Giugno 23, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Live – Ucraina: dall'inizio del conflitto sono stati uccisi 31mila soldati ucraini, secondo Zelenskyj

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha dichiarato domenica che 31.000 dei suoi soldati sono stati uccisi nella guerra con la Russia.
Questa è la prima volta che presenta una valutazione ufficiale delle perdite militari dell'Ucraina.
Segui direttamente le ultime informazioni.

Segui la copertura completa

Guerra in Ucraina: aumentano gli attacchi in Russia

Documento LCI

Sono passati due anni da quando la Russia ha invaso l’Ucraina, cambiando irrimediabilmente la vita quotidiana degli ucraini. Nonostante le difficoltà e i continui bombardamenti russi, gli abitanti di Kharkiv stanno cercando di trovare una parvenza di normalità. Diverse centinaia di bambini, privati ​​delle lezioni per diversi mesi, hanno trovato la strada per andare a scuola… in metropolitana.

internazionale

Piani di contrattacco

“I nostri piani per il contrattacco erano sul tavolo del Cremlino prima che iniziasse la controffensiva”, ha detto domenica Volodymyr Zelenskyj. Rispondendo ad una domanda dell'Agence France-Presse, la presidenza ha confermato che il leader si riferiva effettivamente alla fuga di informazioni.

Prenderò

“L’adesione dell’Ucraina alla NATO dipende dagli Stati Uniti e dalla Germania”, afferma Volodymyr Zelenskyj.

perdite umane

Secondo Volodymyr Zelenskyj, dall’inizio della guerra contro la Russia sono stati uccisi “31.000 soldati ucraini”. “Ognuna di queste perdite rappresenta per noi una grande perdita”, dice con rammarico. Il presidente ucraino aggiunge che per Mosca si conteranno “almeno 180mila russi morti”.

stato unito

“Abbiamo bisogno del sostegno degli Stati Uniti, in particolare del Congresso. Questo non è un gioco, è molto pericoloso. Vediamo sfide all'interno degli Stati Uniti, ma speriamo che rimangano i leader delle democrazie mondiali”. “, sottolinea Volodymyr Zelenskyj, che si dice “sicuro” che la situazione al di là dell'Atlantico alla fine si risolverà con un voto “positivo”. Il presidente ucraino si chiede: “Esiste un'alternativa al sostegno americano? “Cercheremo altri mezzi.”

Armi straniere

“Stiamo lavorando molto attivamente per ottenere più armi a lungo raggio (dai paesi alleati), ma i miei sentimenti sono positivi riguardo alla recente risposta dei nostri partner”, afferma Volodymyr Zelensky. “Per quanto riguarda l'artiglieria, la Francia sa che siamo molto grati ai cannoni Caesar, che funzionano molto bene. Abbiamo creato un'alleanza di artiglieria. Ci aspettiamo qualche decina di pezzi aggiuntivi dal nostro partner francese”, ha confermato anche il capo dello Stato. alla stampa. .

READ  Penetrazione dell'estrema destra alle elezioni regionali e sconfitta della coalizione di Olaf Scholz

“Nessuna possibilità di perdere”

“Per quanto riguarda la questione se l'Ucraina perderà, sono sicuro di no. Non abbiamo alcuna possibilità di perdere. Ciò significa che non esisteremo più. Sarà complicato? Dipenderà anche dagli alleati occidentali. “Se otteniamo Con nuove armi non perderemo questa guerra”. E aggiunge: “Gli ucraini non hanno altra alternativa se non quella di lottare per la propria sicurezza”.

Zelenskyj davanti alla stampa

Due anni dopo l’inizio della guerra contro la Russia, Volodymyr Zelenskyj risponde attualmente alle domande dei giornalisti a Kiev. “Sono convinto che l'Ucraina sarà sempre presente nei media. È molto importante sostenerla. Da parte nostra, faremo di tutto per vincere”, ha esordito il presidente ucraino. E aggiunge: “Gli occhi del mondo sono puntati sull'Ucraina. Grazie per questo”.

Incontro all'Eliseo

Lunedì il presidente della Repubblica riunirà più di venti capi di Stato e di governo o i loro rappresentanti ministeriali all'Eliseo per partecipare a una conferenza a sostegno dell'Ucraina, ha annunciato domenica in un comunicato stampa il dipartimento delle comunicazioni di Emmanuel Macron.

“Due anni dopo l'inizio dell'invasione dell'Ucraina, i partecipanti riaffermeranno la loro unità e la loro determinazione a sconfiggere la guerra aggressiva condotta dalla Russia in Ucraina. Questa conferenza sarà l'occasione per condividere i risultati della situazione in Ucraina. Sul terreno, la profonda destabilizzazione provocata dalla Russia e la sua rinnovata aggressione contro l’Ucraina e contro l’Europa. Permetterà inoltre ai leader di esaminare i mezzi disponibili per rispondere in modo più rapido ed efficace che mai ai bisogni dell’Ucraina e del suo popolo”.Dettagli del documento.

Kiev ritira la fiducia a Washington

L'Ucraina è convinta che gli Stati Uniti non la “abbandoneranno” di fronte alla Russia e che alla fine voteranno sugli aiuti da 60 miliardi di dollari, che sono stati bloccati al Congresso per diversi mesi, ha detto domenica il primo ministro ucraino Denis Chmygal.

