Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La Banca Centrale Europea inizia un taglio molto cauto dei tassi di interesse

La Banca Centrale Europea inizia un taglio molto cauto dei tassi di interesse

Con la massima cautela, e senza alcun impegno per il futuro, la Banca Centrale Europea ha deciso, giovedì 6 giugno, di tagliare i tassi di interesse di un quarto di punto percentuale, dal 4% al 3,75%. Sebbene ampiamente annunciata in anticipo e senza sorprese, questa misura rappresenta una nuova fase nella battaglia contro l’inflazione nell’eurozona.

La prima fase ha rappresentato il più grande aumento dei tassi di interesse nella storia dell’istituto, dal -0,5% al ​​4%, tra luglio 2022 e settembre 2023. Poi è iniziato il periodo di stabilizzazione. Ora inizia il declino. Ma a quale ritmo? Quando Christine Lagarde, capo dell’establishment monetario, è stata interpellata più volte su questo argomento durante la sua conferenza stampa, si è sistematicamente rifiutata di rispondere.

“Non ci impegniamo anticipatamente su alcun percorso di prezzo particolare.” Verranno prese delle decisioni “Incontro dopo incontro”. et al “Dipenderà dai dati economici”.. I mercati finanziari si aspettano due o tre ribassi quest’anno: hanno ragione? “I mercati finanziari fanno quello che devono fare, e noi facciamo lo stesso”.Risponde MIO Lagarde.

Questo rifiuto di rispondere sottolinea il delicato equilibrio che deve affrontare la Banca Centrale Europea. La sua missione è mantenere l’inflazione al 2%. Questa percentuale è diminuita drasticamente, dal 10,6% di ottobre 2022 al 2,6% di maggio. Ma il declino è rallentato negli ultimi mesi. Tra aprile e maggio l’inflazione è leggermente aumentata (dal 2,4% al 2,6%).

“L’inflazione interna resta elevata”

La buona notizia è che gli enormi shock esterni di cui ha sofferto l’Eurozona e che spiegavano l’aumento dei prezzi, sono finiti. Le catene di approvvigionamento, che erano in gran parte disorganizzate quando siamo usciti dalla pandemia di Covid-19, stanno funzionando di nuovo relativamente bene. Lo shock energetico, derivante dalla chiusura dei gasdotti da parte di Vladimir Putin nell’estate del 2022, si è risolto. La cattiva notizia è che gli effetti collaterali di questi shock si fanno ancora sentire in tutta l’economia.

READ  Nel 2023 gli enti locali rischiano di ritrovarsi in deficit, avverte la Corte dei conti

“L’inflazione interna resta elevata”M si giraIO Guardia. I prezzi nel settore dei servizi, che dipendono in gran parte dalla variazione salariale, hanno accelerato: dal 3,7% di aprile al 4,1% di maggio. Questa inflazione ” Colla “, che fatica ad adattarsi al suo fondo, preoccupa la Banca Centrale Europea. Inoltre, gli economisti hanno rivisto leggermente le loro previsioni per l’aumento dei prezzi del prossimo anno, dal 2% al 2,2%. ” La strada [de la désinflation] Ti faranno del male»“, avverte il suo capo.

Leggi anche | Il materiale è riservato ai nostri abbonati La Banca Centrale Europea è pronta ad allentare la presa sull’economia

Allo stesso tempo, la Banca Centrale Europea appare leggermente più ottimista riguardo alla crescita, contando su un aumento del PIL dell’eurozona dello 0,9% quest’anno (rispetto a una previsione dello 0,6% a marzo) e dell’1,4% nel 2025. “Dopo cinque trimestri di recessione, l’economia è cresciuta dello 0,3% nel primo trimestre (…) “Ci aspettiamo che la ripresa continui.”dice MIO Guardia. Niente di spettacolare, ma tagliare i tassi di interesse mentre l’economia migliora è un paradosso per la banca centrale.

Ti resta il 46,65% di questo articolo da leggere. Il resto è riservato agli abbonati.