Maggio 30, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le compagnie di assicurazione stanno cercando di trovare soluzioni all’esplosione dei sinistri

Le compagnie di assicurazione stanno cercando di trovare soluzioni all’esplosione dei sinistri

“Anche i nostri amici inglesi soffrono la siccità, e non è più uno scherzo”. Il Fondo Centrale di Riassicurazione (CCR) dà il tono alle enormi sfide che attendono i singoli proprietari di case negli anni a venire.

Crepe negli alloggi: un parente di Gérald Darmanin fa pressione sulle compagnie di assicurazione

Il Ministero della Trasformazione Ambientale e della Coesione Regionale ha già rivelato numeri sorprendenti. Dei 20 milioni di case individuali registrate in Francia, più della metà, ovvero 11 milioni di case, sono a rischio moderato o alto di RGA. Ricordiamo che il ritiro dell’argilla è un fenomeno naturale associato alla siccità, che porta alla fessurazione delle case. Di questi 11 milioni, circa 3,3 milioni sono case unifamiliari”. Fortemente “Esposto a. Insomma, il pericolo è quasi certo.

Oggi, l’assicurato può richiedere un risarcimento alla propria compagnia assicurativa in caso di perdita “RGA” solo se la casa si trova in un’area che è stata dichiarata “disastro naturale”. La procedura richiede molto tempo, con una media di tre anni tra la prima dichiarazione del sinistro e la riparazione o l’implementazione della soluzione scelta dagli esperti. Ancora una volta, a fronte della crescente frequenza dei sinistri legati a calamità naturali, le autorità pubbliche hanno notevolmente accelerato le procedure di riconoscimento con decreto ministeriale in favore del comune colpito dall’evento climatico.

Il 60% delle richieste CatNat

“Il mondo è cambiato dal 2016” osserva Edouard Villefond, amministratore delegato di CCR, che svolge il ruolo di riassicurazione nel sistema assicurativo pubblico-privato contro le catastrofi naturali (“Cat Nat”). È qui che la siccità diventa di gran lunga il rischio principale. E per una buona ragione: negli ultimi cinque anni questi disastri hanno rappresentato il 60% delle perdite di tutte le catastrofi naturali messe insieme.

Un’esplosione di numeri che mostrano, se necessario, la realtà del riscaldamento globale. Il costo record assoluto della siccità è stato raggiunto lo scorso anno: 3,5 miliardi di euro. Il disegno di legge riguarda principalmente i rischi RGA che colpiscono le singole abitazioni, soprattutto quelle costruite negli anni ’80 e ’90, con fondazioni più leggere (meno di 1,5 metri). I rischi RGA sono entrati a far parte del sistema Cat Nat solo nel 1989.

READ  "È ora che il robot preghi!" : chiede a ChatGPT di dargli i numeri corretti e vince la lotteria

Il dato del 2022 è quindi molto più alto rispetto ai precedenti record del 2003 (2,05 miliardi) e del 2018 (1,9 miliardi). Finora, secondo le stime del CCR, i danni alle singole abitazioni dovuti alla siccità nel 2023 dovrebbero raggiungere i 900 milioni di euro, in un range compreso tra 750 milioni e 1 miliardo di euro.

“Rispetto al normale, rispetto alle risorse del sistema (Cat Nat) e rispetto a quello che dovrebbe essere il numero totale di sinistri in un anno, questo è davvero significativo,” Edward Villefond è sconvolto.

1,5 miliardi di euro all’anno entro il 2050

Sulla base degli scenari dell’IPCC, il nuovo studio CCR sull’impatto dei cambiamenti climatici, stima in uno scenario medio (tra il “peggiore” e il “meno peggiore”) un costo annuo della siccità di circa 1,5 miliardi di euro al 2050. Questa cifra rappresenta un miliardi di euro in più all’anno rispetto allo scenario climatico del 2000, “Rende rischio e sviluppo di problemi assicurati.”come l’elevato tasso di accettazione (74% nel 2022) per le domande Cat Nat.

Questo notevole aumento dei costi è legato non solo al proliferare della siccità, ma anche a un fenomeno che interessa ormai metà della regione. Così, dal 2016, il tasso di perdita, precedentemente concentrato sulla “Mezzaluna d’Argilla” (sud-ovest), si è esteso alle regioni del Grand Est, della Borgogna Franca Contea e dell’Alvernia-Rodano-Alpi. Queste tre regioni rappresentano ormai per la prima volta il 60% dei comuni riconosciuti nel Catnat.

