Settembre 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le Nazioni Unite stimano che 274 milioni di persone in tutto il mondo avranno bisogno di assistenza di emergenza entro il 2022

In un mondo colpito da Covid-19, conflitti e cambiamenti climatici, le Nazioni Unite avranno bisogno di almeno 41 miliardi di dollari nel 2022 per salvare 183 milioni delle persone più vulnerabili, secondo le stime dell’Ufficio per il coordinamento dei diritti umani. Affari umanitari delle Nazioni Unite (OCHA), giovedì 2 dicembre, alle valutazione annuale. Ma in totale, si prevede che 274 milioni di persone avranno bisogno di aiuti di emergenza il prossimo anno, un balzo del 15% rispetto al precedente record del 2021. Ciò rappresenta una persona su 29 nel mondo.

Mai il numero di persone che hanno bisogno di aiuto “Non era molto alto.”ha affermato Martin Griffiths, sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari. Secondo lui, fornire assistenza a molte persone “Non può durare, eppure deve.”. Laddove l’anno prossimo saranno necessari 41 miliardi di dollari per aiutare le persone più vulnerabili in 63 paesi, quest’anno erano 35 miliardi di dollari e la metà quattro anni fa.

L’importante rapporto annuale dell’OCHA di giovedì traccia un lungo elenco di tale miseria, con Afghanistan, Etiopia e Birmania tra i paesi più colpiti. In termini di cause, i dati sui cambiamenti climatici sono in buona forma, con la pandemia di Covid-19, che entrerà nel suo terzo anno all’inizio del prossimo anno e ha già ufficialmente ucciso più di 5 milioni, forse più di due o tre volte di più. Organizzazione mondiale della Sanità.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Le Nazioni Unite sollecitano cambiamenti nelle diete per porre fine alla “guerra sul nostro pianeta”

Il 2022 potrebbe trasformarsi in un disastro

Il rapporto rileva che il virus Covid-19 ha gettato 20 milioni di persone nella povertà estrema nell’ultimo anno. Ha anche gettato nel caos molti sistemi sanitari, il che ha avuto un effetto dannoso sulla lotta contro altri parassiti come l’HIV, la tubercolosi e la malaria. Quest’anno, 23 milioni di bambini non hanno potuto ricevere le vaccinazioni essenziali.

READ  11 391 nuove case del 7 au

Allo stesso tempo, il riscaldamento globale e i disastri naturali associati potrebbero costringere 216 milioni di persone a cercare rifugio altrove nel loro paese entro il 2050. Il cambiamento climatico continua a causare la fame. Una prospettiva tanto reale quanto terrificante per 45 milioni di persone in 43 paesi., avverte il rapporto. “Senza un’azione permanente e immediata, il 2022 potrebbe trasformarsi in un disastro” In un mondo in cui 811 milioni di persone sono già malnutrite, dice il testo.

Da parte sua, l’Afghanistan combina decenni di conflitto, una terribile siccità e l’economia è in stagnazione da quando i talebani hanno preso il potere ad agosto. Due terzi della popolazione ha bisogno di aiuto e 9 milioni di persone sono sull’orlo della fame. L’anno prossimo le Nazioni Unite hanno bisogno di 4,5 miliardi di dollari per 22 milioni di afgani.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati L’ONU ospita il controverso vertice sui sistemi alimentari

Etiopia nella situazione “più allarmante”

Anche Yemen e Siria, dove la guerra è in corso da anni, hanno bisogno di aiuto, ma le esigenze dell’Etiopia sono particolarmente gravi dopo l’attacco di Addis Abeba al Tigray. Questa guerra brutale, che dura da più di un anno, ha provocato lo sfollamento di milioni di persone. Secondo il rapporto dell’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA), 26 milioni di persone dipendono dagli aiuti umanitari nel Paese del Corno d’Africa e 400.000 sono sull’orlo della fame.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati “Nel nord-ovest della Siria, 1,8 milioni di bambini hanno un disperato bisogno di assistenza umanitaria”
READ  Il ritorno dell'epidemia è "estremamente allarmante", preoccupa uno specialista

Per Martin Griffiths, potrebbe essere l’Etiopia ‘Situazione più preoccupante’, anche se si è affrettato ad aggiungere che ci sono molte situazioni molto pericolose nel mondo. Ma ha anche voluto sottolineare i successi dell’assistenza umanitaria che ha permesso di ridurre i disastri.

L’anno scorso, l’OCHA ha fornito assistenza a 107 milioni di persone, il 70% delle quali voleva raggiungere l’organizzazione, tra cui mezzo milione di persone in Sud Sudan che sono state salvate dalla carestia.

Il mondo con AFP