Gennaio 31, 2023

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Cosa significa “fiducia nella scienza”?

Pubblicata alla fine del 2021, una nota per l’Economic Analysis Council di Daniel Cohen e Jan Allgan ha presentato un rapporto sui progressi in Europa sugli effetti della crisi del Covid-19 sull’economia e sulla psicologia della popolazione, ma anche sulla fiducia nella scienza. Sebbene si parli costantemente di sfiducia generale, questo rapporto mostra che la fiducia nella scienza al contrario è molto forte, al 90%! Certo, questo numero deve essere preso in considerazione, perché non è chiaro se significhi che ci fidiamo del 90% di ciò che dicono gli scienziati o se il 90% della popolazione si fida degli scienziati … un tasso elevato.

Ti fidi della scienza?

Tuttavia, ci sono diversi modi per comprendere la domanda: “Ti fidi della scienza?”. Il primo sarebbe: hai fede nel valore di verità di ciò che gli scienziati dicono, nelle loro parole, e se sì, questo si applica a tutti gli scienziati o solo ad alcuni che saranno i tuoi preferiti? ? Il secondo modo è: hai fiducia nella scienza come processo di conoscenza in grado di produrre risultati cosiddetti “scientifici”, presumibilmente per beneficiare di una certa obiettività? E c’è una terza via, che è: ti fidi della scienza per affrontare le sfide che ci attendono in termini di ambiente, clima, energia, biodiversità, inquinamento, ecc. Il che, ovviamente, indica qualcosa di completamente diverso.

In Europa, la fiducia nella scienza è stata relativamente ben preservata, con l’eccezione di un paese: la Francia

Ma a prescindere dalla comprensione della questione, in tutta Europa questa fiducia nella scienza si è conservata in una certa misura, tranne una: la Francia, dove ha perso 20 punti percentuali in 18 mesi. Ed è enorme! Dobbiamo quindi chiederci cosa potrebbe spiegare questa esclusività, questa sorta di “eccezionalismo culturale” all’interno dell’Europa. È questo il modo di organizzare la scienza e la ricerca durante una pandemia? Sarà perché abbiamo personalizzato troppo le discussioni, dando la parola a persone che hanno detto “credo di sì”, quando il mondo dovrebbe invece dire “lo sappiamo… e chissà se quello”, distinguendo così tra ciò che sappiamo Scienza – quello che sappiamo per non saperlo – e qual è lo scopo della ricerca? Sarà perché ci siamo divertiti a organizzare dissapori prematuri o artificiosi?

Se sorgono queste domande, è perché un altro studio non smette di preoccupare. Si tratta di un’indagine condotta da IFOP per la Reboot Foundation e la Jean Jaurès Foundation, e pubblicata il 12 gennaio 2023. È stata condotta su un campione di 2.003 persone rappresentative della popolazione di età compresa tra gli 11 e i 24 anni, e aveva lo scopo di quantificare “il disinformazione dei giovani e il loro rapporto con la scienza e il paranormale nell’era dei social network”. I giovani su quattro aderiscono alle teorie del creazionismo: il 16% ritiene che la Terra possa essere piatta, il 20% ritiene che gli americani non siano mai stati al Moon, il 49% crede che l’astrologia sia una scienza, e gran parte di loro vede la popolarità dell’influencer come una garanzia di credibilità, ecc., e il peggio…

Grande fiducia dei giovani in quello che si dice sui social network?

L’osservazione è la separazione di gran parte dei giovani in accordo scientifico. Ci si chiede se si tratti di un effetto generazionale o di un effetto dell’età. Se è un effetto dell’età, andrà via con l’età. Se si tratta di un effetto generazionale, derivante in particolare da una grandissima fiducia in quanto viene raccontato sui social, questo preannuncia piuttosto l’emergere di una “comunità di influencer”, per riprendere l’espressione di Pierre Rosanfallon: mentre noi pretendiamo di amare la verità, ci accontenteremo di dichiarare la sincerità delle idee che amiamo.

L’intera colonna può essere ascoltata facendo clic sulla parte superiore della pagina. Storia, economia, scienza, filosofia, storia dell’arte…

Ascolta e iscriviti al podcast “Why How”. ; I migliori esperti rispondono a tutte le domande che non oseresti fare.

READ  Vicino a Perpignan: otto bambini della stessa scuola hanno un'epidemia di scarlattina