Ottobre 21, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La preoccupante deriva autoritaria del presidente Kais Saied

Introduzione a “Il mondo”. Il mito del consenso democratico tunisino è appena crollato. L’uomo che è il becchino non è altro che il capo dello stato stesso, Kais Saied, eletto nel 2019 con un voto anti-regime. Emanando un decreto, mercoledì 22 settembre, per riscrivere le regole costituzionali nel senso di concentrare i poteri a suo favore, il presidente tunisino si lancia nell’avventura del suo potere personale carico di lacrime e spaccature.

Leggi anche Tunisia: Kais Saied rafforza i poteri della presidenza

La tentazione della tirannia di Mr. Said, anche coperta dall’esaltazione totemica del “Persone” e “rivoluzione” Rilanciare, mette unilateralmente fine a un decennio di apprendimento (2011-2021) di democrazia parlamentare. L’evento non è solo disastroso per il patrimonio democratico della stessa Tunisia. Così è anche per l’intero mondo arabo, dove il “modello tunisino” brillava come un raggio di speranza nell’oscurità delle dittature o delle guerre civili. Questo faro si è appena spento.

Indubbiamente non bisogna ubriacarsi di tante illusioni dopo il golpe del 25 luglio, che sembrava essere il primo atto del nuovo corso delle cose. Quel giorno, Qais Saeed assunse la piena autorità convocando A ‘pericolo imminente’ La nazione è gravata dall’articolo 80 della Costituzione. La ripresa è stata applaudita dalla popolazione, e profonda è stata la loro indignazione per le sterili lotte politiche in assemblea, sullo sfondo del declino sociale ed economico e della crisi sfrenata dovuta al Covid-19.

Sull’orlo del fallimento

Tuttavia, quello che doveva essere un gesto di autorità provvisoria di fronte a una paralisi che deve essere sanata, crea di fatto un ordine straordinario nel tempo. La seconda legge dell’avventura di Kais Saied, il decreto del 22 settembre, formalizza ulteriormente la deriva autoritaria abrogando un intero paragrafo della costituzione 2014. Il presidente è ora in grado di elaborare una futura revisione della Legge fondamentale. Conosciamo già l’ispirazione. Sarà molto presidenziale. Il signor Said non ha mai nascosto la sua antipatia per la democrazia rappresentativa, che equivale a rinunciare al suffragio popolare. È preferibile incontrarsi faccia a faccia senza mediazione tra il re e il popolo.

READ  Aereo si schianta in una zona residenziale, addetto alle consegne UPS ucciso in un incidente
Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche Hammadi Al-Radisi: “In Tunisia tutto indica che si va verso un’autorità unica”

Nessuno contesta le carenze – corruzione, fallimento sociale ed economico … – che hanno segnato il decennio successivo al 2011. Nessuno contesta la popolarità – fino ad oggi – del capo dello Stato, vedendo una parte della popolazione, disperata , un salvatore della cura divina. Tuttavia, era responsabilità del signor Said unire piuttosto che dividere. Stava a lui preservare la cultura del dialogo che ha caratterizzato l’unicità della transizione democratica della Tunisia, per la quale è stato insignito del Premio Nobel per la pace nel 2015.

Tuttavia, il presidente ha sistematicamente silurato questo modello di consultazione. Rifiuta con veemenza gli organi intermedi – politico, sindacale e associazionismo – a margine. Peggio ancora, polarizza e inasprisce il conflitto tra la Tunisia (il popolo) e l’altro (l’élite), attraverso una critica sempre più aggressiva nei confronti del popolo. “traditori” e il “Venduto”.

Leggi anche In Tunisia, voci preoccupate per un regime eccezionale “senza garanzie”

Sull’orlo del fallimento finanziario, la Tunisia non può permettersi di rischiare una discordia artificiale. Non è mai troppo tardi per evitare il caos. Mr. Said deve capire che, al di là della semplice astrazione “Persone”, La società civile tunisina esiste e la sua storia è parte integrante dell’identità nazionale. Ascoltarlo migliorerà gli attuali sforzi di recupero. Ignorarlo ti aprirà alle vertigini dell’ignoto.

Lo scienziato