Giugno 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Atlanta artica, mescolamento di acqua che sta sciogliendo il ghiaccio marino

Atlanta artica, mescolamento di acqua che sta sciogliendo il ghiaccio marino

Devi immaginare che le correnti oceaniche siano come un grande circolo vizioso nell’acqua. Circonda il globo, a volte nel profondo di noi, a volte in superficie, ed è più o meno salato e più o meno caldo. In breve, tutti gli spessori dell’acqua non sono uniformi e tutto ciò che attraversa questo oceano è in relazione con il resto del clima.

Da circa quindici anni, un periodo abbastanza recente per le conoscenze scientifiche, osserviamo che sempre più acqua calda dall’Oceano Atlantico si riversa nell’Oceano Artico: è il fenomeno della deglaciazione atlantica.

Scienza, CQFD

Questa corrente diventa particolarmente importante e più calda. È profondo 300 metri e ha 4 gradi Celsius, che sono freddi per il nostro corpo, ma caldi per il ghiaccio, soprattutto per quello compatto, che sappiamo si scioglie velocemente e si rigenera sempre meno in inverno. La domanda che rimane senza risposta è l’origine di questo fenomeno e cosa in qualche modo lo mitiga. Nel complesso Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Science Crea il collegamento tra la circolazione dell’atmosfera e l’Oceano Atlantico nell’Artico.

Céline Hughes Scienziato del clima presso l’Università di Göteborg, Svezia: “Il motivo per cui abbiamo il vento, il trasporto atmosferico e tutto questo è perché ci sono differenze nella pressione atmosferica tra luoghi diversi. Dipende da come cambia quella pressione, o se è davvero molto forte da un lato e molto, molto debole dall’altro.” .” Altrimenti, o se la differenza tra i due è piuttosto modesta, ostacolerà il trasporto dell’acqua nell’oceano. Si è riscontrato che al momento tale differenza si trova nella cosiddetta fase negativa. Quasi sorprendentemente, “l’abbiamo visto perché l’atmosfera stava parzialmente bloccando il trasferimento di calore. Quindi ci aspettiamo che quando torneremo a quella fase positiva, in cui l’atmosfera pomperà acqua e calore nell’Artico, ovviamente peggiorerà”.

READ  I ricercatori hanno scoperto un collegamento tra due proteine ​​nel cervello

Quindi è un fenomeno che non dovremmo nemmeno poter osservare perché non è realmente iniziato. In ogni caso, non è al suo massimo… E se riusciamo effettivamente a vedere questa formazione dell’Atlantico, possiamo aspettarci che nei prossimi anni il ghiaccio si sciolga molto più velocemente.

Scienza, CQFD

La sfida posta da questo fenomeno non si limita alla temperatura dell’acqua o alla salinità, ma minaccia anche di rompere gli strati oceanici. Poiché gli oceani non sono masse d’acqua informi, sono costituiti da strati, strati e spazi sovrapposti in cui gli stessi ecosistemi semplicemente non coesistono.

Céline Hughes: “Abbiamo popolazioni completamente diverse che vivono nelle acque artiche ‘native’, che in realtà si trovano nell’Artico, e nelle acque importate dall’Atlantico. Quindi, come ciò modificherà la catena alimentare?”. Potrebbe cambiare completamente l’evoluzione delle specie. Inoltre c’è sempre più competizione tra specie atlantiche e specie artiche, ci sono specie che hanno bisogno di ghiaccio e specie che migrano addirittura tra diversi strati d’acqua, quindi ovviamente più acqua importiamo dall’Atlantico più l’ecosistema dovrà adattarsi, ma non sappiamo in quale direzione.”

La nostra conoscenza di questo fenomeno rimane limitata, anche perché i modelli climatici e oceanici nella regione non sono ancora efficaci. Resta quindi da descrivere meglio questo Atlantico… con un altro grosso problema: gran parte di questo fenomeno avviene nelle acque territoriali russe, il che nell’attuale contesto geopolitico limita il nostro accesso ai dati sul campo e ne rende più difficile la corretta comprensione. .