Ottobre 18, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Impronte umane di 23.000 anni riscrivono la storia degli insediamenti americani

Nel sud-ovest degli Stati Uniti sono state scoperte impronte risalenti a 23.000 anni fa, Rivela uno studio pubblicato giovedì 23 settembre, indicando che l’insediamento umano in Nord America in realtà iniziò molto prima della fine dell’ultima era glaciale, presumibilmente permettendo questa migrazione. Queste impronte a quel tempo furono lasciate nel fango sulle rive di un lago ormai asciutto. Ha lasciato il posto a un deserto di gesso bianco situato nel New Mexico, nel White Sands National Park.

Nel corso del tempo, i sedimenti hanno riempito le lacune e si sono solidificati, proteggendoli fino a quando l’erosione ha rivelato ancora una volta queste testimonianze del passato, con grande gioia degli scienziati. “Molti degli effetti sembrano essere quelli di adolescenti e bambini; le grandi impronte di adulti sono meno frequenti”Gli autori dello studio pubblicato sull’American Journal of Scienza. Sono state individuate anche tracce di animali preistorici, mammut e lupi. Alcuni, come il bradipo gigante, sono contemporanei e vicini a impronte umane sulle rive del lago.

Leggi anche Due nuovi studi affermano che gli esseri umani hanno abitato il Nord America molto prima di quanto si pensasse in precedenza

Al di là dell’emozione e dell’aneddoto, la scoperta è cruciale per il furioso dibattito sulle origini dell’arrivouomo sano di mente In America, l’ultimo continente abitato della nostra specie. Perché risale alle tracce di sabbia bianca “Indica che gli esseri umani sono presenti nel paesaggio da almeno 23.000 anni, con prove di occupazione che abbracciano quasi due millenni”.Lo studio conferma.

Sfida la teoria dello Stretto di Bering

Per decenni, la tesi più comune è stata l’insediamento dalla Siberia orientale, dove i nostri antenati avrebbero attraversato un ponte di terra – l’attuale Stretto di Bering – per sbarcare in Alaska, per poi espandersi a sud. Le prove archeologiche, comprese le punte di lancia usate per uccidere i mammut, suggeriscono da tempo un insediamento di 13.500 anni legato alla cosiddetta cultura di Clovis – dal nome di una città del New Mexico – ritenuta la cultura più antica. America, da dove provenivano gli antenati degli indiani d’America.

READ  La polemica sul nuovo modello è stata finalmente risolta

Questo modello di “cultura primitiva di Clovis” è stato messo in discussione per vent’anni, con nuove scoperte che hanno declinato la durata della vita dei primi abitanti. Ma in generale, questa data non ha superato i 16.000 anni, dopo la fine del “L’ultima calotta di ghiaccio”. Questo episodio di glaciazione è cruciale perché è generalmente accettato che le calotte glaciali che all’epoca coprivano gran parte del nord del continente rendessero impossibile, o comunque, qualsiasi migrazione umana dall’Asia, attraverso lo Stretto di Bering o, come nel caso può essere. Recenti scoperte suggeriscono, lungo la costa del Pacifico.

Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Leggi anche In Israele, un nuovo rappresentante del genere “Homo” ha 125.000 anni

Il mondo con AFP