Febbraio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Cognac fatica, tutti brindano

Il Cognac fatica, tutti brindano

Mercoledì scorso, il management di Verallia, azienda leader europea nel settore degli imballaggi in vetro, ha annunciato la chiusura di uno dei due forni del suo stabilimento di Châteaubernard il prossimo dicembre. Per un periodo che va dai cinque ai sei mesi. Questa era prevalentemente dedicata alla produzione di eccedenze di vetro bianco destinate al mercato del Cognac, e più in generale a quello degli alcolici.

Una decisione accompagnata dalla misurazione della disoccupazione parziale per una parte dei…

Mercoledì scorso, il management di Verallia, azienda leader europea nel settore degli imballaggi in vetro, ha annunciato la chiusura di uno dei due forni del suo stabilimento di Châteaubernard il prossimo dicembre. Per un periodo che va dai cinque ai sei mesi. Questa era prevalentemente dedicata alla produzione di eccedenze di vetro bianco destinate al mercato del Cognac, e più in generale a quello degli alcolici.

Una decisione accompagnata dalla disoccupazione parziale per una parte dei 300 dipendenti del sito. Le parti sociali hanno un mese di tempo per esprimere la loro opinione.

Eccesso di scorte, diminuzione delle vendite, “del 30% nell’ultimo semestre”Si riferisce al suo direttore, Philippe Colta Gran, “Dobbiamo adattarci a questa situazione derivante dalla crisi del mercato del packaging nel suo insieme e, a livello locale, da questo calo dell’attività del Cognac”.

Si vocifera che tra le fila dei vigneti circoli un calo più significativo e duraturo di quello precedentemente suggerito da Interprofession (BNIC), e lo indicano le ultime previsioni di grandi gruppi di liquori, come Remy Cointreau. (1)tendono a confermare.

Le conseguenze di ciò si sono fatte sentire fortemente non solo nell’industria del vetro, ma tra tutti gli operatori del settore negli ultimi due mesi, un periodo di attività generalmente elevata per tutti.

READ  UBS acquista il rivale Credit Suisse per oltre 3 miliardi di euro

“Non deve durare per sempre”

A cominciare dai lavoratori, e in particolare dai precari, che sono i principali fornitori di manodopera del settore. Ha aggiunto: “Il nostro tasso è attualmente compreso tra meno 20 e meno 30%, mentre negli ultimi anni siamo stati al massimo delle nostre forze”. sottolinea David Chevalier, capo dell’agenzia Synergie Cognac. I grandi clienti hanno rallentato e anche i clienti più piccoli stanno iniziando ad agire. Per ora va bene, stanno subentrando attività diverse dal Cognac, ma se continua così…”.

Non stiamo assistendo ad una chiara interruzione dell’attività, ma siamo chiaramente al fondo.

Una di queste grandi società di reclutamento, Hennessy House, non parla molto di questo argomento: “Nel contesto delle attività a contratto, adattiamo la nostra richiesta di risorse temporanee. Continuiamo a fare appello a queste risorse che contribuiscono all’eccellenza della nostra produzione.”

Chiudere l’interdizione nei confronti del commerciante che, secondo le nostre informazioni, ha congelato la sua assunzione quando c’era silenzio radio da parte di uno dei suoi omologhi coinvolti anche nel mercato statunitense, Courvoisier, sulla questione: “Il Consiglio non comunica le sue personalità e attività”.

Ma l’attività è lenta, secondo una fonte interna, poiché le linee di riempimento si sono fermate la settimana scorsa, cosa che non accadeva da anni alla società Jarnac. Lo stesso silenzio da Bouchages Delage, leader mondiale del sughero premium.

Per quanto riguarda i fornitori di imballaggi in cartone, anche questo non è il momento di festeggiare, ma noi parliamo apertamente. Noi di Valadié, uno degli importanti player locali nel mercato dei box di vini e liquori, non nascondiamo di esserci ridimensionati.

READ  Chi riceverà un aumento di 100 euro dal 1 settembre?

“Non vediamo una chiara interruzione dell’attività, ma è chiaro che siamo al fondo”.Indica il suo capo, Christophe Dumont. un risultato : “Non lavoriamo più il venerdì, cosa che la nostra indennità annuale di orario di lavoro ci consente di fare. Tuttavia, non dovrebbe nemmeno durare a lungo.”si avvisa anche lui.

Una crisi indicibile

Accovacciarsi in attesa di giorni migliori, anche questo è il motto Tra le fila dei viticoltori Dove l’ottimismo inizia a lasciare il posto al dubbio dopo anni d’oro in cui ci si chiede fino a che punto arriverà il Cognac.

Domanda sulla tabella A PBSCL (CL’Eco) Lo scorso novembre i rappresentanti invitati del BNIC hanno mostrato una fiducia incrollabile nel futuro del solido blocco della Charente che continua a brillare da quasi 10 anni, con tre anni record registrati negli ultimi quattro anni (2019, 2021, 2022 ).

Quasi un anno dopo, non è esagerato affermare che queste aspettative sono state minate in un settore che ha rivisto al ribasso le proprie ambizioni. Rese basse, produzione e diritti agricoli.

Misure che non impediscono le paure, che oggi aumentano di fronte a una crisi indicibile, “Ma quale sia in realtà la stessa cosa? Certo, deve essere messo in prospettiva rispetto agli ultimi anni eccezionali, ma c’è, e resta da vedere se è ciclico o strutturale, questa è la grande domanda .”analizza l’ex direttore del settore alcolici di Cognac.

Ciò sta emergendo sempre di più mentre le speranze di una rapida ripresa svaniscono negli Stati Uniti, ed è atteso da tempo anche in Cina, dove le prospettive sono diventate fosche poiché gli indicatori economici preoccupanti si moltiplicano in questo paese, che ora è in crisi. Grave crisi economica. Leader di mercato nel valore del cognac.

READ  Premio dei carburanti. Le diesel ridiscendono, le SP95-E10 incrementano il bis

(1) Il gruppo, che realizza due terzi delle sue vendite con il cognac Remy Martin, ha lanciato un avvertimento sui risultati dell’esercizio 2023-2024, che si concluderà a fine marzo, con un previsto calo delle vendite annuali compreso tra il 15% e il 20%. Si tratta del secondo avvertimento quest’anno dell’azienda, dopo aprile e la prima metà dell’anno che hanno visto un calo molto forte (-26,6%).

Collaborazione, va bene… per ora

La diminuzione delle vendite associata all’abbondanza di materiali implica la necessità di accumulare scorte. Oppure quando la sfortuna di alcuni porta alla felicità di altri, a cominciare dal settore cooperativo in cui invece gli affari vanno bene. “Ovviamente ne traiamo beneficio, se possiamo dirlo dobbiamo assorbire tutte queste quantità, ma attenzione, dura poco, Lo sottolinea Jean-Charles Vicard, presidente della cooperativa che porta il suo nome. Nel nostro settore siamo sempre in ritardo di uno o due anni, quindi questa crisi del cognac potrebbe colpire anche noi se continua. In questo caso, il settore può nuovamente adottare la stessa serie di misure per limitare le rese e le esigenze di produzione. Con il conseguente forte calo dei volumi, che colpirebbe soprattutto le cooperative più dipendenti dal Cognac. “Da qui l’importanza di non mettere le uova nello stesso paniere.” Sottolinea che l’attività della sua azienda legata agli alcolici rappresenta esclusivamente “25% negli anni grandi”.