti, a 33706,74 punti, lo Standard & Poor’s 500 ha perso 55,37 punti, o 1,29%, a 4228,37 e il Nasdaq Composite è sceso da 260,13 punti (-2,01%) a 12.705,22.

Amazon (-2,86%), Apple (-1,51%) e Microsoft (-1,39%) sono stati i principali contributori al calo dell’S&P 500.

Nell’intera settimana, quest’ultimo è in calo dell’1,21%, dopo quattro rialzi settimanali consecutivi. Il Dow Jones ha perso lo 0,16% durante la settimana e il Nasdaq il 2,62%.

I futures su indici finora indicano un calo di circa lo 0,5%.

In Asia

A Tokyo, il Nikkei ha chiuso la sessione in ribasso dello 0,47%, poiché i principali titoli tecnologici sono crollati sulla scia di Wall Street a causa dell’aumento dei rendimenti obbligazionari: Tokyo Electron ha perso l’1,97%, Fanuc l’1,93% e Shin Etsu Chemical l’1,07%.

In Cina, l’indice Shanghai SSE Composite è in rialzo dello 0,49% e l’indice CSI 300 è in rialzo dello 0,65% dopo il nuovo taglio di prezzo BPC.

READ  SNCF propone un'offerta alternativa

i cambiamenti

Il dollaro ha raggiunto il livello più alto dal 15 luglio contro le altre principali valute prima di ridurre i suoi guadagni (+0,06%).

Lontano dalle speculazioni sui prezzi statunitensi, il dollaro beneficia delle ripetute difficoltà con l’euro: a 1,0032 dollari, quest’ultimo si è avvicinato alla parità dopo che la Russia ha annunciato venerdì la chiusura del gasdotto Nord Stream 1 dal 31 agosto al 2 settembre, che dovrebbe aumentare i rischi di penuria in Europa.

Lo yuan cinese, da parte sua, è sceso al livello più basso in quasi due anni dopo il taglio del prezzo di BPC.

modificata

Il rialzo dei rendimenti obbligazionari statunitensi, stimolato dai dati sui prezzi alla produzione tedeschi di venerdì, non si sta attenuando: il periodo di 10 anni, che ha guadagnato quasi 10 punti base nell’ultima sessione della settimana, ha superato il 3% per la prima volta dal 21 luglio. Torna al 2,974% e i due anni vengono visualizzati al 3,2635%.

Sul mercato europeo, il 10enne tedesco, che venerdì ha guadagnato quasi 15 punti, è sceso leggermente nel primo scambio, all’1,213%.

olio

Il mercato petrolifero è nuovamente in ribasso dopo tre sessioni di rialzi di seguito e il timore di vedere tassi di interesse più elevati negli Stati Uniti pesare sulla domanda dopo aver ripreso il sopravvento.

Il Brent è sceso dell’1,77% a $ 95,01 al barile e il light crude statunitense (West Texas Intermediate, West Texas Intermediate) dell’1,38% a $ 89,52.

Nessun grande indicatore economico in agenda per il 22 agosto

(Scrittura di Marc Angrand, montaggio di Matthew Brotthard e Kate Enteringer)