Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La scienza è il motore principale della crescita economica

La scienza è il motore principale della crescita economica

[KIGALI] “In Camerun, ad esempio, suggerisco che il governo organizzi tavole rotonde con ricercatori e consigli scientifici per adottare misure per integrare realmente la scienza nel processo decisionale”.

Pierre-Marcel Anicet Noah, docente e ricercatore presso il Dipartimento di Ingegneria Meccanica dell’Ecole Supérieure de Técnicole Supérieure (ENSET) dell’Università di Douala (Camerun), è intervenuto al termine della 5a sessioneH Conferenza internazionale dell’International Network for Government Scientific Advice (INGSA2024) tenutasi a Kigali, Ruanda, dal 30 aprile al 3 maggio 2024.

“Abbiamo visto che nei nostri paesi esiste un divario di fiducia tra gli attori decisionali e il mondo scientifico”, spiega la togolese Victoire Gavi Condé Akara, ricercatrice climatica presso “ Centro Ricerca e Innovazione[1] » Dall’Istituto Africano di Scienze Matematiche (AIMS) in Ruanda.

“Dobbiamo trovare un modo per garantire che questi due attori collaborino e che i decisori abbiano fiducia negli scienziati africani, perché i nostri paesi non possono svilupparsi senza il contributo della scienza.

“Qualsiasi governo che voglia veramente migliorare le condizioni di vita della propria popolazione deve investire nella scienza e nella tecnologia”.

Roman Morenzi, Worcester Polytechnic Institute

La conferenza di Kigali alla quale ho partecipato è stata infatti l’occasione per centinaia di scienziati di diverse discipline e provenienti da diversi background di confermare l’interesse verso la creazione di consigli scientifici nei paesi, soprattutto in Africa.

Il fisico ruandese Roman Murenzi, ex ministro dell’Istruzione ed ex ministro della ricerca scientifica del paese dell’Africa centrale, ha fatto di tutto per descrivere la logica dietro questa esigenza.

“I governi lavorano per mantenere la promessa di migliorare le condizioni di vita della popolazione attraverso l’istruzione, la sanità, l’acqua, l’elettricità, ecc. Per fare questo hanno bisogno di risorse, e queste risorse sono disponibili solo grazie alla crescita economica.

Ma “nel 1956 e nel 1957, l’economista americano Robert Merton Solow condusse e pubblicò importanti studi che dimostrarono che nel periodo dal 1909 al 1949, la maggior parte della crescita economica era dovuta al progresso della scienza e della tecnologia, cioè circa l’87%, ” aggiunge il ricercatore. Chi attualmente insegna fisica al Worcester Polytechnic Institute (Stati Uniti)

READ  Catalogna: la scoperta del primo caso di virus del Nilo tra gli esseri umani, e allerta le autorità sanitarie

Infatti, secondo Roman Morenzi, solo il 12% della crescita economica in quel periodo proveniva da capitale e lavoro. Sottolinea che ciò significa che attraverso investimenti sostenibili nella scienza, nella tecnologia e nell’innovazione, i paesi possono garantire la crescita economica di cui hanno bisogno per trovare le risorse necessarie per attuare i loro progetti di sviluppo.

Citando l’esempio delle economie emergenti come Cina, Brasile, Turchia e Sud Africa per i loro recenti progressi, Roman Morenzi conclude il suo intervento dichiarando che “qualsiasi governo che voglia veramente migliorare le condizioni di vita della propria popolazione deve investire nella scienza e nella tecnologia. “

“Città intelligenti”

Progetto “Città intelligenti”.[2] È stato citato dal Ministero delle ICT (ICT) e dell’Innovazione del Ruanda come un esempio di utilizzo della scienza e della tecnologia per migliorare le condizioni di vita dei residenti nelle città.

L’attuazione di questo progetto diversi anni fa ha portato la capitale, Kigali, ai primi posti delle classifiche delle città africane in termini di qualità della vita dei suoi residenti e qualità delle infrastrutture fornite.

ha affermato Alice Higuero, direttrice di questo progetto, durante una tavola rotonda tenutasi a questa conferenza Sito web SciDev.Net Il miglioramento delle condizioni di vita a Kigali non sarebbe stato possibile senza la raccolta di dati e informazioni abbondanti che dovevano essere organizzati e successivamente analizzati.

“Qui entra in gioco il ruolo della scienza e della tecnologia per aiutare a raccogliere dati e informazioni utili sullo stato della città e sulle sfide future, quindi integrarli nei sistemi, elaborarli e analizzarli per determinare le azioni che devono essere intraprese”, spiega il più recente.

