Settembre 24, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le banche troppo indulgenti saranno punite

Sono passati quasi due anni da quando le banche, considerate troppo lassiste nell’esaminare le pratiche per i prestiti immobiliari, sono state chiamate dalle autorità finanziarie. In mezzo all’euforia del mercato ipotecario, le istituzioni si sono prese molte libertà, allungando la durata dei prestiti e accettando mutuatari il cui tasso di sforzo (rimborso mensile in relazione al reddito) spesso superava il massimo del 35%.

Leggi anche Mutuo casa: queste sono le spese estive che è meglio evitare di prendere in prestito all’inizio dell’anno scolastico

NS “Mettere fine al preoccupante deterioramento dei termini di concessione di prestiti immobiliari”. Per proteggere le famiglie dal sovraindebitamento, l’Alto Consiglio per la stabilità finanziaria (HCSF), un organo presieduto dal ministro dell’Economia Bruno Le Maire, ha formulato raccomandazioni preliminari nel dicembre 2019. D’ora in poi, la semplice raccomandazione è “norma giuridicamente vincolante”. La richiesta di prestiti sarà erogata dal 1egli è gennaio 2022 e spetterà alla Supervisory and Prudential Solutions Authority, il vigile bancario, vigilare sulla corretta attuazione. L’autorità di vigilanza deciderà anche quali sanzioni saranno applicate alle banche inadempienti, dal richiamo alla multa, a seconda della gravità della violazione. abbastanza per Stabilire buone pratiche nel tempo, conferma l’HCSF, in un comunicato stampa pubblicato martedì 14 settembre.

“Questo non cambierà nulla sull’accesso delle famiglie al credito”

Se il quadro diventa vincolante, le norme restano invece le stesse previste nelle ultime raccomandazioni. “Questo non cambierà nulla in futuro nell’accesso al credito della famiglia”, Spiega a Percy. Pertanto il Borrower Effort Ratio resta limitato ad un massimo del 35%, e il periodo di indebitamento a venticinque anni (a cui si possono aggiungere al massimo due anni di ammortamento differito) ma le banche possono discostarsi da questi criteri per il 20% del crediti, a determinate condizioni. Questa flessibilità dovrebbe riguardare l’80% del possesso della casa principale e il 30% degli acquirenti per la prima volta.

READ  Oltre 1 miliardo di dollari Ethereum è stato bruciato dall'ultimo hard fork di Londra
Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche I francesi sono sempre più indebitati, ma meno indebitati

Gli istituti finanziari hanno generalmente rispettato le istruzioni delle autorità di regolamentazione. Sulla scia dei primi avvertimenti, hanno inasprito le condizioni di credito. Secondo un rapporto di HCSF, la quota di nuovi prestiti oltre i venticinque anni è passata dal 12,8% di gennaio 2020 al 6% di luglio 2021. “Una significativa diminuzione della quota di prestiti non conformi alla raccomandazione, che è stata pari al 20,9% della produzione”, Questo è “Il rapporto è ora molto vicino al previsto margine massimo di flessibilità del 20%.” Allo stesso tempo, «L’accesso al credito è rimasto molto favorevole e il dinamismo del mercato immobiliare».

Hai ancora l’11,44% di questo articolo da leggere. Il resto è solo per gli abbonati.