Maggio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Come posso liberarmi della mia pigrizia?

Come posso liberarmi della mia pigrizia?

Il nostro cervello non è progettato per fare uno sforzo.

“Lo farò domani”, “finirò più tardi”, “non voglio”… È dura rimettersi all'opera! La pigrizia è caratterizzata da Ridurre o addirittura evitare le macchie. Un fenomeno di cui a volte è difficile liberarsi. “In neuropsicologia non si parla necessariamente di “pigrizia”, ma piuttosto di “tendenza a ridurre lo sforzo”, cioè di “tendenza a ridurre lo sforzo”.E per “Raggiungere l'obiettivo a un costo inferiore spiega il dottor Boris Cheval, Ph.D., neuropsicologo dell'attività fisica. Ciò che chiamiamo “pigrizia” è a fenomeno naturale : “In termini di evoluzione, è del tutto naturale che il nostro cervello sia strutturato per risparmiare denaro”. Ciò significa che per un compito che richiede sforzo, avrà la reazione di scegliere l'equivalente per raggiungere il suo obiettivo utilizzando la minor quantità di energia possibile. “Là Eredità dell'evoluzionesu s'organise au Livello fisico E dentro Livello mentale Per raggiungere i nostri obiettivi facilmente e senza sforzo.”

Un cervello naturalmente pigro

Più che la pigrizia, è il nostro cervello a spingerci a farloefficienza Ciò significa che fare il meno possibile ottenendo i massimi risultati massimizza naturalmente il rapporto impegno/prestazione. “Chiamiamo questa efficienza ‘pigrizia’ perché spesso non faremo nessuno sforzo, saremo ‘pigri’”. Nella nostra vita quotidiana, possiamo vederlo attraverso le nostre scelte: “Il 90% delle volte, la gente lo accetta Scale mobili al posto delle scale Il famoso impara Boris Cheval. Nostro Roba di tutti i giorni E il nostro Innovazioni tecnologiche Ci permettono anche di ridurre lo sforzo: gli scooter elettrici ci aiutano a camminare di meno, i robot domestici come i miscelatori elettrici ci aiutano a cucinare e gli aspirapolvere intelligenti fanno le pulizie per noi.

READ  Ecco la (lunga) lista di telefoni Xiaomi a cui dovresti dare un assaggio velocemente

Pertanto, l’elaborazione della nostra pigrizia sembra interferire con il funzionamento del nostro cervello. “Dobbiamo ricordare che non ha senso che il cervello a livello neuroscientifico si sforzi, ma la ricerca si sta sviluppando per provarci”. Secondo Boris Cheval, lo scopo della ricerca èInsegnare ad amare il gusto della fatica. “Uno studio ha mostrato risultati positivi con persone che facevano uno sforzo mentale, come un esercizio di matematica, offrendo a premio Sotto forma di punti, come la partita che vinci”. Dietro questo studio c’è l’idea che possiamo allenarci ad apprezzare lo sforzo. Per questo “Possiamo educare le persone Apprezzare le conseguenze “Sforzi” L'esperto suggerisce. Premiarsi per ogni compito può quindi essere la chiave della motivazione: “Se riuscirò a fare questo, ne avrò diritto”, e spetta a ciascuno decidere cosa può motivarlo.

Secondo il nostro esperto è anche possibile motivarsi durante il compito da svolgere, con quello che lui chiama “Premi intrinseci” : “Alcuni suggerimenti giocheranno su quelle che chiamiamo 'esperienze emotive' dello sforzo e saranno in grado di renderle positive.” Concretamente, Termina l'attività con la più semplice Trasformerà quegli ultimi istanti di fatica in un piacevole ricordo. La memoria emotiva di quest'ultimo rimarrà positiva. Subito dopo, Ascoltare la musica Mentre fare attività fisica può rendere il momento più piacevole, avendo l'accortezza di scegliere una playlist associata ad emozioni positive. Infine, l’ambiente è importante. Se hai difficoltà a motivarti a fare esercizio, forse fai esercizio al di fuori Renderà il momento più piacevole. Ancora una volta, spetta a ciascuna persona trovare ciò che rende il proprio compito il più indolore possibile in modo che voglia svolgerlo.

READ  Cos'è la "super luna blu" che si può osservare di notte dal mercoledì al giovedì?