La qualità della vita a Kigali è il risultato della collaborazione tra scienziati e politici. Fonte immagine: SDN/J. Zhongguang

Tuttavia, sottolinea che per raggiungere questo obiettivo è necessaria una reale volontà da parte delle autorità politiche di tenere conto delle conoscenze scientifiche e degli sviluppi tecnologici nella selezione e nell’orientamento delle politiche di pianificazione urbana.

READ  Covid: Cos'è Orthos, questa nuova variante di Omicron CH.1.1 che si sta diffondendo in Europa e viene monitorata?

“Tutto deve iniziare a livello nazionale. Se questa è la volontà del governo, le città la attueranno. Nel nostro caso, abbiamo un programma nazionale da cui ciascuna città dipende per sviluppare la propria strategia rimanendo in linea con obiettivi e priorità del programma nazionale”, sottolinea Alice Higuero.

Cambia approccio

Ha inoltre osservato che affinché i decisori si interessino al lavoro scientifico con l’obiettivo di tenerne conto nelle politiche e nelle decisioni pubbliche, i ricercatori devono anche considerare di cambiare il loro approccio e prestare attenzione al modo in cui presentano i risultati della ricerca. La loro ricerca.

Una soluzione potrebbe essere che i ricercatori si rivolgano agli stessi decisori. Almeno questo è quello che ha detto Connie Nshimirrwe, registaProgramma di leadership scientifica in Africa[3]un’iniziativa con sede presso l’Università di Pretoria in Sud Africa.

In un’intervista rilasciata a Sito web SciDev.Net Al termine della conferenza, quest’ultimo sottolinea che “invece di aspettare che vengano da noi, è importante che usciamo dai nostri laboratori per incontrare industriali e decisori per capire a cosa si aspettano che ci adattiamo. ” . Altrimenti potranno continuare a operare senza di noi come già fanno.

Si tratta di un’idea già realizzata in Messico, come confermato dalla chimica Alma Mondragon Centro di ricerche e studi avanzati (Cinefest) in Messico. La persona in questione descrive come il suo Paese ha migliorato questa auspicata collaborazione tra ricercatori e decisori.

“Nel 2019, un programma finanziato dal ministero responsabile della ricerca scientifica ci ha permesso di selezionare sei ricercatori con dottorato e li abbiamo inviati a lavorare in sei ministeri per tre anni”, afferma.

“Hanno lavorato ogni giorno con il Ministro per acquisire esperienza pratica nell’interfaccia tra scienza e politica. “Hanno ricevuto una formazione prima di questo programma per sapere cosa possono aspettarsi, perché non è la stessa cosa essere uno scienziato nel mondo accademico e lavorare. essere uno scienziato nel mondo dei decisori”, spiega Alma Mondragon.

READ  Tram Quebec - Levis: Anglade dice che PLQ sta scommettendo sulla bandiera

“Grazie a questa formazione, hanno acquisito esperienza teorica, ma il programma ha fornito loro un’esperienza professionale nel mondo reale. Oggi, uno dei beneficiari di questo programma lo dirige “Ricerca scientifica, tecnologica e innovazione[4] “Al Congresso Federale del Messico”, dice il chimico.

Guida

Per quanto riguarda l’Africa, è originaria della ricercatrice mauriziana Shaheen Motala Timol Università del Middlesex A Mauritius si evidenzia la necessità di fare affidamento su orientamenti per rafforzare la consulenza scientifica. Dipende in particolare dal “successo” del programma intitolato Programma di sviluppo delle competenze di consulenza scientifica[5] (SASDP) gestito nell’ambito del capitolo africano dell’INGSA. Un’iniziativa che mira a migliorare le capacità dei ricercatori del continente nel campo della fornitura di consulenza scientifica ai decisori.

Anche Pierre Marcel Anicet Noah è uno dei tirocinanti che beneficiano di questo programma. Chiesto prima Sito web SciDev.Net“Siamo fortunati che a livello africano la consapevolezza di questo problema abbia già consentito la formazione di due gruppi di tirocinanti in grado di fornire una certa consulenza scientifica ai governi”, sottolinea.

Il primo ministro ruandese Edouard Ngirente (a sinistra) arriva all’INGSA2024 accompagnato dal ministro dell’Istruzione Gaspard Twagirisinto (al centro) e Remy Kirion, attuale presidente dell’INGSA. Fonte immagine: SDN/J.

Con l’apertura ufficiale di INGSA 2024 il 1Lui è Nel maggio 2024, anche Edward Ngirente, primo ministro ruandese, ha creato la scena insistendo sul fatto che “la maggior parte dei problemi oggi trascendono i confini e la scienza può aiutare a trovare soluzioni”.

Una frase che risuona come un appello ai leader dei paesi del continente a tenere conto dei risultati della ricerca scientifica nel processo decisionale.