Agosto 9, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il dottor Sangari Yaya, Sg du Fonsti, spiega l’urgente necessità della Costa d’Avorio

La scienza aperta è un concetto degli Stati Uniti, che è in prima linea nella produzione scientifica in tutto il mondo. In occasione dell’apertura di questo seminario a Grand Bassam, il dott. Sangari Yaya, segretario generale del Fondo per la scienza, la tecnologia e l’innovazione (Fonsti), ha spiegato l’urgente necessità e i vantaggi scientifici aperti della Costa d’Avorio e della sua gente. .

Ha spiegato che la scienza aperta è la democratizzazione dell’accesso alla conoscenza. Abbiamo organizzato questo workshop per promuovere la scienza aperta. La scienza aperta è un nuovo concetto che indica chiaramente un nuovo modo di fare scienza in un paese. “La scienza aperta incoraggia la ricerca scientifica incentrata sui bisogni delle comunità di base”, ha affermato il segretario generale Fonsti.

Scienza aperta, libero accesso ai prodotti scientifici

Il dottor Sangari Yaya ha riferito che solo una settimana fa, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha invitato le principali industrie farmaceutiche del mondo a rendere più facile il brevetto dei vaccini. “È un approccio che fa parte della politica della scienza aperta. Scienza aperta significa davvero consentire al cittadino il libero accesso ai dati scientifici per risolvere i propri problemi”.

Il segretario generale di Fonsti ha notato che in Costa d’Avorio ci sono meno di dieci università pubbliche e un centinaio di quelle private, ma pochissimi ivoriani sanno cosa sta succedendo in termini di produzione scientifica. “La scienza deve scendere dalla sua torre d’avorio, perché non spetti più ad accademici e ricercatori, ma ai cittadini ivoriani il libero accesso a tutti i dati scientifici che possano aiutarli a migliorare le proprie capacità e condizioni di esistenza. Questa è scienza aperta”, ha insistito.

READ  va t-il falloir mangiatoia degli insetti face à la pénurie de nourriture dès 2022?

bandiera aperta, uno strumento molto importante per lo sviluppo

Il Dr. Sangari Yaya ha anche evidenziato il potenziale della scienza aperta in Costa d’Avorio. “In un paese come la Costa d’Avorio, la scienza aperta può aiutare notevolmente la nostra popolazione ad accedere a scoperte e dati scientifici che potrebbero aiutarli a migliorare la loro salute, le attività e la situazione economica”, ha aggiunto.

Anche il Segretario Generale di Fonti ha fatto un punto chiave sulla scienza aperta. È uno strumento molto importante che può favorire il processo di sviluppo del nostro Paese. “È importante che la nostra gente abbia accesso alla produzione di conoscenza nel nostro paese”, ha affermato.

Il Dr. Sangari Yaya ha fornito una spiegazione sulla scienza aperta. “La scienza aperta facilita la diffusione e il libero accesso ai diversi strati della società dei dati scientifici e delle scoperte scientifiche. Infine, la scienza aperta incoraggia l’interdisciplinarietà sia a livello accademico che a livello del mondo universitario”, ha sottolineato il segretario generale Fonsti.

L’urgente necessità di una politica nazionale sulla scienza aperta

Insegnante. Ouattara Djakalia, a nome del Ministro dell’Istruzione Superiore e della Ricerca Scientifica, Professor Diawara Adama, ha presieduto la cerimonia ufficiale di apertura del workshop su “Open Science”.

Ha sottolineato che il governo ivoriano si aspetta molto dalle conclusioni e dalle raccomandazioni di questo importante seminario per il futuro e l’impatto della scienza in Africa in generale e in Costa d’Avorio in particolare. “L’organizzazione di questo workshop riflette la necessità di attirare l’attenzione delle autorità superiori del paese sull’urgente necessità di sviluppare una politica nazionale nel campo della “scienza aperta” in Costa d’Avorio. Questo nuovo modello di “scienza aperta” ” dovrebbe essere visto come una potente leva per la divulgazione della ricerca scientifica e la sua applicazione alle priorità sociali, economiche e ambientali nazionali, come notato dal Prof. Ouattara Djakalia.

READ  Grippe : l'épidémie s'éternise en Occitanie, situazione inédite pour un mois de mai

Per il rappresentante del Ministro responsabile, questo approccio al rapporto tra scienza e società porta a “un cambiamento di nuove pratiche, abitudini e competenze nella direzione di una scienza più collaborativa, partecipativa e interdisciplinare”.

Fonsti prende il toro per le corna

Da parte sua, il presidente del Consiglio scientifico di Funsti, il professor Coulibaly Awa, ha sottolineato che l’UNESCO raccomanda la promozione della scienza aperta. “A livello di Fonsti, abbiamo preso il toro per le corna. Abbiamo già avviato dei progetti. Ci siamo concentrati sugli standard. Questi standard consentiranno di tenere conto di questa scienza aperta”.

Il professor Coulibaly Awa ha sottolineato che i risultati di questo workshop dovrebbero consentire di identificare i meccanismi che verranno implementati “affinché questa scienza sia accessibile a tutti”.

Questo workshop di scienza aperta beneficia della partecipazione della National Science Foundation (Nrf) del Sudafrica, dell’UNESCO, dello Swiss National Trust e di Sgci. Riunisce professionisti dell’informazione scientifica, rappresentanti di istituzioni dedite alla diffusione dell’informazione scientifica o responsabili delle politiche di ricerca, e gli stessi ricercatori.

In generale, la divulgazione della scienza aperta può rendere familiare e accessibile a tutti i livelli della società il miglioramento delle condizioni di vita della popolazione. Open flag si presenta come un “treno” che condurrà la Costa d’Avorio verso “l’evoluzione”.

Eddie Baby