Ottobre 25, 2021

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il satellite BepiColombo ha catturato la sua prima immagine di Mercurio

Questa è la prima volta dal suo lancio nel 2018 che questo satellite, che trasporta sensori dell’Agenzia spaziale europea (ESA) e del Giappone (JAXA), ha fatto un sorvolo del suo pianeta “bersaglio”.

Immagini uniche. L’Agenzia spaziale europea ha annunciato, sabato, che il satellite BepiColombo dedicato all’esplorazione di Mercurio ha scattato le sue prime foto del pianeta più vicino al sole, verso il quale la macchina è volata a un’altitudine di circa 200 chilometri.

Questa è la prima volta dal suo lancio nel 2018 che questo satellite, che trasporta sensori dell’Agenzia spaziale europea (ESA) e del Giappone (JAXA), ha fatto un sorvolo del suo pianeta “bersaglio”.

BepiColombo dovrebbe orbitare intorno a Mercurio solo nel 2025, perché è molto difficile raggiungere i pianeti più piccoli del sistema solare.

Scatto effettuato a circa 1000 km di distanza

In volo, le telecamere di sorveglianza hanno fornito filmati in bianco e nero. Ma dopo che la macchina ha raggiunto il lato notturno del pianeta, le condizioni non erano “ideale” per scattare foto direttamente al punto più vicino (199 km), e solo il più vicino poteva essere catturato. A una distanza di circa 1.000 km, ha affermato l’Agenzia spaziale europea in una nota.

In queste immagini, possiamo identificare grandi crateri da impatto sulla superficie, che si sono formati a seguito di massicce eruzioni di lava miliardi di anni fa. “È incredibile vedere finalmente il nostro pianeta bersaglio”, ha detto Elsa Montagnion, capo delle operazioni spaziali della missione.

La missione BepiColombo deve studiare la formazione di Mercurio per risolvere il mistero della formazione di questo pianeta bruciato, il meno esplorato dei quattro pianeti rocciosi del Sistema Solare.

READ  I coralli stanno diminuendo rapidamente quasi ovunque nel mondo

Altri cinque voli in programma

Sono previsti altri cinque voli su Mercurio prima della destinazione finale della missione, durante un percorso complesso che vedrà anche il satellite sorvolare Venere e la Terra.

BepiColombo non può essere inviato direttamente su Mercurio: la gravità del Sole è così forte che sarebbe necessario eseguire una gigantesca manovra di frenata per riuscire a posizionare il satellite, il che richiederebbe il caricamento di così tanto carburante per un’astronave di queste dimensioni.

La gravità esercitata da Terra e Venere – chiamata assistenza gravitazionale – consente loro di decelerare “naturalmente” durante il loro viaggio.