Settembre 24, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il tabacco e l’alcol provocano il cancro in tutto il mondo

Il tabacco è di gran lunga la principale componente che ha favorito il cancro (33,9%), seguito dall’alcol (7,4%), secondo le conclusioni di un gigantesco studio pubblicato su Lancetta Questo venerdì.

Quasi la metà dei tumori nel mondo è attribuibile a uno specifico fattore di rischio, principalmente tabacco e alcol, un gigantesco studio pubblicato venerdì 19 agosto ha concluso l’importanza delle misure preventive senza che siano una panacea.

«Secondo la nostra analisi, il 44,4% dei decessi per cancro nel mondo (…) è attribuibile a un fattore di rischio misurato.Dice che questo studio pubblicato in Lancetta È stato implementato sotto il carico globale della malattia. Questo ampio programma di ricerca, finanziato dalla Bill Gates Foundation, ha una portata senza precedenti e coinvolge diverse migliaia di ricercatori nella maggior parte dei paesi del mondo.

Pertanto, questo lavoro consente di conoscere più in dettaglio i fattori di rischio a seconda delle regioni del mondo anche se, in generale, le loro conclusioni confermano quanto già noto: il tabacco è di gran lunga la principale componente che ha favorito il cancro (33,9% ), seguito dall’alcol (7,4%). Soprattutto, queste conclusioni raccomandano di dare molta importanza alla prevenzione nella salute pubblica, perché molti di questi fattori di rischio si riferiscono a comportamenti che possono essere modificati o evitati.

Tuttavia, la metà di tutti i casi di cancro non è attribuibile a un particolare fattore di rischio, il che indica che la prevenzione non è sufficiente. Pertanto, secondo gli autori, deve essere accompagnato da altri due fattori: una diagnosi precoce adeguata e un trattamento efficace.

READ  défense étouffante, science des phases finalis... Les atouts des finalistes du Top 14

In un commento separato, pubblicato nella stessa edizione di Lancetta, due epidemiologi hanno sostenuto queste conclusioni, ritenendo anche che lo studio sottolinei l’importanza della prevenzione. Tuttavia, questi due commentatori, Diana Sarfati e Jason Gurney, hanno sostenuto che l’accuratezza delle stime non deve essere necessariamente presa per valore nominale, osservando che la raccolta dei dati è intrinsecamente soggetta a molte carenze in molti paesi.

Guarda anche – ANSES conferma un legame tra rischi di cancro e nitriti, in particolare quelli presenti nei salumi