Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Gli scienziati europei sono invitati a farsi avanti in una missione che avverrà solo “una volta nella vita”.

Gli scienziati europei sono invitati a farsi avanti in una missione che avverrà solo “una volta nella vita”.

La prossima missione su larga scala della NASA si concentrerà su Urano. Anche se l’Europa non è stata ancora invitata a partecipare, alcuni scienziati sperano che sia così, perché un’occasione del genere potrebbe non verificarsi più.

Nell’ambito delle grandi missioni scientifiche strategiche, note anche come missioni maggiori, gli Stati Uniti hanno gli occhi puntati sul settimo pianeta del sistema solare: Urano.

Quali sono le grandi missioni scientifiche strategiche della NASA?

Queste specifiche missioni della NASA sono semplicemente quelle che rappresentano un budget troppo grande. In effetti, il costo di queste missioni molto speciali supera di gran lunga i 900 milioni di dollari.

Queste sono quelle avanzate dalla NASA, dal programma spaziale statunitense e dal governo perché “Producono notevoli benefici scientifici e sono essenziali per mantenere la leadership globale degli Stati Uniti nell’esplorazione spaziale e nella scienza[…]“Come possiamo leggere Rapporto annuale del Council for Space Studies 2017 (Rapporto annuale del Consiglio per gli studi spaziali 2017).

Questa leadership è dovuta in particolare ai mezzi finanziari e tecnologici sviluppati dagli Stati Uniti, nonché alla disponibilità di personale altamente qualificato.

Queste missioni specifiche sono classificate nelle quattro principali aree di business della NASA:

  • Astrofisica (telescopio spaziale Hubble, osservatorio a raggi X Chandra, telescopio spaziale James Webb…)
  • Scienze della Terra (Terra, Aqua, Aura, Sistema satellitare polare congiunto, ecc.)
  • L’héliophysique (Osservatorio delle dinamiche solari, Missione multiscala della magnetosfera, Sonda solare Parker…)
  • Scienze planetarie (Voyager 1 e 2, Mars Science Laboratory, Curiosity, Perseverance, ecc.)

Missione futura Orbiter e sonda di Urano (Uranus Probe e Orbiter), quindi quest’ultima area di lavoro sta entrando in funzione con un costo stimato di oltre 2,5 miliardi di dollari.

READ  Un sondaggio nazionale rileva che la maggior parte dei giovani si fida della scienza

In cosa consisterà la missione? Orbiter e sonda di Urano ?

Il settimo pianeta del sistema solare, Urano è quattro volte più grande della Terra ma è anche il pianeta più freddo mai registrato, ha detto Cnes.

Situato a circa 2,3 miliardi di chilometri di distanza, poco più di 15 volte la distanza tra la Terra e il Sole (15 unità astronomiche), è un gigante ghiacciato il cui asse di rotazione è inclinato di oltre 90 gradi rispetto alla Terra. In altre parole, è come se il pianeta “rotolasse” nella sua orbita.

L’atmosfera di Urano è costituita principalmente da idrogeno ed elio. In misura minore contiene anche metano e ammoniaca.

Se Saturno è noto per i suoi anelli, anche Urano li ha. Molto buie, sono 13, e sono fatte di rocce e polvere. Attorno ad esso orbitano 27 satelliti.

Ancora più importante, la maggior parte delle informazioni che abbiamo raccolto su Urano risalgono al 24 gennaio 1986, quando la Voyager 2 lasciò la Terra il 20 agosto 1977 e volò sopra di noi.

Da questo sorvolo non sono state raccolte nuove informazioni sul pianeta.

Questo è il punto centrale della missione. Orbiter e sonda di Urano : Parti di nuovo per “attaccare” il gigante ghiacciato per svelarne i misteri.

Come suggerisce il nome, la missione trasporterà un orbiter e una sonda che penetreranno nella sua atmosfera.

Il lancio della missione è previsto per l’inizio degli anni ’30 e dovrebbe iniziare sul serio circa 10 anni dopo, quando la nave raggiungerà il pianeta.

Orbiter e sonda di Urano : Un compito che accade solo “una volta nella vita”

Perciò, alla luce di queste informazioni e molto altro ancora, Olivier Moses, professore di astrofisica all’Università di Aix-Marsiglia, e Robin Canopp, astrofisico americano, hanno lanciato un appello all’Europa con un editoriale speciale.Perché l’Agenzia spaziale europea dovrebbe unirsi alla missione americana su Urano?(Perché l’Agenzia spaziale europea dovrebbe unirsi alla missione americana su Urano) pubblicato sulla rivista natura Il ventesimo del 2024.

READ  L'inaspettata biodiversità delle barriere coralline

Nel loro articolo, i due scienziati sollecitano l’Agenzia spaziale europea (ESA) a richiedere una partnership con la NASA per partecipare alla missione Urano:

L’assenza di partecipazione europea a una missione pionieristica, forse irripetibile, danneggerebbe anche la più ampia comunità scientifica, gli ingegneri e i tecnici coinvolti nell’esplorazione spaziale in tutta Europa che hanno un forte interesse per gli interpianeti e la ricerca della vita extraterrestre. .

I due scienziati sono inoltre determinati a dimostrare che le due agenzie hanno effettivamente collaborato in precedenza in una missione di questa portata. Tra il 1997 e il 2017, infatti, hanno partecipato alla missione l’Agenzia spaziale europea e la NASA Cassini-Huygens Che era una missione spaziale per esplorare Saturno e il suo sistema.

Grazie alla sonda Huygens dell’Agenzia spaziale europea, abbiamo potuto scoprire la composizione del suolo su Titano, una delle lune di Saturno.

Non sarà quindi la prima volta che le due agenzie intraprendono una missione così importante.

Soprattutto perché anche Olivier Moses e Robin Canup insistono sulla partecipazione dell’Agenzia spaziale europea alla missione Orbiter e sonda di Urano Può consentire di completarlo nei tempi previsti, ma anche senza superare l’enorme budget già stanziato.

Infine, questa non è la prima volta che Olivier Moses effettua comunicazioni radiofaro per l’Agenzia spaziale europea (ESA) per partecipare a una missione su Urano. In effetti, il professore di astrofisica aveva già accennato a questa possibilità nel 2019 in un’intervista a CNRS Così come in una conferenza speciale organizzata a Marsiglia.

Resta da vedere se l’Agenzia spaziale europea risponderà.

fonte : Guardiano /natura