Giugno 20, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La nota esplode ai suoi proprietari

La nota esplode ai suoi proprietari

Lo sviluppo dell’imposta sulla proprietà è stato spettacolare quest’anno in alcuni comuni, il che mina la retorica del governo sui tagli fiscali.

“Non si tratta di aumentare le tasse sulle famiglie.” Alla fine dell’estate, il primo ministro Elizabeth Borne, che mercoledì ha parlato al microfono Francia bluSta cercando di rassicurare i contribuenti che preparare il bilancio 2024 sarà complicato. Tuttavia, molte famiglie si renderanno presto conto che l’aumento delle tasse (l’aliquota obbligatoria ha raggiunto un record storico in Francia nel 2022) è lungi dall’essere terminato.

La Direzione generale delle finanze pubbliche ha già iniziato martedì l’invio degli avvisi di imposta sugli immobili per le persone non mensili, ha confermato DGFiP a BFM Immo. Inoltre, “gli avvisi fiscali sugli immobili per le persone non mensili verranno pubblicati online il 30 agosto e per gli utenti mensili il 22 settembre”, precisano le autorità fiscali.

E quest’anno molti contribuenti possono aspettarsi sorprese molto spiacevoli al ritorno dalle vacanze. Si ricorda che, per calcolare l’imposta immobiliare, l’amministrazione finanziaria parte dai valori locativi catastali ai quali vengono applicate le detrazioni e applica poi diverse aliquote fiscali (aliquota comunale, aliquota intercomunale, aliquota dipartimentale). Quindi, l’aumento dell’imposta sugli immobili può derivare dall’aumento dei valori catastali e dall’aumento delle aliquote deciso dagli enti locali.

+59% a Parigi in un anno

Nel 2023 però l’incremento dei valori catastali sarà molto consistente: +7,1%. In altre parole, anche se il vostro comune non aumentasse l’aliquota dell’imposta sulla proprietà, l’imposta aumenterebbe comunque “automaticamente” del 7,1%. Poi alcuni comuni hanno aumentato le tariffe anche quest’anno. Secondo il presidente dell’Associazione dei sindaci francesi (AMF), David Lesnar, quest’anno il 19% delle città soffre di questa condizione. E per alcuni di loro, il salto è stato sorprendente:

  • L’aliquota applicata all’imposta immobiliare sale al 52% a Parigi (a cui va aggiunto l’aumento dei valori catastali del 7,1%, per un incremento complessivo del 59%).
  • +25% a Grenoble (ovvero +32% complessivo)
  • +14,3% a Metz (+21% complessivo)
  • +10% a Limoges (+17% in totale)
  • +9% a Lione (o +16% complessivo)
  • +4,5% a Bordeaux (+11,5% complessivamente)
READ  Dopo la chiusura della centrale di Feisenheim, il sindaco ora spera di costruire mini-reattori

Come spieghiamo tali sviluppi? Questo mercoledì Elizabeth Bourne ha cercato di riportare in auge la patata bollente facendo riferimento alle “decisioni delle autorità locali”. Questi ultimi potrebbero “avere la capacità di aumentarlo in funzione dell’evoluzione dell’inflazione” ma “non ho dubbi” che “saranno attenti ai rischi legati al potere d’acquisto”.

Il gioco del tetto fiscale

In effetti, per i contribuenti, si tratta di un enorme gioco di limiti fiscali che va avanti da alcuni anni. In particolare, con l’eliminazione dell’imposta sulla casa sulle residenze primarie (ma non sulle residenze secondarie). Il governo afferma di aver risarcito i comuni con l’euro più vicino per la perdita associata a questa cancellazione. Ma per molte città il conto non c’è. Soprattutto perché alcuni di loro soffrono parallelamente di una riduzione dei finanziamenti… da parte dello Stato. Tuttavia, se volevano aumentare le loro entrate, avevano solo la possibilità di imporre un’imposta sulla proprietà.

Resta il fatto che, secondo la Corte dei Conti, la situazione delle finanze locali è complessivamente migliorata nel 2022. Gli investimenti e il loro indebitamento», spiega la Corte dei Conti, che menziona una posizione monetaria “elevata” di 60 miliardi di euro. risparmio delle società (ovvero il saldo tra entrate e spese di gestione) 44 miliardi di euro, un nuovo record storico. Tuttavia, ci sono discrepanze significative con alcuni comuni che attraversano grandi difficoltà e non hanno entrate sufficienti.

Tuttavia, per i proprietari francesi si tratta di una doccia fredda rispetto alle agevolazioni fiscali regolarmente promesse.

Articoli principali