Aprile 16, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Paris Saint-Germain ha battuto Kiel nei quarti di finale di Champions League

Il Paris Saint-Germain ha battuto Kiel nei quarti di finale di Champions League

Il pubblico di Kiel è ben informato e cortese, applaude volentieri ex membri della casa come il portiere parigino Andreas Palica, persino Henrik Toft Hansen come fratello della gloria locale (Rene). Ma non devi spingere e resistere alle tue cose preferite per troppo tempo.

E questi parigini erano davvero durissimi, litigiosi e maleducati, senza il minimo rispetto per il padrone di Germania e per i suoi campioni d’Europa a quattro stelle. I Les Rouge et Bleu hanno rovinato la festa mercoledì, alla leggendaria Wunderino Arena dove un anno fa si è bruscamente interrotta la Champions League (33-32, 30-30 all’andata). Ha messo piede nella Final Four di Colonia (17-18 giugno), prima di tornare alla Coubertin mercoledì prossimo.

La loro serata si trasformò presto in una festa di fischietti e finì con un boato di gioia. Il tributo supremo è stato a Luke Staines, che ha fischiato su tutte le sue raffiche mentre a sua volta eliminava i duri difensori tedeschi durante le sue incursioni sovralimentate.

Spinto in prima linea dall’infortunio muscolare di Andreas Palica, il danese ha lanciato un impressionante duello sulla distanza contro il suo glorioso connazionale Niklas Landen. La sua maglia verde come il suo nome e i piccoli baffi perseguiteranno le notti dei Killers a venire.

“Siamo disposti ad affrontare questo tipo di impatto fisico. Mi piacerebbe tornare a casa fradicio così”.

“La nostra difesa mi ha dato un aiuto straordinario, i miei compagni hanno lottato come matti”lui ha sussurrato. È stato un brillante balletto di poesia difensiva, la manipolazione stratosferica di Sander Sagosin da parte di Elohim Brandi, i punti caldi di Luka Karabatić… “Abbiamo mantenuto la stessa intensità che avevamo contro il Montpellier nel torneo (38-23, 23 aprile), Brandy. Siamo disposti a prendere questo tipo di impatto fisico. Adoro tornare a casa fradicio così. »

Dovevi essere forte anche nella tua testa, quando THW è tornato indietro di tre gol in due minuti, nel cuore del secondo tempo (19-19, 44), e il calderone è esploso. “Siamo rimasti molto calmi e abbiamo giocato pulito anche nei momenti difficiliApprezzo Luke Staines, i suoi capelli da battaglia e il viso cremisi. La squadra sta progredendo, sta facendo esperienza. Abbiamo perso pochi palloni, c’è stato qualche tiro sbagliato a porta vuota che avrebbe potuto far loro più male. »

“Anche se siamo molto delusi, non ci arrenderemo senza combattere”.

Anche il cartellino rosso di Dainis Kristopans (56esimo) non ha fermato la loro marcia in avanti. Nel bel mezzo di uno scontro come questo, nessuno rischierebbe di vendere la pelle di “Zebre” (il soprannome dei giocatori di Kiel) prima di pugnalarli. Ci sono stati anche molti episodi improbabili nella lunga storia del PSG-Kiel.

Ma il Paris non perde il filo, quando Kiel torna in parità (20-20, 45) e riprende subito la sua marcia in avanti (22-20, 47). Il cartellino rosso di Dainis Kristopans, per la terza squalifica provvisoria, cinque minuti dopo la fine dell’incontro, non ha più impensierito la macchina parigina.