Febbraio 22, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

In Charente, supermercato self-service per rivitalizzare il villaggio

In Charente, supermercato self-service per rivitalizzare il villaggio

Pubblicato il sabato 10 dicembre 2022 alle 15:55

Cestino alla mano, Jeanine Roy si serve di burro e yogurt mentre il marito Yves aspetta alla cassa senza commesso… non del supermercato, ma del negozio self-service del loro villaggio di Claix, nella Charente.

Janine ci va a giorni alterni, perché «la nonna vive qui vicino, e spesso ha bisogno di qualcosa», spiega questa sessantenne che viene a fare la spesa da sua madre quando torna dalla sua passeggiata mattutina.

Di solito la coppia si riforniva a La Couronne, a una decina di minuti di macchina. Ma da metà novembre, Claix e la sua popolazione di circa 1.000 persone hanno di nuovo un’attività in proprio, una casa di tronchi mobile di 40 metri quadrati, allestita accanto al vigneto.

La sua particolarità: nessun venditore abituale, ma un luogo a cui si accede sette giorni su sette tramite un QR code personale, sul telefono o sulla carta, che permette anche di attivare la cassa.

L’idea è nata nella mente di Julian Nau e Alex Gramatico, co-fondatori di Api e residenti nella zona, dopo aver scoperto un servizio simile in Svezia.

– “Tutto a portata di mano” –

“Ci siamo detti che era un bisogno per la maggior parte dei comuni che conoscevamo”, in un momento in cui “i servizi sono in calo” nelle aree rurali, sviluppa Alex Grammatico.

Secondo lui, dei 36.500 comuni francesi, 23.500 non hanno un commercio alimentare.

Sugli scaffali del negozio Claix i clienti possono trovare circa 700 referenze, di cui il 70% distribuite da Carrefour, a prezzi simili a quelli praticati nei supermercati, ma anche uova o pasta fornite da produttori locali.

READ  l'« amendment Ferrari », un combat d'arrière-garde en Europe

“Va bene per una persona un po’ più anziana che ha tutto a portata di mano”, concorda Josiane Rohaud, una pensionata di 68 anni che vive a 300 metri dal negozio.

“Evita di andare troppo lontano e lo fa velocemente”, dice Michel Augerd, 79 anni, che fa un po’ fatica a usare il registratore di cassa automatico, ed è aiutato dal manager Valerie.

«Li accompagniamo perché non si perdano e creiamo anche quel legame sociale necessario», conferma questo ex dipendente con esperienza nella grande distribuzione.

– 40 minimarket in più nel 2023 –

È lei che si occupa degli ordini, gestisce le consegne e rifornisce il negozio. Senza dover essere lì tutto il giorno.

Un magazzino di pane con un commesso sbadato, un progetto di piccola drogheria è stato abbandonato perché l’edificio era troppo costoso… Il Comune di Claix ha lottato a lungo invano per riportare in vita la città.

Questa volta è stato necessario solo prevedere un appezzamento di terreno di almeno 100 mq e un allaccio elettrico per un investimento complessivo di circa 2.000 euro.

“La gente mi spiega che ha cambiato abitudini. Il mese prossimo ci saranno sempre le corse, ma per il bracciante a giornata basta”, gongola il sindaco, Dominique Perez.

E un cliente aggiunge: “Ci sono molti che dicono che manca il contatto, ma se siamo in molti nel negozio, c’è”.

Dopo Claix, Api prevede di installare 40 nuovi minimarket self-service nella regione nel 2023, con un gestore per cinque negozi, per poi svilupparsi nel resto della Francia in caso di successo.

Josiane Rohaud ora vorrebbe “un piccolo mercato ortofrutticolo, sarebbe fantastico”.

READ  Lunedì la SNCF metterà in circolazione 10.000 tessere Young Advantage a 1 €

Per ora, il produttore di hamburger e il tecnico delle unghie si stabiliranno nello stesso posto.

“Forse è fortuna, ma non l’abbiamo mai visto”, conclude Dominic Perez.