“Siamo fermamente convinti che gli Stati Uniti non abbandoneranno l'Ucraina in termini di sostegno finanziario e militare”, ha detto Shmygal in un forum a Kiev dedicato al secondo anniversario dell'invasione russa di quel paese.

READ  deux Britanniques et un Marocain, qui combattaient dans le pays, ont été condamnés à mort par les séparatistes

Ritardi molto significativi nelle consegne

Il ministro della Difesa ucraino Rustam Umarov ha dichiarato domenica che metà delle armi che l’Occidente aveva promesso di fornire all’Ucraina erano state ritardate. Ha aggiunto che a causa di questi ritardi “stiamo perdendo persone e terre”.

Londra chiede un ulteriore congelamento dei beni russi

Domenica il primo ministro britannico Rishi Sunak ha invitato l’Occidente a essere “più audace” sequestrando i beni russi congelati per ridistribuirli in Ucraina, e ha chiesto che i benefici derivanti da questi beni fossero inizialmente inviati a Kiev.

“Si inizia prendendo i miliardi di interessi generati da questi asset e inviandoli all’Ucraina”, afferma Rishi Sunak. “Quindi, in collaborazione con il G7, dobbiamo trovare vie legali per sequestrare i beni stessi e inviare questi soldi anche in Ucraina”, ha aggiunto.

Sanzioni occidentali: ucraini “scettici”.

Da Kiev, Gwendoline de Bono torna per LCI sui recenti annunci di sanzioni occidentali contro la Russia. “Gli ucraini sono ancora un po' scettici perché vogliono che queste promesse siano mantenute, soprattutto le scadenze da rispettare”, spiega il nostro giornalista. E ha aggiunto: “Oggi la mancanza di munizioni è il problema numero uno” per Kiev.

Aiuti militari: Zelenskyj sollecita l’Occidentefonte : Informazioni TF1

Il G7 minaccia di imporre sanzioni

Sabato, il G7 ha promesso di “aumentare il costo della guerra” in Ucraina per Mosca, due anni esatti dopo l’inizio dell’invasione, a conclusione di un vertice virtuale volto a riaffermare il sostegno globale a Kiev.

“Continuiamo a lavorare sul territorio della Federazione Russa, utilizzando fonti di reddito e altri sforzi per costruire le attrezzature della Federazione Russa, come l'ammontare delle sanzioni che i nostri figli hanno adottato”, hanno affermato i conducenti del G7.

Si è trattato del primo incontro dei capi di Stato e di governo dei Paesi membri del G7 (Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Canada) sotto presidenza italiana.

Domenica la conferenza di Zelenskyj

Domenica il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj terrà una conferenza stampa in occasione del secondo anniversario dell'invasione russa.

Lo ha promesso sabato il G7 “Aumentare il costo della guerra” In Ucraina a Mosca, a due anni dall’inizio dell’invasione, al termine di un vertice virtuale volto a riaffermare il sostegno globale a Kiev. Ha aggiunto: “Continueremo ad aumentare i costi della guerra della Russia, ridurremo le sue fonti di entrate e ostacoleremo i suoi sforzi per costruire la sua macchina da guerra, come evidenziato dai pacchetti di sanzioni che abbiamo recentemente adottato”.Lo hanno affermato i leader del G7 in un comunicato stampa.

Si è trattato del primo incontro dei capi di Stato e di governo dei Paesi membri del G7 (Stati Uniti, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia e Canada) sotto presidenza italiana. In questa occasione, il primo ministro italiano Giorgia Meloni si è recato a Kiev, dove ha presieduto l’incontro virtuale con il suo omologo canadese Justin Trudeau e la presidente della Commissione Ursula von der Leyen, anch’essi presenti al luogo.

  • Leggi anche

    Guerra in Ucraina: come sta l’economia russa dopo due anni di sanzioni?

I leader del G7 non hanno esitato a prendere di mira specificamente la Cina e l’Iran per il loro sostegno logistico alla Russia. “Chiediamo all’Iran di smettere di sostenere l’esercito russo”.I leader del Gruppo dei Sette hanno confermato che l'assente presidente francese Emmanuel Macron è stato sostituito dal ministro degli Esteri Stephane Sigourney. Hanno anche espresso le loro opinioni “Preoccupazione per le aziende cinesi (…) che trasferiscono componenti di armi e attrezzature per la produzione militare in Russia”..

Nel mirino anche la Corea del Nord, con la condanna del G7”“Impresa sulle esportazioni nordcoreane e sulle forniture di missili balistici nordcoreani alla Russia” E la chiamata fino alla fine “Attività così istantanee.”

Mentre il Canada e l’Italia hanno firmato sabato accordi bilaterali con l’Ucraina simili a quelli già conclusi da Germania e Francia, il G7 ha invitato i donatori dell’Ucraina a convalidare il loro contributo finanziario per il 2024, senza fare diretto riferimento al divieto di nuovi aiuti statunitensi al Congresso. “Esortiamo all’approvazione di ulteriore assistenza per soddisfare le restanti esigenze di bilancio dell’Ucraina nel 2024”.hanno insistito, in evidente riferimento al blocco americano.


Redazione di TF1info