Maggio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Non c’è separazione tra i francesi e la scienza

Non c’è separazione tra i francesi e la scienza

Universcience ha condotto la sua Critical Thinking Scale una seconda volta. Risultati che indicano un forte legame tra i francesi e la scienza, ma anche disparità tra generazioni, socioeconomia e genere.

L’81% dei francesi pensa che la scienza faccia parte della cultura e 2 su 5 si considerano scienziati. Una forte adesione del popolo francese innalza la seconda misura dello spirito critico dell’universo. Scopriamo anche che la metà di loro (58%) ha un buon ricordo della scienza a scuola e ha visitato un luogo scientifico o un museo negli ultimi tre anni.

Più della metà (55%) riceve informazioni almeno una volta al mese su argomenti scientifici e il 38% si dedica saltuariamente ad attività scientifiche. Nel dettaglio, notiamo che “entusiasti” (14%) o “interessati” (35%) sono giovani, idonei e di sesso maschile. Gli “irregolari” (40%) erano tendenzialmente donne, appartenenti alla classe operaia e con qualifiche scarse o nulle.

>>Leggi anche: Ingegnere donne: Maghreb in cima al mondo, OCSE in fallimento!

La maggior parte è convinta del riscaldamento globale

Anche il riscaldamento globale è una delle principali preoccupazioni. È un consenso del 63% degli intervistati. Una terza parte ritiene di non essere d’accordo o di non prendere posizione su tali questioni. Per quanto riguarda il cambiamento climatico, gli scienziati sono considerati i più affidabili (42%). E la sfiducia nei confronti delle multinazionali (12% di fiducia) e dei politici (10%) è dimostrata. Personaggi che sono sullo stesso piano degli influencer!

In termini di ciò che il pensiero critico significa per loro, quasi la metà pensa che si riferisca a “mostrare un pensiero logico e razionale”, a “informarsi prima di prendere una posizione” e infine “essere in grado di interagire con persone che non la pensano come loro “. L’indagine rivela anche una diffusa ignoranza dei pregiudizi cognitivi e dei loro pericoli.

READ  Stress e ansia: ecco i 7 cibi migliori per il tuo sistema nervoso

Per stimolare il loro pensiero critico, credono che venga prima dai genitori (72%) e da insegnanti e amici (68%). I giornalisti lo aiutano solo per il 40% degli intervistati. Per la maggioranza (74%), sono le discipline umanistiche a primeggiare, davanti alle scienze dure. 4 francesi su 5 pensano di poter cambiare idea sulla base di buoni motivi. Per due terzi le discussioni avvengono più tra amici (65%) o durante i pasti in famiglia che al lavoro (32%) o sui social network (23%).

I profili dalla mentalità critica sono “analisti” (consumatori di media tradizionali più anziani, istruiti) e giovani “fiduciosi” e abitanti delle città. Le persone “diffidenti” sono anche giovani ma meno istruite, preferiscono Internet ei social network ai media tradizionali e sono più scettiche sul clima. Infine, i “lontani” sono nella popolazione rurale, femminile e meno istruita.

>> Leggi anche: Job Hopping: lavorare per un’azienda è come cambiarsi la camicia

Ragazzi curiosi che preferiscono stare per conto loro

Nella maggior parte della popolazione, le persone di età compresa tra i 18 ei 24 anni sono le più esposte alla scienza. Frequentano di più i musei e utilizzano regolarmente informazioni su argomenti scientifici (74%). E contrariamente a quanto si crede, preferiscono chi li circonda (69%) come canale di informazione via Internet e social network. La televisione convince solo un terzo delle persone tra i 18 ei 25 anni come fonte di informazione. Si fidano più dei social network rispetto agli anziani (42% contro 29%). Infine, un giovane su due non si definisce critico. Il 57% di loro preferisce addirittura parlare con persone che condividono le loro opinioni. Non molto adatto per scambi costruttivi!

READ  Uno studente è morto di meningite batterica e tredici casi di contatto sono stati identificati dall'ARS