Maggio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

In Italia, alle sfilate, i produttori di vino tifosi del loro sindacato

In Italia, alle sfilate, i produttori di vino tifosi del loro sindacato

A Marchi, una regione italiana non nota per i suoi vini, piccole aziende che coltivano improbabili vitigni locali sono riuscite a farsi conoscere grazie al lavoro della loro unione.

«


Le Marche sono come il sapore ritornato a casa: Nero e il suo vino sconosciuto! » Massimo Carletti sorride mentre coltiva i 4 ettari della tenuta Podere Sapioni nel piccolo borgo di Coritonia, a 25 km dal mare Adriatico. Questa piccola sezione è una selezione. Massimo Carletti, come il suo mentore, il borgognone Henri Jayer, vuole realizzare tutto da solo. “Voglio scendere in campo ogni giorno e imparare”, dichiara. Massimo coltiva vitigni molto rari come il Maceratino. “È un'uva bianca che si trova solo nei pressi della città di Maserati ed è prodotta da sole quattordici cantine.Lui spiega. Il vino si chiama ribona, che colloquialmente significa “a volte buono”. » Vendere tale passione è impegnativo. Ma Massimo vince.

2,8 ettari di vigneto in un villaggio turistico abbandonato

60 km più all'interno, la giovane Ginevra Coppacchioli affronta un'altra sfida. Gubi coltiva 2,8 ettari di vigneto a 1.000 m di altitudine nel villaggio turistico abbandonato di Di Visso. “Con una pendenza del 30% è tutto manuale, non abbiamo meccanizzazione”Lei spiega. Amante dello champagne, vi coltiva Chardonnay e Pinot Nero, che distribuisce secondo il metodo tradizionale. Fa il Vissanello, vitigno a piede franco del suo paese.

Quanto alla Cantina Tiberi David, quasi a metà strada tra queste due aziende agricole, produce dal suo unico ettaro di vigneto, a lungo invecchiato in botti di rovere, un tradizionale vino maturo. “ Ne abbiamo ancora del 1964! È quasi asciutto, sorprende Emanuela Tiberi, la proprietaria, che si guadagna da vivere coltivando un orto e ulivi. Produciamo solo 4.000 bottiglie all'anno, che vendiamo ai consumatori a 50 euro per 50 cl, ed esportiamo negli Stati Uniti, Svizzera e Germania. »

un lavoro”insolito“promozione

READ  I serpenti al centro delle processioni del 1° maggio in Italia

Il punto in comune tra queste tre improbabili e affermate aziende: appartengono alla Federazione Italiana Produttori Vini Indipendenti (Fivi, Federazione Italiana Vignaioli Indipendenti). Lo scorso ottobre li abbiamo incontrati durante una presentazione dei vini Marché organizzata dalla Camera di Commercio di Fyvie e Regione. Tutti sono fan della loro associazione. A Massimo Carletti, “Fivi fa un lavoro straordinario promuovendo i vini marsigliesi. È una famiglia, condividiamo tutti la stessa filosofia di vita. » “La Confederazione ci aiuta ad acquisire visioneAggiunto Emmanuela Tiberi partecipa a tutte le fiere dell'Unione con il suo vino gotto. Abbiamo solo un ettaro, ma a Fwi ci sono aree più piccole delle nostre! »

Questo modello artigianale e familiare esiste attualmente in Italia. Fivi gli offre tante opportunità per vendere o regalare i suoi vini. « Abbiamo fiere locali, una mostra di grandi produttori di vino indipendenti a Bologna a novembre, eventi nei ristoranti e Winemaker Saturday, una giornata di porte aperte in tutte le cantine d'Italia, il primo sabato di maggio.Lo spiega Massimo Palmieri (Tenuta San Marcello), rappresentante dei produttori di vino Marche à la Fivé.

Produttori di vino disorientati dalle formalità come la Francia

In Italia, il logo dei produttori di vino indipendenti è un uomo che tiene in mano un'uva e la sua ombra una bottiglia. In versione umoristica, le magliette raffigurano un uomo che sorregge una pila di carta su cui scivola dell'uva: “La burocrazia è molto dannosa per la salute”. Come in Francia, i produttori di vino sono sopraffatti dalle formalità.

Il sostegno di Fivi dà loro le ali per provare gli esperimenti. Con 15,5 ettari, Piergiovanni Giusti è ben lungi dall'essere un microenologo. Alla guida della Cantina Luigi Giusti, a pochi chilometri dall'Adriatico, lavora con il figlio Alberto, che si appresta a subentrare a lui. Il loro vigneto è quasi interamente dedicato al vitigno ultralocale a bacca rossa, Lacrima de Moro d'Alba, che beneficia della DOC. Ultimamente, padre e figlio lo hanno sfoggiato in rosa, un colore che l'Italia detesta da tempo. “Rose n white: ho clienti di ristoranti vicino al mare, che lo apprezzano non solo d'estate, ma tutto l'anno!”, Piergiovanni applausi.

READ  Alerian continua il suo sviluppo nel settore dell'energia eolica in Italia

Più a sud, Rocco Vallorani è un altro appassionato Fivi. “Chiunque può fare il vino dalla pianta e questo fa capire ai consumatori che si tratta di un'eredità tramandata dai pionieri. L’industria del vino non fa questo lavoro di trasferimento”., nota. Rocco Vallorani coltiva anche vitigni rari “Abbiamo scoperto il sud delle Marche: Pecorino e Passerina. Produciamo 50% rosso e 50% bianco e un po' rosato, colore che la gente comincia ad apprezzare..

Per Raffaello Paulini, “Fivi offre alle piccole cantine l'opportunità di conoscere la nostra bellissima regione, condividere tecniche, parlare di vinificazione e avvicinarsi tra loro”. Alla guida dell'azienda Terra Argillosa, situata nel piccolo comune di Offida, questo viticoltore produce vini originali nelle sue colline: uno spumante a tino chiuso ottenuto dal vitigno pecorino bianco e un “petite verdot” da lui adattato dal bordolese. . Più che un sindacato, Fiwi è un gruppo di amici affinché tutti questi produttori possano coltivare la propria individualità.

passi

Affacciate sul Mar Adriatico, tra Emilia-Romagna e Abruzzo, le Marche sono una delle regioni meno conosciute d'Italia. “I nostri nonni dicevano che era impossibile produrre più del 9% di alcol!” Ricordatevi dei produttori di vino. Hanno raccolto il Montepulciano a metà novembre, sotto la neve. » Questa regione di valli e colline, a 2.472 m di altitudine, ricorda un pettine i cui denti puntano verso il mare. Comprende quindici DOC e cinque DOCG. Non è influenzato dal riscaldamento globale. Già investitori di altre regioni sono interessati a questo clima protetto, dove le viti vengono vendute a un prezzo che va dai 50.000 ai 70.000 euro per ettaro.