Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La proposta di Frye di eliminare le aree bianche fa infuriare Percy e la concorrenza

La proposta di Frye di eliminare le aree bianche fa infuriare Percy e la concorrenza

Il “piantagrane delle comunicazioni” è sicuramente all’altezza del suo titolo. Free ha recentemente messo i bastoni tra le ruote a una questione delicata. Come indicato dall’Agenzia di stampa francese Questo mercoledì, il Gruppo Xavier Niel ha recentemente proposto al governo e all’Arcep, l’autorità di regolamentazione delle telecomunicazioni, degli impegni volti ad estendere il “New Mobile Deal”. Questo accordo tra operatori e Stato ha visto la luce nel 2018. In cambio della proroga di alcune licenze 4G, Orange, SFR, Bouygues Telecom e Free si sono impegnate a installare torri telefoniche nelle zone ancora prive di copertura mobile, comunemente chiamate “bianche”. ”. Regioni”.

In una lettera del 9 aprile inviata a Marina Ferrari, Segretario di Stato responsabile per gli Affari Digitali, e a Laure de la Raudière, Presidente di Arcep, Nicola Thomas, Direttore Generale di Free, chiede una proroga di questo accordo. Questa iniziativa riguarda più precisamente una parte del New Deal, denominata sistema Targeted Coverage (DCC). Ciò consente agli operatori di coprire 5.000 aree selezionate direttamente dalle comunità dove è impossibile – o difficile – accedere al servizio mobile.

Comunicazioni: ricarica gratuita per gli abbonati nel primo trimestre

Il “successo operativo” del New Deal

Nicholas Thomas ricorda questo dispositivo di benvenuto “Il successo operativo”terminerà nel 2025, mentre gli ultimi siti saranno operativi nel 2027. Avverte che il problema è che“In questo momento, nelle regioni continueranno ad esserci molte esigenze di comunicazione mobile”. Secondo lui molti villaggi e zone rurali non potranno ancora beneficiare di una copertura 4G e nemmeno 3G degna di questo nome.

Viene quindi offerto gratuitamente, con assistenza “Operatori che vogliono” Che il governo proroghi la DCC. In cambio del prolungamento della durata di utilizzo di molte frequenze di telefonia mobile, l’azienda si dichiara disposta a costruire al massimo 1.200 ulteriori siti per un importo di 555 milioni di euro. Frey afferma che ora dovremmo preoccuparci di estendere il regime di copertura mirata. Sostiene che dovremmo battere il ferro finché è caldo, sostenendo che riavviare il DCC sarebbe più difficile se si fermasse.

READ  Quattro fatti e cifre sorprendenti sui nostri (ex) mezzi di comunicazione preferiti.

“Il contribuente è colui che pagherà”.

Ma l’iniziativa solleva, per usare un eufemismo, riserve. A Bercy l’accoglienza è stata molto fredda, dice una fonte vicina al ministero. Il modo in cui Al Hurra si posiziona “Salvatore della società” regione. “Non dobbiamo dimenticare che le frequenze sono un’importante fonte di entrate statalimenzioniamo. La loro estensione non è gratuita! Alla fine a pagare sarà il contribuente. » La nostra fonte spiega che non c’è stato ancora alcun arbitrato riguardo alla proposta di Free. Considerando l’attuale deficit di bilancio, però, ritiene improbabile che lo Stato rinunci ai grossi soldi provenienti dalle frequenze della telefonia mobile. Noi di Percy crediamo anche che potrebbe essere troppo presto per prendere in considerazione l’estensione del nuovo accordo. La nostra fonte indica che sono in corso lavori per valutarne attentamente l’efficacia.

Stessa storia per Avicca, associazione che si fa portavoce delle comunità coinvolte nella tecnologia digitale. Patrick Chase, il suo presidente, che è anche membro del Senato (LR) per Ain, giudice “Prima di considerare il New Deal 2, dobbiamo valutare il New Deal 1”.. “Come diciamo a casa, alla fine della fiera si conta lo stercoLui continuò. Dobbiamo sapere se tutte le parti interessate nel New Deal sono state rispettate. Tuttavia, la mia sensazione è che non sia così. » Il senatore ritiene che gli investimenti degli operatori siano senza dubbio molto inferiori a quanto costerà allo Stato questo accordo attraverso l’estensione delle licenze 4G per Orange, SFR, Bouygues Telecom e Free. Nel 2018, il governo e l’Arcep hanno stimato il deficit di entrate dello Stato in 3 miliardi di euro.

READ  Boeing, en perte de vitesse, soutenu par Washington

Fine delle zone bianche: secondo il governo non basteranno i 3 miliardi del 2018

“Lone Rider” di Free sconvolge la concorrenza

Anche da parte di Orange, SFR e Bouygues Telecom non mancano le critiche alla proposta gratuita. Due di loro, come Percy e Avika, ritengono che sia necessaria una valutazione del nuovo accordo prima di considerarne la continuazione. Anche il responsabile dell’operatore è arrabbiato “L’unico passeggero” È gratuito. Ai suoi occhi, il suo avversario sembrava più preoccupato per lui “I suoi interessi” – Cioè, estendendo il periodo di utilizzo delle sue frequenze – solo per l’interesse pubblico. “Da dove provengono gli altri 1.200 siti mobili?superare di poco. A cosa corrisponde questo numero, visto che ancora non conosciamo i veri bisogni delle società? » Da parte sua, Arsib non ha potuto rispondere alle nostre domande giovedì. Tuttavia, il settore e le autorità pubbliche non sembrano, in questa fase, affatto disposti a dare seguito alla proposta di Free.