Dicembre 2, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Perché la situazione sarà più vulnerabile in un anno

Foto illustrativa (Reuters/Eric Gillard)

Se c’è una minaccia di interruzioni di corrente il prossimo inverno, le autorità temono ancora di più.

Il prossimo inverno è il nocciolo di tutte le domande. Ci saranno interruzioni di corrente durante i picchi di consumo, tra le 8:00 e le 13:00 e tra le 18:00 e le 20:00? Se a dicembre la situazione sembrava rassicurante, sarà più complicata a gennaio e febbraio, quando il rischio di interruzioni è più alto secondo RTE.

Ma soprattutto è l’inverno successivo quello che ci preoccupa di più. Chiesto di Business FM“Abbiamo buone possibilità che non vada troppo male per l’inverno 2022-2023. Per il 2023-2024 è ancora molto incerto”, ha avvertito il presidente della Commissione per la regolamentazione dell’energia (CRE), Emmanuel Wargonne, riconoscendo che questo è un secondo inverno teso Sarà “probabilmente” il più pericoloso.

La situazione sarà più complicata per il gas.

Un timore fondato secondo Thierry Bruce, professore a Sciences Po specializzato in questioni energetiche. “Per quanto riguarda il gas, sappiamo che la situazione sarà più complicata rispetto a quest’anno. A causa della guerra in Ucraina, anche se le scorte sono piene, sarà più complicato riempirle prima del prossimo inverno. Era lo scorso inverno E non saremo in grado di trovare tante risorse di gas quante prima per sostituire il gas russo “, spiega lo specialista.

In Ucraina, infatti, è scoppiata la guerra il 24 febbraio 2022, il che significa che le riserve di gas sono state ancora rifornite di gas russo durante lo scorso inverno, il che ha permesso di mantenere un alto livello di riserve, che oggi sono piene al 100%.

READ  Senza "a qualunque costo", le finanze pubbliche si sarebbero ulteriormente deteriorate

Un miglioramento della produzione nucleare?

Altro elemento, più positivo, questa volta riguarda l’elettricità. “Concernant le nucléaire, on peut espérer que la situation sera plus favorevoli que celle de cet hiver, en misant sur davantage de centrales en fonctionnement dans un an”, pour Thierry Bros, ajoutant toutefois que “l’énergie ne sera pas aussi abondante que dal passato”.

Ben 27 dei 56 reattori nucleari francesi sono stati chiusi nelle ultime settimane, privando la Francia di gran parte del suo impianto di produzione. Gran parte degli arresti delle centrali elettriche sono dovuti a ritardi di dieci anni nella manutenzione, dovuti alle restrizioni legate alla pandemia di Covid, e alla scoperta di problemi di corrosione lo scorso inverno, che hanno costretto l’EDF a condurre un’ispezione quasi pubblica dei reattori.

Impresa a rischio?

Ottimismo placato da Emmanuelle Galichet, dottore di ricerca in fisica nucleare ed educatrice-ricercatore presso l’Istituto nazionale delle arti e dei mestieri (Cnam), per la quale la situazione sarà tesa “Fino a quando non avremo terminato le ispezioni decennali dei reattori da 1.300 e 1.400 MW , direi Fino al 2025. Ci saranno ancora due inverni piuttosto difficili ”, ammette a Pranzo gratis.

Le conseguenze, teme Thierry Brosse, “poiché non avremo energia abbondante ea buon mercato, la deindustrializzazione che è iniziata, si intensificherà, e questo equilibrerà il sistema. Ma le aziende che hanno bisogno di molta energia come Duralex e Arcelor Mittal sono in pericolo mortale, soprattutto perché non ci sarà una nuova centrale prima del 2040. Scegliere di chiudere Fessenheim è un errore che oggi paghiamo”, conclude lo specialista.

Durante l’ultima campagna presidenziale, Emmanuel Macron ha dichiarato nel suo programma il suo desiderio di costruire da sei a quattordici aerei EPR ed espandere la flotta nucleare esistente. Il primo è previsto per l’anno 2035.

READ  Decisione in appello lunedì a favore della banca svizzera UBS

Video – Thierry Brosse: “La domanda è: saremo in grado di avere l’elettricità quest’inverno premendo il pulsante?”