Ottobre 25, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Nobel e scienza lenta

Presentando il premio quest’anno a due ricercatori che hanno scoperto le ragioni per cui percepiamo la temperatura e il tatto, il “Premio Nobel per la fisiologia o la medicina” riconosce una svolta avvenuta alla fine degli anni ’90. Il tempo medio tra la “scoperta” e il premio Nobel.

nel 2014, un po’ di analisi Pubblicato nella newsletter La fisica oggi Ha anche dimostrato che questo periodo ha attraversato un secolo e questo, per i tre Premi Nobel per le Scienze (medicina, chimica e fisica): è passato da dieci anni all’inizio del Novecento a una media di ventidue anni nei primi anni 2000 per il Premio Nobel per la Medicina – e 30 anni per il Premio Nobel per la Fisica.

La frequenza dei premi assegnati più di 20 anni dopo la loro scoperta è aumentata “per tutte le discipline. La crescita è più rapida in fisica e più lenta in medicina”.

Ne consegue che anche l’età media dei vincitori è più alta, di decennio in decennio. Con rischi, l’autore ha osservato nel 2014: se questa tendenza continua, “alla fine del secolo, i potenziali vincitori in fisica o chimica saranno probabilmente morti prima di ricevere il premio Nobel”.

la rivista L’economista Partecipato a Stesso anno nel 2020Ha affermato che il divario ha continuato ad allargarsi. Con eccezioni occasionali: l’anno scorso, il Premio Nobel per la Chimica è stato assegnato a Emmanuel Charpentier e Jennifer Doudna per il loro lavoro nell’editing genetico, e il lavoro è stato riconosciuto “rapidamente”, con la svolta “solo” che risale al 2012.

La Royal Swedish Academy of Sciences è nota per la sua oscurità, non abbiamo informazioni sulle deliberazioni della giuria. Di conseguenza, coloro che hanno rispettato queste scadenze si stanno rivolgendo alla speculazione.

READ  Quali sono i primi segni di malattia?

Ma il risultato è che il Premio Nobel, sebbene prestigioso, raramente cambia il corso degli eventi nella scienza: evidenzia una svolta in un campo specializzato che tutti nel campo hanno da tempo riconosciuto come una svolta importante.

D’altra parte, ha valore per la divulgazione scientifica, perché la rispettiva area in cui si concentrano i riflettori è (brevemente) generalmente sconosciuta al grande pubblico.

L’anno scorso il Premio Nobel per la Medicina era tutto incentrato su un virus, ma abbiamo cercato invano un legame con quello che all’epoca stava a cuore all’intero pianeta: il premio era invece un lavoro gratificante sul virus dell’epatite C. I tre vincitori hanno contribuito , iterando questo Il virus, nello sviluppo di sofosbuvir, è certamente un trattamento rivoluzionario, ma è stato sviluppato nel primo decennio del ventunesimo secolo.

Un’altra conseguenza di questi ritardi è che i riflettori sono ingiustamente puntati solo su due o tre persone (il Premio Nobel per la Scienza può essere assegnato solo a un massimo di tre persone) che spesso sono solo una parte di coloro che hanno contribuito alla scoperta. Dai tempi di Alfred Nobel, la produzione scientifica è già diventata un’impresa molto più collettiva, ed è comune che ciò che viene chiamato dai media una “scoperta” sia in realtà una fusione di qualche svolta avvenuta separatamente e a distanza di anni, in isolamento.

Ainsi, il co-lauréat du Nobel de médecine de cette année, il fisiologo David Julius, de l’Université de Californie, avait identifié dans les années 1990 une protéine appelée TRPV1, qui provoque en nous cette feeling du brûs brûlu Red pepper. Mentre il team del biologo Erdem Patabutian, dello Scripps Institute, ha individuato dei recettori che reagiscono sulla pelle e su altri organi con la pressione e il tatto. Ciò ha portato anche all’identificazione dei meccanismi di interazione con il caldo e il freddo.

READ  Festival della scienza delle biblioteche

Le polemiche su chi avrebbe dovuto prendere il premio nascono sempre da lì: decine, se non centinaia, di persone potrebbero aver contribuito all’hack. fatto notato, dal 2013Il microbiologo Arturo Casadevall, in un testo dal titolo “Il premio Nobel è buono per la scienza?”. In esso, raccomandava di abbandonare la vecchia regola dei tre vincitori e di assegnare il Premio Nobel per la scienza a una squadra o a un gruppo, come il Premio Nobel per la pace.

Il risultato finale di questi ritardi è che il Nobel per la Scienza tende generalmente a premiare le persone che hanno già ricevuto più della loro quota di premi. Un fatto osservato da due ricercatori nel 2018 ad A Analisi precedentemente pubblicate “Comunicazioni tra più di 3.000 vincitori scientifici”. Ad esempio, il 64% dei vincitori di un premio prestigioso ha già vinto un altro premio prestigioso.

Ma allo stesso tempo è una conseguenza inevitabile di questi lunghi ritardi. Ad esempio, quest’anno in molti hanno speculato sulle possibilità di assegnare il Premio Nobel per la Medicina agli scopritori del vaccino a RNA, scoperta risalente agli anni 2000. Due di loro, Katalin Carrico e Drew Weissman, hanno già recentemente vinto il Breakthrough Prize in Life Sciences e il Lasker Prize in Clinical Research. Se questi vaccini continuano a dimostrarsi efficaci contro l’attuale coronavirus e se vengono sviluppati contro altri virus, verranno aggiunti altri premi all’elenco e quindi il Nobel potrebbe essere solo un’incoronazione tardiva.