Questi importi elevati sollevano naturalmente la questione dell’equilibrio finanziario del programma CatNat, che è finanziato con un supplemento del 12% sui contratti di assicurazione sulla casa, ovvero con una media di 25 euro all’anno per famiglia. Franck Le Valois, amministratore delegato di France Assureurs, è favorevole a un aumento del 18% di questo premio aggiuntivo per far fronte ai crescenti rischi climatici.

READ  Lo sciopero alla Marelli Automotive Company è arrivato dopo l'annuncio della chiusura degli stabilimenti francesi

Un tema delicato in un momento in cui il governo è impegnato a contrastare l’aumento dei prezzi. La relazione del deputato Vincent Ledoux, che mira a migliorare l’assistenza alle vittime della RGA, riconosce che i finanziamenti devono essere migliorati. D’altronde questa domanda si riferisce alla missione su “ Possibilità di assicurazione contro i rischi climatici Si ricorda che è stato lanciato dai Ministeri dell’Economia e della Transizione Ambientale e le cui conclusioni dovrebbero essere raggiunte entro la fine dell’anno.

“Al di là della questione dei finanziamenti, ci sono molte proposte di miglioramento in questo rapporto approfondito. La difficoltà è che non possiamo cambiare gli standard ogni anno quando abbiamo bisogno di stabilità.commenti di Frank Le Valois.

Soluzioni ancora da trovare

Per quanto riguarda le riforme, sono tutt’altro che chiare. Attualmente, il 60% delle riparazioni avviene tramite incisione. Tuttavia, è correlato solo alla sovrastruttura. Il costo è di circa 5.000 euro, a cui va aggiunto il rinnovo (circa 10.000 euro), per un totale di 15.000 euro. Questo è qualcosa che non è insignificante.

I lavori di costruzione a catena, iniezione di resina o micropali, invece, sono lavori molto più pesanti e costosi, con i micropali che costano fino a 100.000 euro. Difficile immaginare una casa unifamiliare con un prezzo medio intorno ai 200.000 euro, o addirittura 150.000 euro per una nuova casa. A lungo termine, in alcune zone potrebbe sorgere la questione del valore di una singola abitazione esposta al rischio RGA (per non parlare della ristrutturazione termica, ecc.).

Le nuove tecnologie si concentrano maggiormente sul trattamento della siccità e sulla protezione del suolo. L’idea è quella di guardare l’edificio con il suo ambiente, piuttosto che contro di esso, con i rinforzi. In quest’ottica, France Assureurs e CCR hanno lanciato un test su larga scala, durato cinque anni, su 300 abitazioni per testare diverse soluzioni di riparazione (200 abitazioni), ma anche di prevenzione (100 abitazioni).

READ  Amazon Prime ora include tutto Amazon Music, ma ci sono delle limitazioni

Il costo annuale di Cat Nat aumenterà del 60% entro il 2050

Secondo l’ultimo studio del Fondo Centrale di Riassicurazione (CCR) sull’impatto dei cambiamenti climatici sul rischio CatNat, la fattura dei sinistri potrebbe aumentare del 60% nei prossimi 30 anni, secondo lo scenario IPCC RCP 8.5 che prevede un riscaldamento globale di 1,9 °C e non più 1,5°C, secondo lo scenario dell’Accordo di Parigi.

Ma qualunque sia lo scenario, il costo dei danni aumenterà, soprattutto quelli associati alla siccità. Nel dettaglio, e sulla base di uno scenario medio, il costo medio delle inondazioni dovrebbe aumentare complessivamente del 38% entro il 2050, ovvero di 370 milioni di euro all’anno, e i costi delle inondazioni marine del 112% (+76 milioni di euro all’anno). Soprattutto si prevede che la siccità geotecnica raddoppierà (+103%), il che equivale a un aumento di 747 milioni di euro ogni anno. In totale, il costo dei sinistri che rientrano nell’ambito del sistema CatNAT potrebbe effettivamente aumentare da poco più di 2 miliardi di euro a poco più di 3 miliardi di euro all’anno.