Luglio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le tasse americane chiedono a Microsoft 28,9 miliardi di dollari

Le tasse americane chiedono a Microsoft 28,9 miliardi di dollari

“Crediamo di aver sempre pagato (…) le tasse che dobbiamo negli Stati Uniti e nel mondo.”Ci pensa Microsoft. Mike fresco/Reuters

La società informatica contesta gli importi richiesti dall’IRS e dal fisco statunitense, che comprendono interessi e sanzioni.

Le autorità fiscali statunitensi chiedono a Microsoft 28,9 miliardi di dollari per importi non pagati tra il 2004 e il 2013, più interessi e sanzioni, mentre i governi cercano di agire contro le pratiche di evasione fiscale delle multinazionali.

“Non siamo d’accordo”Microsoft ha risposto in un documento sul mercato azionario pubblicato mercoledì, “Competeremo duramente”. Risultati delle autorità fiscali federali (IRS). Microsoft precisa che inizialmente farà ricorso all’IRS e, se necessario, potrebbe anche avviare un’azione legale in un secondo momento. “È importante notare che il processo di appello dell’IRS richiederà diversi anni e, se non raggiungiamo un accordo diretto con l’IRS, Microsoft avrà l’opportunità di contestare le questioni irrisolte in tribunale.”“, conferma Daniel Goff, vicepresidente della società responsabile delle questioni fiscali internazionali.

“67 miliardi di tasse pagate dal 2004”

Dice che la controversia riguarda la distribuzione dei suoi profitti tra paesi e giurisdizioni tra il 2004 e il 2013. Si stima che l’IRS non abbia preso in considerazione fino a 10 miliardi di dollari di tasse già pagate da Microsoft. “Crediamo di aver sempre pagato (…) le tasse che dobbiamo negli Stati Uniti e nel mondo.”Insiste.

La società madre di Windows e Xbox ha affermato che la richiesta dell’IRS è il risultato di una discussione durata dieci anni “Per rispondere a domande su come distribuiamo le nostre entrate e spese per gli anni fiscali a partire dal 2004.”. Microsoft afferma di aver cambiato approccio dopo l’audit. “Pertanto, le questioni sollevate dall’IRS sono rilevanti per il passato, ma non per le nostre pratiche attuali”.Il gruppo ha aggiunto. “Dal 2004, abbiamo pagato più di 67 miliardi di dollari di tasse negli Stati Uniti”.“, e specifica anche.

READ  Il brand preferito dai francesi non è né Decathlon né Leroy Merlin: scopri chi ha rubato loro la scena nel 2023

In risposta ad una domanda dell’Agence France-Presse, l’agenzia fiscale americana ha risposto di non poter confermare né negare l’esistenza di controversie.

Utile netto di 72,4 miliardi

Microsoft ha generato ricavi per 212 miliardi di dollari nel suo ultimo anno fiscale annuale (terminato il 30 giugno 2023), generando oltre 72,4 miliardi di dollari di utili netti. Secondo il documento di borsa, Microsoft ritiene che le sue valutazioni sul rischio fiscale siano… “Adeguato” In questa fase. “Non prevediamo una risoluzione definitiva di queste questioni nei prossimi 12 mesi. Sulla base delle informazioni attualmente disponibili, non prevediamo alcun aumento o diminuzione significativa dei nostri stanziamenti fiscali per queste questioni nei prossimi 12 mesi.Definisce lo stack tecnologico.

La tassazione delle multinazionali, dalle compagnie petrolifere ai giganti della tecnologia, solleva molte controversie e questioni legali, poiché le autorità cercano di stringere le crepe, ma le grandi aziende sono esperte nell’ottimizzare le tasse. I governi hanno accusato aziende come Apple, Amazon e Microsoft di incanalare le proprie entrate attraverso giurisdizioni a tassazione bassa o nulla per evitare di pagare le tasse.

Risultati contrastanti nella lotta all’evasione fiscale

In Europa, Apple e Bruxelles si scontrano su miliardi di euro di benefici fiscali che il produttore di iPhone ha ricevuto in Irlanda, ma che la Commissione Europea ha ritenuto illegali. L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) ha pubblicato mercoledì un progetto di accordo volto a distribuire in modo più equo tra i paesi le entrate fiscali generate dai profitti delle grandi società multinazionali, in particolare quelle che operano nel settore digitale. Questo “accordo multilaterale” non è ancora aperto alla firma da parte dei paesi, e alcuni paesi, tra cui India, Brasile e Colombia, nutrono ancora riserve su alcuni punti. Ma l’OCSE spera di ratificarlo entro la fine dell’anno.

READ  La Francia si offre di accogliere Sam Altman dopo che è stato estromesso da OpenAI

Allo stesso tempo, gli Stati Uniti stanno anche cercando di rimodellare le aziende tecnologiche, il cui peso economico si traduce in un significativo potere politico. Il governo, gli stati e l’autorità garante della concorrenza si stanno impegnando su diversi fronti, dai monopoli al rispetto della privacy degli utenti, con risultati contrastanti. Washington, ad esempio, ha dovuto rinunciare a bloccare l’acquisizione da parte di Microsoft degli studi di videogiochi Activision Blizzard, un processo che è ancora in corso.