Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

League – Dopo Rennes – Paris Saint-Germain (1-3) – Luis Enrique: “Più equilibrio nel 4-3-3? C’è ancora equilibrio”

League – Dopo Rennes – Paris Saint-Germain (1-3) – Luis Enrique: “Più equilibrio nel 4-3-3? C’è ancora equilibrio”

Il Paris Saint-Germain ha ritrovato i suoi colori domenica sera, battendo il Rennes (1-3) in uno shock che non era in realtà, dopo una partita francamente poco emozionante a Clermont (0-0) e un’altra preoccupante a Newcastle (4-1). . Dal pareggio frustrante al grande schiaffo fino alla vittoria rassicurante, il PSG ha vissuto tutte le emozioni in nove giorni.

Tra le lacrime e le risate, c’è un grande cambiamento: il cambio di regime. Luis Enrique ha lasciato il suo 4-2-4 offensivo in Inghilterra per tornare al 4-3-3 in Bretagna. Esce Randal Kolo Muani all’inizio della partita, a Vitinha. Paris non era perfetto ma ha trovato più controllo, più soluzioni nel suo rilascio e più varietà nei suoi attacchi. Quindi la risposta ai problemi sta nel sistema?

Non proprio, secondo le principali parti interessate. “Abbiamo trovato bene gli spazi, giocato bene e creato tante occasioniAshraf Hakimi ha confermato tramite il microfono di Prime Video. il sistema ? L’allenatore cerca di trovare la persona giusta per la squadra e i giocatori anche a seconda delle partite. Abbiamo vinto anche le partite 4-2-4. Infatti, solo una partita contro un OM in piena difficoltà il 24 settembre (4-0).

Undici attaccanti e undici difensori

Quindi il resto fu meno splendido a Claremont che a Newcastle. Ma Luis Enrique ha confermato che le sue scelte in Inghilterra sono state giuste. Non aveva intenzione di contraddirsi domenica. “È meglio quando c’è più equilibrio? L’equilibrio ce l’abbiamo sempre. Undici attaccanti e undici difensori. Questo stiamo cercando di creare”.Ha difeso il tecnico spagnolo davanti al microfono dell’emittente.

Ma il portoghese, visto il suo profilo, può cambiare posizione nel corso della partita, fornendo garanzie come sostituto a centrocampo, e lasciando all’attaccante francese il compito di vivacizzare la corsia. “Si adatta perfettamente alla nostra idea di calcio. È un giocatore molto completo”.Lo ha confermato Luis Enrique in conferenza stampa. La presenza di Vitinha sembra però generare più incertezza nelle difese avversarie, sia per il suo posizionamento che per la sua capacità di mimetizzarsi con gli altri.

Capocannoniere di Vitinha durante la partita tra Rennes e Paris Saint-Germain

Credito: Getty Images

Zaire-Emery – Ugarte – Vitinha, funziona

Incertezza, diversità, insomma, per non cadere in una scatola. Perché Luis Enrique ha tutto tranne che vuole avere un adesivo attaccato alla fronte. “Preferisce giocare da difensore? Questa è una delle cose che la gente vuole dimostrareHa risposto quando Benoit Chereau gli ha fatto notare che la sua squadra era stata particolarmente efficace nell’assorbire i blocchi avversari. Siamo attratti dal giocare bene nello spazio. Ma siamo molto bravi anche quando attacchiamo le difese raggruppate vicino alla porta”.

Domenica, infatti, il fuoriclasse francese ha segnato in entrambe le occasioni, e ha saputo mettere in difficoltà la difesa del Rennes in modi diversi. Se il problema non è un problema di sistema, è un problema di persone. Il centrocampista dello Zaire-Emery-Ugarte-Vitinha sembra offrire garanzie sul fatto che il quartetto formato da Dembélé, Ramos, Kolo Mwani e Mbappe sarà insostituibile quando favorito.