Giugno 13, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Israele continua i bombardamenti sulla città di Rafah, il giorno dopo che la decisione della Corte internazionale di giustizia ha ordinato la sospensione delle operazioni

Israele continua i bombardamenti sulla città di Rafah, il giorno dopo che la decisione della Corte internazionale di giustizia ha ordinato la sospensione delle operazioni

Aggiornamento sulla situazione La più alta corte delle Nazioni Unite ha ordinato a Israele di fermare l’attacco a Rafah e di mantenere aperto il valico verso l’Egitto.

L’esercito israeliano ha bombardato la Striscia di Gaza, inclusa Rafah, sabato, il giorno dopo che la Corte internazionale di giustizia ha emesso la decisione di sospendere le sue operazioni in questa striscia, nel contesto degli sforzi a Parigi per raggiungere un cessate il fuoco tra Israele e Hamas. Le Figaro Valuta la situazione.

Raid israeliani su Rafah dopo la decisione della Corte internazionale di giustizia

La Corte internazionale di giustizia, la più alta corte delle Nazioni Unite le cui decisioni sono giuridicamente vincolanti ma non dispone di meccanismi per attuarle, ha ordinato a Israele di fermare l’attacco a Rafah e di mantenere aperto il passaggio verso l’Egitto, necessario per l’ingresso degli aiuti umanitari ma che è stato chiuso dopo il suo lancio. per le operazioni di terra all’inizio di maggio. Israele si è difeso affermando di non avere nulla “Nella zona di Rafah non sono state effettuate e non verranno effettuate operazioni militari che portino alla creazione di condizioni di vita che porterebbero alla distruzione totale o parziale della popolazione civile palestinese”..

Il movimento islamico palestinese Hamas, che è in guerra con Israele e detiene il potere a Gaza dal giugno 2007, ha accolto con favore la decisione della Corte internazionale di giustizia, pur esprimendo rammarico per la sua limitatezza. “Solo a Rafah”. In seguito alla decisione della Corte Internazionale di Giustizia di venerdì, sono continuati i bombardamenti israeliani sulla Striscia di Gaza. Lo stesso vale per gli scontri avvenuti tra l’esercito israeliano e il braccio armato del movimento Hamas. Sabato mattina presto, testimoni palestinesi e operatori dell’AFP hanno riferito di raid israeliani a Rafah (sud), una città alla periferia dell’Egitto, così come a Deir al-Balah (al centro).

READ  Gli Stati Uniti hanno annunciato di aver effettuato attacchi in Siria su siti collegati all'Iran

Colloqui a Parigi

È stato sequestrato dal Sud Africa, che Israele lo accusa “Genocidio”La corte non solo ha ordinato un cessate il fuoco immediato a Rafah e l’apertura dell’omonimo valico di frontiera per consentire l’ingresso di aiuti umanitari, ma ha anche ordinato che l’ingresso di aiuti umanitari sia vietato. “Liberazione immediata e incondizionata” Ostaggi tenuti da Hamas a Gaza. All’inizio della settimana, il procuratore della Corte penale internazionale ha richiesto l’emissione di mandati di arresto contro i leader di Hamas e Israele, tra cui Benjamin Netanyahu, per presunti crimini commessi in Israele e nella Striscia di Gaza.

Sebbene il governo israeliano abbia criticato l’annuncio del procuratore generale, ha ordinato ai suoi negoziatori di farlo “Ritornare al tavolo delle trattative per ottenere la restituzione degli ostaggi.”Secondo un alto funzionario. All’inizio di maggio, i negoziati indiretti tra Israele e Hamas, attraverso il Qatar, l’Egitto e gli Stati Uniti, non hanno portato ad un accordo di tregua legato al rilascio degli ostaggi palestinesi e dei prigionieri detenuti da Israele.

Il direttore della CIA William Burns dovrebbe arrivare a Parigi venerdì o sabato nel tentativo di riprendere i colloqui su una tregua a Gaza, secondo quanto appreso dall’Agence France-Presse da una fonte occidentale informata. Venerdì, il presidente francese Emmanuel Macron ha ricevuto il primo ministro del Qatar e i ministri degli Esteri di Arabia Saudita, Egitto e Giordania “Premere per un cessate il fuoco”Secondo Il Cairo. Secondo la presidenza francese, i leader hanno discusso all’Eliseo dell’attuazione dell’accordo “Soluzione due Stati”O uno Stato palestinese vitale accanto a Israele. Spagna, Irlanda e Norvegia hanno recentemente annunciato il riconoscimento dello Stato di Palestina.

READ  Un aereo perde parte della fusoliera durante il volo

Hanno parlato anche i leader “Tutte le leve attivabili per riaprire tutti i valichi”. Verso questa terra palestinese e abbiamo studiato come “Aumentare e approfondire la loro cooperazione nel campo degli aiuti umanitari”.

Una situazione umanitaria allarmante

Allo stesso tempo, il capo della diplomazia statunitense, Anthony Blinken, ha parlato con Benny Gantz, membro del gabinetto della Difesa israeliano, dei nuovi sforzi per raggiungere un cessate il fuoco e riaprire la Striscia. “Appena possibile” Washington ha detto che il valico di Rafah. La situazione umanitaria e di sicurezza nella Striscia resta preoccupante, con il rischio carestia, ospedali fuori servizio e circa 800mila persone, secondo le Nazioni Unite, fuggite da Rafah nelle ultime due settimane.

“Siamo in un momento cruciale”Il capo delle operazioni umanitarie dell’ONU, Martin Griffiths, ha riassunto durante la notte. “Gli operatori umanitari e il personale delle Nazioni Unite devono poter svolgere il proprio lavoro in completa sicurezza (…) in un momento in cui la popolazione di Gaza è impantanata nella carestia”.. In questo contesto si è impegnato il presidente egiziano Abdel Fattah El-Sisi, in una telefonata con Joe Biden “Lasciate passare gli aiuti umanitari” Le Nazioni Unite entrano a Gaza attraverso il valico israeliano di Kerem Shalom, secondo la Casa Bianca.

” data-script=”https://static.lefigaro.fr/widget-video/short-ttl/video/index.js” >