Novembre 27, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Ragioni che spiegherebbero la mancanza di fiducia nella scienza

Se, collettivamente, ci fidiamo degli studiosi e delle conoscenze che producono, individualmente, alcuni fattori possono indurci a dubitare di quest’ultimo. Cosa sono e cosa ci fai? Tre ricercatori canadesi in psicologia stanno cercando di determinare le risposte a queste due domande.

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Project Insenssion: apertura della comunicazione con persone con disturbi cognitivi multipli
L’innovativo progetto Insension è una delle nuove grandi promesse dell’intelligenza artificiale. Utilizzando questa tecnologia, i ricercatori europei sperano di dare nuova autonomia alle persone con disturbi cognitivi gravi e multipli.

Questo fenomeno non è nuovo, ma gli esempi oggi non mancano: il diniego cambiamento climatico Di origine umana, anti-vaccinazione, promozione di trattamenti inefficaci… è molto presente la sfiducia nei confronti dei risultati scientifici. Tuttavia, questa sfiducia non è sempre giustificata. Il più delle volte, usando le loro teorie personali o prove dal loro ambiente, gli individui rifiutano determinate scoperte scientifiche.

Quali sono i segnali che ci rendono sospettosi?

Gli autori dell’articolo pubblicato in Risultato dell’Accademia Nazionale delle Scienze Teorizzare un quadro completo per cercare di capire questa sfiducia. Suggeriscono che i segnali del nostro ambiente possono farci sospettare quattro cose distinte: la fonte (o mittente) di una tesi, il destinatario (la persona che sfida se stessi), la dissertazione e ciò che filosofi e psicologi chiamano modello cognitivo.

La fonte di una dissertazione viene generalmente messa in discussione quando non è affidabile, si esprime al di fuori del suo campo di competenza o addirittura appare parziale o priva di credibilità. D’altra parte, il destinatario può sospettare una tesi scientifica per molte ragioni, inclusa la protezione della propria identità sociale (ad esempio, far parte di un gruppo radicalmente antiscientifico o far parte di una comunità trascurata dal lavoro scientifico). ) o anche per preservare la sua libertà che ritiene minacciata – stiamo parlando effetto di reattanza.

READ  Progetto europeo coordinato a Lione

Il messaggio in sé sarà generalmente indebolito perché mette in discussione le convinzioni degli individui a livello cognitivo (cosa pensano sia giusto o no), a livello comportamentale (se l’evidenza è presentata come un vantaggio o come un rischio) o morale (ciò che pensano sia giusto o sbagliato). . Quindi arriviamo a ciò che viene chiamato Dissonanza cognitiva In psicologia, qualsiasi situazione è generalmente spiacevole, in cui dobbiamo risolvere un conflitto interno tra informazioni contraddittorie e ciò in cui crediamo.

Infine, è stato menzionato il fatto che gli stili cognitivi degli individui possono svolgere un ruolo nell’atteggiamento antiscientifico. Teoria dei metodi cognitivi È una teoria che tenta di spiegare un problema: quello della diversità con cui interagiamo con l’evidenza scientifica. Ad esempio, alcuni possono rappresentare determinate prove come costrutti teorici (di solito il cambiamento climatico) considerando il problema come relativamente remoto e astratto, e altri hanno bisogno di sapere con un margine di incertezza molto piccolo (questo è chiamato bisogno di chiudere) o anche argomenti di bassa complessità (questo è chiamato Il bisogno di consapevolezza).

Cosa possiamo fare contro questo?

Diverse soluzioni sono citate dagli autori per affrontare ogni tipo di problema. Prima di tutto, dentro problema La comunicazione, gli obiettivi sociali dell’attività scientifica dovrebbero essere sentiti e dovrebbe essere usato un linguaggio semplice. Inoltre, non è necessario eludere ipotesi ausiliarie fuori controllo, ma spiegare perché un fatto ovvio è considerato tale.

Sulle questioni relative all’identità sociale, è importante avvicinarci attraverso un’identità superiore a cui il lavoro scientifico ci collega tutti e partecipare all’inclusione nel lavoro scientifico di minoranze sempre più emarginate. Contro la dissonanza cognitiva, le soluzioni proposte sono più modeste, incentrate sulle abilità legate al pensiero critico Dimenticando di menzionare le disposizioni da utilizzare. Infine, appare di particolare importanza la comunicazione di messaggi scientifici più in linea con lo stile cognitivo degli individui con cui interagiamo, e questo percorso continua ad apparire largamente trascurato nella comunicazione di metodi e risultati scientifici.

Interessato a quello che hai appena letto?