Maggio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

In un contesto geopolitico teso, Fitch e Moody's non declassano il rating della Francia

In un contesto geopolitico teso, Fitch e Moody's non declassano il rating della Francia

Tuttavia, queste agenzie non sono immuni dai conflitti di interesse perché ricevono i pagamenti da emittenti di debito, sollevando dubbi sulla loro integrità. Le sue passività, caratterizzate da significative classificazioni errate prima della crisi finanziaria, Mutuo Le difficoltà finanziarie che la Grecia deve affrontare hanno rafforzato questi dubbi sulla sua competenza.

Tuttavia, l’impatto di queste classificazioni è enorme. È una misura cruciale della capacità di un paese di ripagare i propri debiti sui mercati finanziari. I criteri valutati spaziano dalla stabilità economica, alla governance e alle politiche fiscali, influenzando non solo l'accesso ai mercati finanziari, ma anche i requisiti di riserva minima delle banche.

In questo contesto, la Francia è da più di un decennio protetta dallo scudo rappresentato dalla Banca Centrale Europea e dallo slogan di Mario Draghi “qualunque cosa serva” il 26 luglio 2012. Era anche difficile immaginare che il rating della Francia venisse declassato da Fitch e Moody's in un contesto geopolitico simile per la NATO.

Nei media, venerdì scorso, molti si aspettavano un peggioramento del rating della Francia, che avrebbe raggiunto in particolare il CAC 40. Ricordiamo che l'unica volta in cui un'agenzia di rating ha causato un vero shock sui mercati è stato il 5 agosto 2011, quando Standard & Poor's ha declassato il rating statunitense, in un contesto tecnico favorevole a una correzione.

Le sfide che attualmente il bilancio francese deve affrontare sono grandi. I debiti hanno raggiunto un livello record, superando la barriera dei 3.100 miliardi di euro, con un incremento di circa 1.000 miliardi di euro durante la presidenza Macron/Le Maire, e il rapporto debito/PIL supera il 111% nel 2023. I Cavalieri del bilancio dello Stato francese, obeso dopo la pandemia, è recentemente aumentato con gli aiuti stanziati all'Ucraina a fine 2024, che dovrebbero valere 6,8 miliardi di euro a fine anno, e quando sarà Si prevede che il costo delle Olimpiadi di Parigi 2024 per lo Stato sarà stimato tra… Tra 3,3 e 5,2 miliardi di euro. Il deficit che Percy prevede nel 2024 è del 5,1% (rispetto al 5,5% attuale). Per raggiungere questo obiettivo, il governo dovrà trovare 10 miliardi di euro di entrate fiscali aggiuntive, pena le sanzioni dell’UE (che potrebbero variare dallo 0,2% allo 0,5% del PIL) e l’aumento del debito. Questa situazione evidenzia le sfide che la Francia deve affrontare nel ridurre il proprio deficit e stabilizzare i propri debiti, soprattutto nel contesto delle crescenti pressioni economiche e politiche a livello locale e internazionale.

READ  Quali sono i 5 investimenti più redditizi nel 2024?

Nonostante le sfide di bilancio, la Francia beneficia ancora dell’alto rating, che le agenzie giustificano con i forti consumi interni, la bassa inflazione, le istituzioni pubbliche affidabili, un forte sistema di finanziamento pubblico e la resilienza dell’economia alle crisi. Tuttavia, un deficit pubblico superiore alle attese e la difficoltà di tagliare la spesa pubblica vengono spesso menzionati e influenzano la valutazione.

La Francia ha fornito alle agenzie di rating garanzie sui futuri aumenti delle tasse per evitare un declassamento del rating?

Senza dubbio Fitch e Moody's si sono sentiti rassicurati al riguardo, soprattutto a causa dell'innovazione fiscale francese. Misure come l’aumento di varie tasse (come l’imposta sugli immobili del 3,9% nel 2024) o la liquidazione del patrimonio immobiliare pubblico (190mila edifici), il cui valore è stimato in circa 5 miliardi di euro, indicano questa possibilità. Anche il fatto che i francesi paghino bene le tasse rientra in questa equazione.

Ma è importante non oltrepassare una certa linea rossa, che sembra vicina, nei confronti del contribuente francese soffocato dall’inflazione e dalle pressioni fiscali. Tasse sulle pensioni, conti formazione (100 euro a conto porteranno 200 milioni allo Stato), svendita di libri usati, tassa “coniglio” di 5 euro in caso di mancata visita dal medico, nuovo aumento della tassa sui balconi e ombrelloni da giardino.. Può essere provocatorio. Non dimentichiamo che la stabilità politica è il principale criterio di classificazione.

Gli investitori e il governo Macron attendono ora il 31 maggio per la sentenza della terza agenzia più seguita, nove giorni prima delle elezioni europee. Standard & Poor's valuta attualmente la Francia con AA, equivalente a Aa2 di Moody's, ma le sue prospettive sono negative.

READ  una busta di 400 milioni di euro supplementaires pour les routiers