Ottobre 1, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Le 9 domande più importanti che ci poniamo sulla temuta malattia di Alzheimer

Un po’ in generale possiamo essere d’accordo nel dire che l’invecchiamento non è sempre divertente, l’età arriva con la sua quota di cambiamenti nel corpo e nell’anima che possono essere più o meno gravi e sfortunati come si può dimostrare. Le parti del corpo che invecchiano più velocemente. Il morbo di Alzheimer può essere una di quelle cose che accadono in età avanzata e ne parleremo un po’ nel tentativo di spiegare in modo molto sintetico in cosa consiste questa malattia, perché ancora oggi spesso viene fraintesa.

1. Che cos’è il morbo di Alzheimer?

Il morbo di Alzheimer è una malattia degenerativa del cervello e dei nervi, il che significa che a volte continua a svilupparsi senza che la persona in questione se ne accorga e può peggiorare o peggiorare meno rapidamente. Attacca alcune aree del cervello e provoca la perdita di molte delle sue funzioni in modo del tutto irreversibile.

2. Quando è stato scoperto?

Fu lo psichiatra tedesco Alois Alzheimer a “scoprire”, o meglio ad identificare, in uno dei suoi pazienti nel 1907 la malattia che gli diede il nome. Dallo studio del medico su questo paziente, abbiamo continuato a monitorare altri casi per documentare la malattia fino ad oggi.

3. Quali sono i sintomi?

Lo sviluppo della malattia è classificato in tre fasi:

Fase I (lieve): la memoria a breve ea lungo termine viene influenzata per un breve periodo, facendo dimenticare al paziente (direzione, nome, memoria recente accurata).

Stadio II (intermedio): l’ippocampo continua ad essere colpito e il paziente inizia a mostrare segni di una malattia più avanzata che colpisce la sua memoria, il linguaggio e il comportamento. A questo punto, il paziente potrebbe aver bisogno di aiuto con le faccende domestiche poiché perde rapidamente l’indipendenza.

READ  Scienza. ​​​​​​​Avec le réchauffement, les virus passeront du phoque à l'âne

Stadio III (grave): la memoria è completamente compromessa, gli eventi recenti non vengono più registrati, ma la persona può anche avere una demenza e non può prendersi cura di se stessa. L’aiuto è necessario quasi ovunque. D’altra parte, viaggiare è difficile o addirittura impossibile e il movimento è ridotto, causando disturbi fisici sempre più gravi.

4. Quante persone colpisce?

Nel mondo sono circa 55 milioni le persone affette dal morbo di Alzheimer (45 milioni nel 2015) e si stima che entro il 2030, 78 milioni di persone saranno colpite dalla malattia e 139 milioni nel 2050. Quindi il numero di casi è in forte aumento, il che è legato all’aumento della durata media della vita.

5. Si può curare?

Alcuni sintomi della malattia possono essere alleviati con i trattamenti, ma non c’è modo di curarla o fermarla. Essendo degradato, il paziente purtroppo non può recuperare i reni persi e non c’è modo di tornare a uno stadio meno avanzato quando raggiunge un nuovo livello nella malattia.

6. Ci sono cose che possono causare malattie?

In generale, l’età avanzata è uno dei motivi che possono causare il morbo di Alzheimer, ma sono state studiate altre cause: malattie cardiovascolari, diabete, livello di colesterolo alto, uso eccessivo di ansiolitici, depressione, elevata esposizione al mercurio o all’alluminio… I ricercatori sono cercando di individuare le cose che possono favorire l’insorgere della malattia e il suo sviluppo, ma le cause sembrano essere molto numerose.

8. La malattia è fatale?

A meno che non si verifichi un incidente causato dalla mancanza di attenzione o dalla demenza del paziente, non si muore veramente di Alzheimer. Di solito è a causa dei disturbi fisici che la malattia provoca indirettamente che i pazienti muoiono a causa di essa. Alcuni sviluppano piaghe da decubito o infezioni a causa della mancanza di movimento, mentre altri sviluppano la polmonite (una delle cause più comuni di morte) a causa della difficoltà di deglutizione.

9. C’è un’aspettativa di vita per le persone colpite?

A seconda della velocità con cui la malattia progredisce, della gestione dei sintomi e della loro gravità, l’aspettativa di vita media per una persona che dichiara l’Alzheimer varia dagli 8 ai 12 anni, ma questo ovviamente può essere di più e deve anche essere calcolato. Una persona quando si ammala ma anche se ha già altri disturbi o malattie.