Agosto 8, 2022

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

La pandemia di Covid-19 ha ridotto il numero di nuovi test e diagnosi dell’HIV in Francia nel 2020

Nel 2020, il numero di rilevamenti di sieropositività per il virus dell’immunodeficienza umana (HIV) e le malattie batteriche sessualmente trasmissibili (IST) è diminuito drasticamente a causa della diminuzione dello screening legata alla pandemia di Covid-19, martedì 29 novembre, la sanità pubblica francese Agenzia (SPF).

Il numero di rilevamenti sieropositivi all’HIV nel 2020 è stato quindi stimato in 4.856, in calo del 22% rispetto al 2019. Con 5,2 milioni di sieri HIV effettuati dai laboratori di biologia medica, l’attività di test HIV, che è aumentata tra il 2013 e il 2019. Del 14% tra il 2019 e 2020.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati AIDS: il 2020 potrebbe essere un anno buio per la prevenzione e la cura dell’HIV

“Tuttavia, questi dati devono essere interpretati con cautela, poiché la pandemia di Covid-19 ha comportato una ridotta partecipazione degli operatori sanitari ai vari sistemi di sorveglianza”., nota l’Agenzia per la sanità pubblica in un comunicato stampa.

“La diminuzione del numero di diagnosi di HIV è principalmente dovuta a una diminuzione dell’uso dello screening nel 2020, in particolare durante il primo periodo di reclusione., spiega Florence Lott, Divisione Malattie Infettive di SPF, citato nel comunicato stampa. Potrebbe anche essere dovuto alla ridotta esposizione all’HIV associata alle misure di allontanamento fisico. “

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati “La crisi causata dal Covid-19 non può più essere una scusa per vedere l’HIV prendere forza”

Esame successivo, quindi più serio

Il risultato di questo calo dello screening: un possibile ritardo nella diagnosi e nell’accesso ai trattamenti antivirali, il cui effetto preventivo ha un impatto diretto sulla dinamica dell’epidemia, come nota l’agenzia, alla vigilia della Giornata mondiale della salute, la lotta contro l’AIDS.

READ  Anim'Art: una collaborazione tra arte e scienza per avvicinarsi al lavoro sugli animali

Nel 2020, il 30% delle infezioni da HIV viene rilevato in uno stadio avanzato di infezione, costituendo una perdita di opportunità in termini di gestione individuale e rischio di trasmissione dell’HIV ai partner prima dell’inizio dell’ART.

Leggi anche Questo articolo è riservato ai nostri abbonati Hiv positivo: ‘Avevo 22 anni e per me è stata una cosa che non ha colpito i giovani’

Nel 2020 è stata osservata anche una diminuzione dello screening per tre infezioni batteriche a trasmissione sessuale (infezione da BV). Chlamydia trachomatis – o clamidia -, gonorrea e sifilide) del 6% nel settore privato e più chiaramente nei Centri Liberi di Informazione, Test e Diagnostica (CeGIDD), del 30%, per chiusura parziale o totale durante il primo contenimento.

In questo contesto, l’SPF sta ritrasmettendo la sua campagna “Vivere con l’HIV è vivere prima di tutto”, che mira ad aumentare la conoscenza dell’impatto preventivo della terapia antiretrovirale (TASP) e combattere la discriminazione correlata all’HIV.

ascolta anche tu Quarant’anni di HIV: Françoise Barry-Sinoussi, co-scopritrice, racconta gli anni dell’AIDS

Il mondo con AFP