Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Monna Lisa è tornata in Italia? La sorprendente richiesta di un'associazione al Consiglio di Stato

Un'associazione chiamata International Restoration chiede la restituzione della Gioconda all'Italia.
Afferma di agire per conto degli eredi di Leonardo da Vinci, che donò il dipinto alla Francia nel XVI secolo.
Una richiesta impossibile quando il Louvre punta molto su un lavoro che attira 20.000 visitatori al giorno.

In Cipolla di vetro, il film poliziesco di Rian Johnson prodotto da Netflix, su un ricco eccentrico che noleggia la Gioconda durante la pandemia di Covid. All'inizio del primo mandato di Emmanuel Macron, nel 2018, si era pensato ad una sua iniziativa per renderlo fruibile al pubblico di altri musei, ipotesi altamente improbabile a causa del suo logorio.

Otto anni dopo, una misteriosa associazione chiamata Restauro Internazionale contattò il Consiglio di Stato per restituire all'Italia il dipinto di Leonardo da Vinci. Nella sua richiesta, dice che sta agendo “A nome degli eredi degli eredi del pittore“Speriamo che, se avrà successo, il lavoro non sarà né più né meno”fu scritto“Inventari dell'istituto culturale.

Nelle valigie di Leonardo da Vinci

Questi osservatori anonimi sono basati sulla realtà storica? Dipinta da Leonardo da Vinci tra il 1503 e il 1506, la Gioconda arrivò a Parigi nell'inverno del 1516 con le valigie del suo maestro, e in seguito cadde in disgrazia nel suo paese. Sotto il patronato di François Iᵉʳ, l'artista cedette molte delle sue opere alla Francia in cambio di una pensione. Entrata nella Collezione Reale, la Gioconda è esposta al Louvre dal 1797, dove diventerà una delle principali attrazioni.

L’Italia non chiederà mai la restituzione della Gioconda. Ma il 21 agosto 1911 un vetraio italiano che lavorava al museo rubò il dipinto sotto il naso dei servizi di sicurezza. Vincenzo Perugia, questo era il suo nome, custodiva la Gioconda nel doppio fondo di una valigia nascosta sotto il letto della sua camera a Parigi. Due anni dopo, il 10 dicembre 1913, fu arrestato in Italia mentre cercava di vendere il dipinto ad un antiquario fiorentino.

READ  Qualificazioni Euro 2024 - Manuel Locatelli ha escluso le prossime due partite dell'Italia

La Gioconda è attualmente esposta nella Salle des Estates, di fronte al dipinto più grande del Louvre, “Le nozze di Cana” di Veronese. -AFP

Durante il processo, Vincenzo Auggia affermerà di aver agito per patriottismo per vendicare l'Italia dei rapimenti di Napoleone, e la stampa lodò il suo patriottismo anche se l'imperatore non aveva nulla a che fare con la sua presenza in Francia. Resterà in carcere per 18 mesi. La Gioconda tornò al Louvre nel 1914 dopo le mostre a Firenze e Roma. Nel 1962, il ministro della Cultura André Malraux lo portò in nave in America, dove rimase esposto per oltre un anno.

Sorprendentemente, esiste qualche possibilità che una richiesta di restituzione internazionale abbia successo? Nell'ottobre 2022, la Società aveva già richiesto la rimozione dal catalogo del Louvre degli oggetti esportati a seguito degli scavi effettuati dal Servizio Archeologico dell'Esercito Orientale tra il 1915 e il 1923. Alla fine è stato ritirato.

Presto in una stanza privata?

Un mese dopo, lo fece di nuovo chiedendo che nel 1860 tutti gli oggetti risultanti dal saccheggio del Palazzo d'Estate a Pechino da parte delle truppe francesi fossero inclusi nel Museo Cinese del Castello di Fontainebleau.

Il dossier della Gioconda deve subire la stessa sorte, soprattutto perché il Louvre custodisce il suo tesoro più che mai. Sabato, lo ha annunciato il suo direttore, Laurence des Cars FranciaInter Uno schema che rende la tavola”in una stanza separata“, per migliorarne le condizioni di esposizione.

  • Per saperne di più

    Il Louvre vuole dare più spazio alla Gioconda, che ogni giorno viene visitata da 20.000 persone.

Questo dipinto è attualmente esposto nella Salle des Estates di fronte al dipinto più grande del Louvre. Le Noci del Ghana Veronese, e con dipinti dei grandi maestri veneziani del XVI secolo. Ogni giorno vi accedono circa 20.000 visitatori, alcuni con il cellulare per immortalarlo, rendendo l'esperienza meno pericolosa, se non meno imbarazzante.

READ  Tour d'Italie - «Cabine in Rosa», Altro pacco Giro mais quizaco?

Girolamo Vermein