Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La Banca di Francia mantiene le sue previsioni di crescita per il 2024

La Banca di Francia mantiene le sue previsioni di crescita per il 2024

Martedì la Banca di Francia (BdF) ha mantenuto le sue previsioni per una crescita del PIL dello 0,8% quest’anno. Ma queste aspettative non tengono conto del nuovo contesto politico.

Martedì la Banca di Francia (BdF) ha mantenuto le sue previsioni di crescita del PIL allo 0,8% quest’anno, abbassando leggermente le previsioni per il 2025 e il 2026, ma queste previsioni non tengono conto del nuovo contesto politico del paese. nazione. Nelle sue nuove previsioni macroeconomiche, completate alla fine di maggio, la banca centrale francese prevede un aumento del PIL dell’1,2% l’anno prossimo e dell’1,6% nel 2026, in leggero calo rispetto alle previsioni pubblicate a marzo rispettivamente dell’1,5% e dell’1,7%. .

Queste revisioni sono in parte dovute ai 20 miliardi di euro di risparmi annunciati dal governo per quest’anno, l’impatto negativo sull’attività economica è in parte compensato dalla crescita economica nel primo trimestre che è stata migliore di quanto riportato in precedenza. Dello 0,2%. D’altro canto, non tengono affatto conto delle possibili conseguenze economiche dello scioglimento dell’Assemblea nazionale, annunciato domenica dal presidente Emmanuel Macron.

Fin dall’inizio della conferenza stampa per presentare queste aspettative, martedì mattina, il direttore generale delle statistiche della Forza di difesa del Bahrein, Olivier Garnier, ha avvertito che non ci saranno… “no comment” Sulle notizie politiche. Il documento pubblicato martedì indica che le previsioni sono state fatte su questo presupposto “Politica economica fissa”. Questo potrebbe non essere il caso se la maggioranza dovesse cambiare a luglio, soprattutto a favore del Partito del Raduno Nazionale.

“Alto rischio”

Fatta eccezione per possibili nuove circostanze politiche, “Il nostro scenario centrale rimane un’uscita graduale dall’inflazione senza recessione, consentendo una ripresa più chiara della crescita nel 2025 e poi nel 2026”.indica BdF, con questo specificato “I rischi legati a questo scenario centrale rimangono elevati”.. Per quest’anno BdF mantiene l’Ipotesi A “progressi moderati” Tu sei PIB. “Ma i consumi delle famiglie beneficeranno di una ripresa del potere d’acquisto associata a una minore inflazione”.“, nota.

READ  L'inflazione può causare un leggero aumento del salario minimo

crescita “Potrebbe migliorare” gli anni successivi, “Ulteriormente supportato da una ripresa degli investimenti privati ​​con il calo dei tassi di interesse”.. La banca centrale sta valutando la possibilità di ritirarsi “Logico” L’inflazione totale è pari al 2,5% in media quest’anno dopo il 5,7% dell’anno scorso e superiore all’1,7% nel 2026 e nel 2027. “A causa della riduzione dei prezzi di cibo, energia e manufatti”Mentre l’inflazione nei servizi “Scenderà più lentamente.”.

L’ipotesi di una “riduzione significativa” del deficit di bilancio

Questa previsione è legata all’ipotesi A “decremento significativo” deficit di bilancio, “Ridotto al 4% del Pil nel 2026”, definisce BdF. È prevista anche l’occupazione “Ti adatterai al ritardo.” a un rallentamento dell’attività, con un tasso di disoccupazione migliore del previsto nel 2024, al 7,6% a fine anno. Si prevede che aumenterà temporaneamente nel 2025, al 7,9%, prima di scendere nuovamente “In seguito alla ripresa dell’attività”Si stabilizzerà al 7,6% entro la fine del 2026.

Martedì anche il Defense Force Fund ha pubblicato il suo sondaggio economico mensile, condotto tra 8.500 leader aziendali tra la fine di maggio e l’inizio di giugno. I loro risultati consentono di prevedere a “molto leggero” La crescita del PIL nel secondo trimestre è compresa tra lo 0% e lo 0,1%

Tuttavia, Olivier Garnier ha sottolineato martedì che alcuni dati dell’indagine devono essere interpretati con cautela, a causa del gran numero di giorni festivi e di chiusure di imprese legate alla fissazione dei giorni festivi nel mese di maggio di quest’anno. L’attività dovrebbe essere più sostenuta nel mese di giugno, mentre “I prezzi di vendita continuano a essere moderati.”E “Le difficoltà occupazionali continuano a diminuire lentamente”..