Luglio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Lo studio propone un nuovo metodo per diagnosticare la malattia di Charcot

Lo studio propone un nuovo metodo per diagnosticare la malattia di Charcot

La diagnosi della malattia di Charcot spesso richiede tempo. La sclerosi laterale amiotrofica attualmente porta alla morte entro 3-5 anni dalla diagnosi. Uno studio pubblicato questa settimana suggerisce che l’uso dell’EEG potrebbe portare a una diagnosi più rapida.

Verso una migliore diagnosi della malattia di Charcot? Secondo il rapporto, la malattia, chiamata anche sclerosi laterale amiotrofica (SLA), colpisce 1.000 nuove persone ogni anno in Francia.Istituto del cervellocentro di ricerca.

Come spiega l’Inserm Medical Research Institute in dichiarazione Giovedì 14 marzo “la SLA è difficile da diagnosticare”. Ciò si spiega con il fatto che questa malattia neurologica si manifesta nelle sue fasi iniziali in modi diversi e con il fatto che “non esiste un biomarcatore specifico per la malattia”, secondo l’Inserm. Una volta diagnosticata, questa malattia degenerativa grave e debilitante è fatale entro tre-cinque anni.

Così i ricercatori del Centro di ricerca biomedica di Strasburgo (Università Inserm di Strasburgo), dell'Università Ludwig Maximilian di Monaco, del Centro nazionale per la ricerca scientifica e dell'Università della Sorbona hanno voluto testare l'efficacia dell'EEG nella diagnosi della malattia con Charcot. I risultati di questa ricerca sono stati riportati in studio È stato pubblicato mercoledì sulla rivista Science Translational Medicine.

Strumento prognostico futuro?

Hanno dimostrato che negli esseri umani e negli animali affetti dalla malattia di Charcot, l’interazione tra due tipi di onde cerebrali con ampiezze e frequenze diverse è “atipica”, spiega Enserm.

L’istituto aggiunge: “Non solo questo difetto è stato riscontrato in tutti i soggetti testati, ma gli scienziati hanno anche dimostrato che quanto più avanzati sono i sintomi della malattia, tanto maggiore è il difetto”.

Tuttavia, l’EEG consiste specificamente nel rilevare l’attività elettrica del cervello, registrandone le onde. “Se questi risultati preliminari saranno confermati, in futuro l’EEG potrebbe servire come strumento diagnostico per pazienti già diagnosticati per valutare, ad esempio, la risposta al trattamento farmacologico, o anche come strumento diagnostico in caso di sintomi suggestivi della malattia.” malattia”, afferma l’Inserm nel suo comunicato stampa.

READ  Mille segreti delle api

I più letti