Il potere della scienza Brandeis

Scritto da Laura Gardner, fotografato da Dan Holmes e Galen Morse
16 ottobre 2023

Fin dai suoi esordi, Brandeis ha svolto un ruolo importante nel progresso della scienza, nell’attrazione e nello sviluppo di docenti di livello mondiale, nella formazione di scienziati di spicco e nel raggiungimento di scoperte rivoluzionarie.

Come ha fatto un’università sempre più piccola rispetto ai suoi concorrenti a raggiungere tale valore scientifico? Durante il fine settimana del 75° anniversario si sono svolte due tavole rotonde per far luce su questa questione fondamentale.

In campi che vanno dalla biologia e chimica alla fisica e alla matematica, i partecipanti, siano essi scienziati all’inizio, a metà o alla fine della carriera, hanno affermato che la cultura centrale dell’università di collaborazione, comunità e tutoraggio li ha aiutati a esplorare nuove aree di ricerca e a far avanzare la comprensione scientifica. .

Sono presenti le “scienziate pioniere di Brandeis”. Ruth Charney ’72, GSAS MA ’72Theodore ed Evelyn G. Berenson Professore di Matematica, Emerito; Cristina Greenberger, assistente professore di biologia. Chimico Grazia HahnCattedra Landsman in Sviluppo della carriera scientifica; Liz HedstromProfessore di Biologia e Chimica. E Gabriella Ciolaprofessore di fisica.

Michael Roschbach e Gina Torrigiano
Gabriella Ciulla parla al microfono
Christine Greenberger, Gabriella Ciulla e Ruth Charney

L’episodio di sabato intitolato “Pionieri, rivoluzionari e istruzione” presentava un vincitore del premio Nobel Michael RosbashPeter Gruber titolare della cattedra di Neuroscienze e studioso dell’Howard Hughes Medical Institute; James HaberAbraham ed Etta Goodman Professori di Biologia e direttore del Rosenstiel Center for Basic Medical Sciences Research; Gina TorrigianoJoseph Levitan Professore di Scienze della Vista; Dorothy Kern, professore di biochimica e ricercatore dell’Howard Hughes Medical Institute; E Eva Marder ’69professore universitario e professore di neuroscienze Victor e Gwendolyn Bainfield.

READ  Call for Papers: Terza conferenza internazionale sulle applicazioni della scienza e della tecnologia delle radiazioni (ICARST – 2025)

Rosbash, che ha vinto il Premio Nobel nel 2017 per le sue ricerche sui ritmi circadiani, ha sottolineato gli elementi chiave che rendono Brandeis una potenza scientifica. “Le organizzazioni eccellenti hanno un ciclo di feedback positivo. Le persone eccellenti insistono nell’assumere altre persone eccellenti, e questo porta alla continuità dell’organizzazione eccellente.

“L’altra spiegazione è che esiste una grande, meravigliosa collaborazione tra diversi gruppi e diverse discipline”, ha affermato, aggiungendo: “Abbiamo ottimi colleghi e una comunità che apprezziamo molto”.

Charney, che ha moderato la sessione di venerdì, ha descritto la propria esperienza come professoressa alla Ohio State University, dove ha insegnato per due decenni prima di venire a Brandeis. Alla Ohio State, passarono “anni e anni” prima che incontrasse qualcuno al di fuori del dipartimento di matematica. A Brandeis ha subito cominciato a conoscere gente dell’università, ha detto.

“Le organizzazioni eccellenti hanno un ciclo di feedback positivo. Le persone eccellenti insistono nell’assumere altre persone eccellenti, e questo porta alla continuità dell’organizzazione eccellente.

Michael Rosbash

Marder, che ritornò a Brandeis come giovane docente nel 1978 dopo aver conseguito il dottorato presso l’Università della California, a San Diego, disse di aver beneficiato della “mentalità aperta” istituzionale di Brandeis. È stata la quinta donna nominata al dipartimento di biologia su 16 persone, “il che è davvero fantastico”, ha detto. “Tutti i miei colleghi che andavano in altre istituzioni erano solitamente i primi”.

Eve Marder e James Haber
Eve Marder e James Haber
James Haber tiene qualcosa in aria
James Haber

Torrigiano, che in precedenza era un ricercatore post-dottorato nel laboratorio di Marder, ha descritto Brandeis come “un luogo incredibilmente collaborativo e interattivo”, caratterizzato da una “ricca rete di connettività”, dove interagiscono studenti universitari, studenti laureati e laureati. docenti tra loro.

READ  È morto all’età di 71 anni Salimul Haq, esperto di scienze climatiche

Facendo eco ad altri relatori, Kern ha affermato che Brandeis è in grado di identificare persone eccentriche e “pazze”, scienziati interessanti che vogliono fare qualcosa di nuovo e contribuire a far avanzare il campo prima che venga definito “eccitante”.

Venerdì, durante una tavola rotonda, Hedstrom ha osservato: “C’è una teoria secondo cui Brandeis è sempre stato opportunista e ha abbracciato persone sottovalutate. Trovi un gruppo di persone che non ottengono ciò che è loro dovuto e dai loro una possibilità. Non solo prosperano, sono molto fedeli all’università.” .

Greenberger, che ha recentemente vinto un premio New Innovator da 1,5 milioni di dollari del National Institutes of Health, ha citato i “giganti” che hanno aperto la strada al suo successo, tra cui Torrigiano, Rosbash e il defunto biologo Brandeis John Lessman.

I partecipanti hanno notato la capacità di Brandeis di aumentare la fiducia in se stessi intellettuale e personale. “Una delle cose che rende davvero speciale Brandeis è la collaborazione. C’è qualcuno qui che ti aiuterà con qualsiasi idea strana tu abbia”, ha detto Hedstrom.

Sebbene non ci fossero donne nella facoltà di matematica quando Charney era studentessa alla Brandeis, disse di essere stata incoraggiata a frequentare la scuola di specializzazione. “I docenti erano entusiasti del fatto che fossimo appassionati di matematica.”

Linda Zimmerman, laureata nel 1969, che ha partecipato alla tavola rotonda di venerdì, ha offerto la sua prospettiva sull’approccio di Brandeis alla scienza: “Non c’era nulla oltre l’immaginazione”.

I membri del pubblico ascoltano una tavola rotonda