Giugno 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Influenza aviaria: questa nuova variante preoccupante ha appena mietuto la sua prima vittima

Influenza aviaria: questa nuova variante preoccupante ha appena mietuto la sua prima vittima

I rapporti affermavano che l’uomo, la cui identità non era stata rivelata, aveva iniziato a mostrare sintomi gravi tra cui febbre, mancanza di respiro, diarrea, nausea e malessere generale. il Sole. Secondo un portavoce dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, “Questo è il primo caso umano confermato in laboratorio di infezione da virus A(H5N2) segnalato nel mondo e il primo caso di infezione da A(H5) in una persona in Messico.Il paziente soffriva di diverse malattie croniche, tra cui insufficienza renale cronica, diabete e pressione alta, che potrebbero aver facilitato l’infezione e il peggioramento delle sue condizioni.

Sebbene non vi sia stato alcun contatto con il pollame, le autorità sanitarie non escludono l’infezione dovuta al contatto indiretto. Il paziente è stato costretto a letto per tre settimane per altri motivi prima che comparissero sintomi gravi. È stato ricoverato in ospedale una settimana dopo la comparsa dei sintomi ed è morto lo stesso giorno del ricovero a causa di gravi complicazioni.

Altri precedenti per l’influenza aviaria

Gli esperti sottolineano che già in passato diversi ceppi dell’influenza aviaria hanno contagiato l’uomo, talvolta con conseguenze mortali. Nel 2023, una donna di 56 anni è morta in Cina dopo aver contratto l’H3N8, probabilmente in un mercato umido.. Nel 2021, 18 persone sono morte a causa del virus H5N6 in Cina, secondo i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). Un anno dopo, la Cina ha segnalato un caso umano di H5N1, anch’esso mortale.

Andrew Piekosh, esperto di influenza aviaria presso la Johns Hopkins University, sottolinea:Dal 1997, i virus H5 hanno mostrato una tendenza costante a infettare i mammiferi più di qualsiasi altro virus dell’influenza aviaria. Ogni trasmissione rappresenta un’opportunità per il virus di accumulare le mutazioni necessarie per migliorare la trasmissione nell’uomo“.

READ  Guida in stato di ebbrezza: in passato avevamo un governo che credeva nella scienza...

Le mutazioni del virus sono sotto stretto monitoraggio

È necessaria la vigilanza tra gli scienziati che stanno monitorando da vicino le mutazioni nei virus dell’influenza aviaria.
L’infezione di animali come foche, procioni, orsi e bestiame è dovuta principalmente al contatto con uccelli infetti. Gli esperti affermano che i cambiamenti nel virus potrebbero rendere più facile la trasmissione tra esseri umani, anche se questo non è ancora il caso dell’H5N2.

Il dottor Ed Hutchinson, docente senior presso il Centro per la ricerca sui virus dell’Università di Glasgow, avverte:Sebbene molta attenzione sia focalizzata sul virus H5N1 nel bestiame negli Stati Uniti,… Questo caso serve a ricordare che esistono molti altri virus influenzali che hanno la capacità di infettare l’uomoHutchinson aggiunge che questo contagio sembra essere un incidente isolato, ma la situazione è ancora monitorata.

Quali sono i sintomi della malattia?

I sintomi dell’influenza aviaria di solito compaiono molto rapidamente e comprendono febbre alta, dolori muscolari, mal di testa, tosse e mancanza di respiro. Altri sintomi precoci possono includere diarrea, nausea e dolore addominale Dolore toracico, sanguinamento dal naso e dalle gengive, nonché congiuntivite.

Per ridurre il rischio di infezione, È necessario evitare il contatto con uccelli malati o mortiLavarsi spesso le mani e seguire le raccomandazioni delle autorità sanitarie. Anche le persone che maneggiano il pollame dovrebbero indossare adeguati dispositivi di protezione.

C’erano altre persone contagiate?

Le autorità sanitarie continuano a testare le persone che sono state in contatto con il paziente messicano per possibili infezioni. Ad oggi non sono stati segnalati altri casi umani di infezione da H5N2 e il rischio di diffusione sembra essere basso. Tuttavia, gli esperti restano vigili, consapevoli che ogni nuova infezione rappresenta un’opportunità per il virus di mutare e forse diventare più trasmissibile tra gli esseri umani.

READ  La cronaca "È già domani": la scienza... in fondo al buco, dalla Cina al Messico

Resta necessaria la vigilanza mentre gli scienziati lavorano per comprendere i meccanismi di infezione e sviluppare strategie per prevenire le epidemie. La ricerca sulla sequenza genetica del virus potrebbe fornire risposte sulla sua capacità di infettare gli esseri umani E aiuta ad anticipare i cambiamenti futuri.