Luglio 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La soglia dei 3000 miliardi di euro è stata raggiunta per la prima volta in Francia

La soglia dei 3000 miliardi di euro è stata raggiunta per la prima volta in Francia

È stato raggiunto un traguardo simbolico per quanto riguarda il debito pubblico della Francia. 3.000 miliardi di euro è il livello di indebitamento più alto della storia, che lo Stato francese ha raggiunto nel primo trimestre del 2023, secondo quanto pubblicato venerdì dall’INSEE. Il debito pubblico del Paese, che ammonta al 112,5% del Pil, rispetto al 111,8% di fine dicembre 2022, è aumentato sensibilmente dall’inizio della crisi sanitaria.

Quest’ultima nel primo trimestre è aumentata di 63,4 miliardi di euro per raggiungere i 3013,4 miliardi in termini assoluti a fine marzo, dettaglia l’Istituto nazionale di statistica. L’incremento registrato nei primi tre mesi dell’anno è dovuto principalmente all’aumento del debito dello Stato (+48,6 miliardi di euro), quando il debito delle amministrazioni previdenziali è aumentato di 17,4 miliardi di euro. Diminuiscono, invece, di 2,8 miliardi di euro i debiti delle varie amministrazioni centrali e rimangono pressoché stabili i debiti delle pubbliche amministrazioni locali.

Alti tassi di interesse: Emmanuel Macron è sotto la pressione del debito

Pertanto, anche il rapporto debito/PIL è aumentato nel primo trimestre del 2023, quando ha raggiunto il 111,8% (corretto al rialzo) a fine dicembre 2022. Ma questo valore è ancora inferiore al 114,8% osservato nel primo trimestre del 2022, e ciò grazie all’aumento del PIL reale dovuto in parte all’inflazione. « Il debito è stato emesso in questo trimestre quando avrebbe potuto essere emesso nel trimestre precedente o successivo Nuance Sylvain Persinger, capo economista di Astarès. ” Non dobbiamo dirci che il consumo è in aumento o che è catastrofico, e il debito è in aumento. “, riassunto. Tuttavia, queste nuove cifre lo confermano Lo stato dei conti pubblici è lontano dall’obiettivo fissato dal Trattato europeo di Maastricht nel 1992.

READ  Airbus si ispira al volo delle oche selvatiche ed è riuscita a risparmiare il 5% sul carburante

Ciò stabilisce che il debito pubblico di uno Stato membro non deve superare il 60% del suo PIL. In Francia, questa soglia è ampiamente superata da 20 anni. Ma, dalla crisi sanitaria, seguita dalla guerra in Ucraina, questa regola è stata sospesa, come quella del deficit pubblico inferiore al 3% del Pil. Si applicheranno nuovamente nel 2024.

Livello del debito, tassi di interesse e rispetto delle regole di bilancio: capire tutto sul debito pubblico francese

I tassi di interesse sono ai livelli più alti degli ultimi dieci anni

Se i governi francesi si fossero susseguiti senza preoccuparsi veramente del debito pubblico della Francia, le cose sarebbero potute cambiare nel 2022. Per rallentare l’economia e frenare l’inflazione, la Banca centrale europea ha già deciso di aumentare drasticamente i tassi di interesse di riferimento. Quest’ultimo, che ha avuto un impatto diretto sul tasso di prestito di denaro dello Stato, è poi passato da zero al 3,5%-4% tra la primavera del 2022 e l’estate del 2023. Si presume che aumenteranno ulteriormente nei prossimi mesi. Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea, sottolinea regolarmente che c’è ancora ” E molta strada da fare prima di prendere in considerazione l’allentamento della politica monetaria.

Di conseguenza, i tassi debitori a dieci anni ai quali la Francia si finanzia sono aumentati molto più rapidamente di quanto previsto dal governo. Erano oltre il 3% alla fine dello scorso anno. Ancora oggi si aggirano intorno al 3%. Percy si aspetta che il tasso si avvicini al 3,4% nella seconda parte dell’anno.

« È semplice: un altro punto di interesse sul debito francese, entro il 2027, saranno quindici miliardi di euro di maggiorazioni sul debito pubblico Lo ha spiegato ad aprile Bruno Le Maire, ministro dell’Economia.

Soprattutto, i nuovi tassi di interesse aumentano questo conto in quanto il vecchio debito – che costava quasi nulla – viene estinto e sostituito da un debito contratto a condizioni molto onerose. Secondo i calcoli di Maastricht, l’onere del debito dovrebbe scendere dai 42 miliardi di euro dello scorso anno a 70 miliardi entro il 2027. Ovvero, 30 miliardi di euro di spese aggiuntive per lo Stato.

READ  Una sessantina di giornalisti hanno lasciato Prisma dopo che è stata rilevata da Vivendi

Il governo è ai piedi del muro del debito

Un contesto inflazionistico, che aumenta anche il gettito fiscale, non sarà sufficiente a compensare. Anche i risparmi scaturiti dalla recentissima riforma delle pensioni – circa 13 miliardi di euro entro il 2030 – che dovrebbe entrare in vigore, se si rispettano i tempi, dal prossimo settembre, saranno rapidamente azzerati.

Di fronte alla pressione sempre crescente del costo del denaro dall’aumento dei tassi di interesse di riferimento nel 2022, i personaggi pubblici chiedono al Paese di limitare la spesa. Il capo della Corte dei conti, Pierre Moscovici, ha messo in guardia lo scorso luglio sullo stato del debito pubblico. Non possiamo vivere nell’illusione del debito gratuito.Tuttavia, ha avvertito, lasciando sulle spalle il peso del debito “principale punto di interesse”. L’incarico di designare l’insieme degli interessi che l’Etat s’impegna a pagare lorsqu’il emprunte de l’argent sur les marchés financiers, en plus du remboursement à une échéance precise du montant emprunté qu’on appelle le « Elementare.

Consapevole di quella che alcuni economisti e politici considerano un’emergenza, il governo ad aprile ha presentato un percorso di ricalcolo più ambizioso per la Francia, che prevede di ridurre il debito al 108,3% del Pil nel 2027 e il deficit al 2,7%, in chiodi europei, dal 4,7% nel 2022. E quest’anno è previsto il 4,9%.

(con AFP)