Luglio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La data consigliata è il 2 giugno, ma l'opposizione la respinge

La data consigliata è il 2 giugno, ma l'opposizione la respinge

Oggi, lunedì, sono stati consegnati ufficialmente i risultati del “Dialogo Nazionale” che raccomandava l'organizzazione delle elezioni presidenziali in Senegal il 2 giugno, due mesi dopo la fine del mandato del presidente Macky Sall, cosa che aveva scatenato l'ira dell'”opposizione”. La votazione dovrà essere organizzata entro il 2 aprile, data di fine del mandato presidenziale.

Pubblicato su:

4 minuti

Il presidente senegalese Macky Sall ha compiuto un altro passo avanti nella fissazione della data delle elezioni presidenziali ricevendo lunedì 4 marzo un rapporto che raccomandava che il voto si tenesse il 2 giugno, due mesi dopo la fine del suo mandato, con grande sgomento dell'opposizione.

I senegalesi avrebbero dovuto recarsi alle urne il 25 febbraio. Ma tre settimane prima delle elezioni, il capo dello Stato ha emesso un decreto che rinvia le elezioni, citando i profondi disaccordi derivanti dall’approvazione delle nomine e il rischio di nuove violenze dopo le violenze mortali del 2021 e del 2023.

L'opposizione ha condannato questo rinvio e lo ha definito un “colpo di stato costituzionale”, che ha suscitato proteste nell'opinione pubblica e manifestazioni che hanno causato la morte di quattro persone. Da allora, il Consiglio costituzionale ha spodestato Macky Sall e il Paese, precipitato nell’incertezza, attende una nuova data elettorale.

Lunedì il presidente ha ricevuto ufficialmente le raccomandazioni del “dialogo nazionale” che ha organizzato una settimana fa per uscire dalla crisi. Quasi tutta l'opposizione, che chiedeva a gran voce elezioni prima del 2 aprile, ha boicottato l'incontro.

Le raccomandazioni di questo incontro sono già note: le elezioni si terranno il 2 giugno e Macky Sall resterà in carica fino all'insediamento del quinto presidente del Senegal.

READ  Il leader di Hezbollah afferma che la risposta all’assassinio del secondo uomo di Hamas a Beirut è “inevitabile”

Lo chef, dal 2012 e dal 2019 al 2024, ha detto: “comporre il Consiglio consultivo costituzionale per raccogliere le persone che fanno domande sulla data delle elezioni e il 2 aprile”, Presidenza Précise. Perché il capo dello Stato ha più volte dichiarato che partirà il 2 aprile.

La possibilità di rinviare il voto al 2 giugno e la partenza del presidente il 2 aprile aprono la strada a una situazione senza precedenti e a un vuoto giuridico non previsto dalla Costituzione.

L'opposizione chiede di accelerare l'organizzazione del voto

Ponendo il veto al rinvio il 15 febbraio, il Consiglio ha scritto che “il mandato del presidente non può essere prorogato (…)” e che “la data delle elezioni non può essere rinviata oltre la scadenza del mandato”. I partecipanti al “Dialogo Nazionale” citano l’articolo 36 della Costituzione, che stabilisce che il presidente “rimane in carica fino all’insediamento del suo successore”.

Un gruppo di 16 candidati dell'opposizione chiede di accelerare l'organizzazione del voto prima della fine della legislatura.

Il Fronte della Resistenza, un'alleanza formata giovedì dall'opposizione politica e dalle organizzazioni della società civile, ha mobilitato alcune centinaia di sostenitori sabato a Dakar e intende mantenere alta la pressione con marce annunciate per mercoledì e sabato. “Vogliamo che le elezioni si svolgano prima del 2 aprile con la partecipazione di 19 candidati scelti dal Consiglio costituzionale, e che la democrazia senegalese continui a brillare”, ha spiegato sabato Asane Camara, un commerciante di 27 anni.

Altro argomento controverso: un progetto di legge di amnistia per gli incidenti legati alle manifestazioni politiche tra il 2021 e il 2024, che hanno provocato decine di morti e ingenti danni materiali come il saccheggio dell’Università di Dakar. Il progetto, avviato dal presidente Macky Sall “nello spirito di riconciliazione”, dovrà ora essere presentato all'Assemblea nazionale per l'adozione, possibilmente già questa settimana.

READ  LIVE - Covid: 2 milioni di casi al giorno nel mondo

Ma ciò fa arrabbiare l’opposizione e non ottiene consenso all’interno della maggioranza presidenziale. L'opposizione condanna la “negazione della giustizia” e la considera una manovra per garantire l'impunità ai responsabili della repressione, compresi i funzionari governativi.

In un articolo pubblicato venerdì, più di 200 accademici hanno descritto il progetto come “un invito all’amnesia”. “Cancellare i crimini del passato equivarrebbe a farsi beffe della memoria delle vittime e a indebolire le basi dello Stato di diritto”, scrivono i firmatari.

Amnesty International, in un comunicato stampa pubblicato lunedì, vede il progetto come un “insulto alle famiglie delle vittime” e una “preoccupante aggiunta all’impunità”. L'organizzazione chiede indagini “sull'uso della forza da parte delle forze di difesa e di sicurezza durante le manifestazioni”.


Con l'Agenzia France-Presse