Marzo 1, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Muore Paul Taponier, pioniere della tettonica a placche

Muore Paul Taponier, pioniere della tettonica a placche

Il geologo, membro dell'Accademia delle Scienze in Francia e dell'Accademia Nazionale delle Scienze degli Stati Uniti, è morto il 24 dicembre 2023, all'età di 76 anni.

Il geologo Paul Taponier, pioniere riconosciuto a livello internazionale nello studio della deformazione continentale, è morto il 24 dicembre 2023 a Pechino, la città dove tuttora gestisce il suo laboratorio di ricerca, all'età di 76 anni. È un segno del suo grande contributo alla sua specialità il fatto che dal 2005 sia membro dell'Accademia delle Scienze in Francia, ma anche membro dell'Accademia Nazionale delle Scienze negli Stati Uniti, un riconoscimento alquanto eccezionale per uno straniero.

Dopo aver conseguito la laurea in ingegneria presso l'Ecole des Mines di Parigi nel 1970, Paul Taponnier si è iscritto all'Università di Montpellier, dove ha completato la sua tesi di dottorato in geologia nel 1978. La tettonica a placche era allora una scienza completamente nuova, la teoria dei continenti. La deriva proposta da Alfred Wegener nel 1912 non ottenne consensi fino alla seconda metà degli anni Sessanta. Se la teoria complessiva sarà ben accetta, resta tutto da fare, soprattutto sul campo, per comprendere e descrivere in modo permanente i meccanismi che modellano la superficie. Dal nostro pianeta.

Durante una visita al prestigioso Massachusetts Institute of Technology (MIT) alla fine degli anni '70, Paul Tapponnier scoprì le prime immagini satellitari Landsat. Ne capì subito l'enorme potenziale per lo studio della meccanica delle piastre. Il suo uso pionieristico di queste immagini gli ha permesso di scoprire difetti attivi nell'Asia centrale che nessuno aveva sospettato.

Nel 1980, tornato in Francia, viene notato e reclutato nell'IPGP (Istituto Parigino di Fisica del Globo) da Claude Allegri. È qui che ha trascorso gran parte della sua carriera. “È difficile riassumere una carriera così ricca, ma il contributo principale di Paul Tapponnier è il passaggio dalla teoria globale alla descrizione delle faglie attive, che sono il luogo delle deformazioni della crosta terrestre, dove si concentrano i terremoti, Lo attesta Jan Klinger, direttore del laboratorio istituito da Taponier presso l'IPGP, Gruppo di Tettonica e Meccanica Litosferica. Un segno della sua grande influenza sulla sua specialità è che tutti adottarono il formalismo con cui descriveva la tettonica sulle mappe. »

Secondo i suoi colleghi, il grande talento di Paul Taponier è la sua capacità di collegare una visione globale dei fenomeni con studi approfonditi sul campo. “Molti geologi lavorano sul campo e sanno come identificare le faglie, ma non sono necessariamente in grado di inserirle in un contesto più globale”, ha affermato. Continua Jan Klinger. Paul Taponier aveva un'ottima formazione geologica in questo campo, ma non teneva mai gli occhi sulla roccia! » Un ambito di studio in cui l'approccio di Paul Taponnier si è distinto è stato l'Altopiano tibetano, poiché le ricerche in questo campo erano state condotte in Cina fin dall'inizio degli anni '80, in un'epoca in cui la cooperazione scientifica con quel paese era ancora molto complessa . Combinando immagini satellitari, osservazioni approfondite sul campo e modelli di laboratorio utilizzando la plastilina, ha dimostrato che l'altopiano tibetano si sta spostando verso est verso il Mar Cinese, a causa dell'influenza del subcontinente indiano.

READ  Covid-19: faut-il crindre une nouvelle vague au printemps?

Teoria del consenso

Il triangolo delle placche tettoniche indiane si separò dall'Africa decine di milioni di anni fa, si spostò verso nord attraverso l'Oceano Indiano e entrò in collisione con la placca eurasiatica. “La collisione tra queste due placche ad alta velocità, mentre l’India continua a spostarsi verso nord ad una velocità di 4 centimetri all’anno, porta alla nascita della catena montuosa dell’Himalaya, Nota Jan Klinger. Questo fenomeno assorbe solo il 50% della deformazione risultante dalla collisione e Paul Taponier dimostrò che tutto dietro la catena montuosa si comporta come una massa solida che si muove verso est. Questa teoria, chiamata espulsione dall’altopiano tibetano, è stata a lungo contestata, con modelli alternativi, ma è ormai unanime in tutto il mondo. » Il suo lavoro non si limitò all'Asia, poiché diede un contributo significativo anche al Mediterraneo, a Gibuti e alle Antille.

A causa dei limiti di età, ha lasciato la Francia nel 2008 e si è unito a un team della NTU di Singapore, prima di trasferirsi all'Istituto nazionale dei pericoli naturali di Pechino nel 2019.