Aprile 18, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

“Sappiamo che il 2023 sarà complicato”… Dopo chiusure consecutive, Biocoop può riprendersi?

“Sappiamo che il 2023 sarà complicato”… Dopo chiusure consecutive, Biocoop può riprendersi?

  • Il mercato degli alimenti biologici ha subito un calo del 7-10% del volume delle vendite nel 2022, che ha portato alla chiusura di molti negozi.
  • Biocoop, leader del settore, accusa il colpo e si aspetta un altro anno fiscale complesso.
  • Gli amministratori vogliono mantenere le loro specifiche e vogliono fare affidamento sui loro clienti fedeli e impegnati.

L’anno fiscale 2022 è molto buio. Dopo anni di crescita e apoteosi degli episodi di chiusura del 2020, I marchi di alimenti biologici sono stati rapidamente disillusi. Inciampato dal calo del budget alimentare e da La guerra in UcrainaIl settore è stato evitato da alcuni dei suoi clienti. Negli ultimi due anni, il calo del fatturato del marchio è stato stimato a -7 o addirittura -10% annuo. Le conseguenze sono state tanto sorprendenti quanto violente sia per i dipendenti che per i clienti. Ovunque in Francia, i marchi biologici hanno chiuso i battenti. Secondo le stime, sono scomparsi più di 240 negozi, tutti i marchi messi insieme. Marchio iconico del settore, Biocoop non si è risparmiato. Nel 2022 la cooperativa dal logo blu è stata costretta a chiudere una quarantina di punti vendita su 700. Si riprenderà? Lo sperano i suoi difensori anche se si aspettano un 2023 complicato.

Benvenuti a Rennes, una città dinamica di oltre 200.000 abitanti. Qui, nel 2022, c’erano tredici negozi Scarabée. Fondata nel 1983, questa cooperativa di interesse collettivo è stata una delle pioniere dell’adesione in Francia. Ha contribuito notevolmente alla nascita della rete di cooperative Biocoop, alla quale ha aderito fin dalla sua nascita nel 1986. Scarabée negli ultimi anni è stata testimone Il suo volume di vendite aumenta ogni anno. Per sostenere la crescente domanda, ha aperto quattro nuovi punti vendita in meno di due anni. Ma diavolo. Da allora hanno chiuso tutti e la struttura è stata posta in amministrazione controllata. “Abbiamo chiuso quattro negozi, ma non ce ne sarà un altro”, afferma Isabelle Burr. prima della rinuncia. “Sappiamo che il 2023 sarà complicato, ma ho fiducia”.

READ  Truffe: Vinted, Leboncoin... Questi sono 6 consigli per individuare le truffe su Internet!

Se la presidente vuole essere così ottimista è perché nota “l’inizio della ripresa” e il “ritorno” del fatturato nei negozi. Contro ogni previsione, l’adesione sembra beneficiare di un alleato inaspettato: l’inflazione. “È più dell’11% nel tradizionale. È molto più che prodotti biologici [+5 %]. Isabelle Sauer sottolinea che il divario di prezzo si sta riducendo.

La maggior parte porta a casa

Di fronte all’aumento dei prezzi, la cooperativa fa affidamento su Ha offerto i suoi prodotti sfusi al prezzo più interessante. Nei prodotti non lavorati, il margine è inferiore, il che rende il prezzo più conveniente per il consumatore. “Abbiamo visto i nostri clienti cambiare. Le persone che entrano di tanto in tanto o per curiosità, non le vediamo più. Quelli che rimangono sono per lo più clienti abituali con un lato hardcore”, afferma Joinville Saute, un dipendente di Scarabée e Delegato della Cgt, all’epoca del piano sociale, il suo sindacato ha criticato l’anticipazione della cooperativa, sostenendo che i segnali di flessione del mercato del biologico erano evidenti». E per alcuni è successo. »

Il fatturato dei negozi biologici francesi è diminuito del 7-10% nel 2022, il che ha portato alla chiusura di molti negozi. – C. Allen / 20 min

All’uscita del negozio di Cleonay, a ovest di Rennes, Elisa mette un cestino sulla bicicletta. Nonostante l’inflazione, continuava a venire qui per fare acquisti. “Biocoop rimane la principale fonte di cibo. Per me è un impegno e non voglio tirarmi indietro. Ma capisco che alcune persone se ne stiano allontanando. Perché ha un costo”, spiega questo cliente abituale . Questa certificazione da sola dimostra perché un grande marchio biologico può essere così fiducioso nel futuro. A differenza di altri marchi, possono contare sulla fedeltà dei loro clienti impegnati. “Il nostro intero progetto soddisfa le aspettative della comunità. Quando si parla di corto circuito, sovranità alimentare, riduzione degli imballaggi, restrizioni idriche. Le persone ne sono sensibili. Di tutte queste cose, in Biocoop abbiamo sempre tenuto conto”, conferma Isabelle Sauer.

READ  Lo sapevate ? Ecco il modo migliore per fare un grande colpo immobiliare!

Il Presidente del Consiglio Direttivo invita la rete cooperativa a “preservare il suo DNA” ea non abbandonare i suoi ideali che sono stati danneggiati dalla crisi. «È il biologico, industriale, che soffre e ha stravolto la percezione dei consumatori, di prodotti che vengono da lontano, da mari di plastica, con frutta e verdura fuori stagione, non necessariamente buonissima», ha detto di recente Perek. de ron l I nostri colleghi di LSA. Come il presidente di Biocoop, molti di loro pregano la cooperativa di non cambiare il suo disciplinare e di rimanere fedele ai suoi valori. “Ho visto che alcuni concorrenti avrebbero ottenuto i loro marchi organici per diversificare. Penso che sia sbagliato. Dobbiamo rimanere in pista, rimanere chiari e leggibili per i nostri clienti. “E incrocia le dita che il 2023 non è un remake dell’oscuro anno passato.

L’aumento del costo dell’energia è sotto controllo

Nel caos dell’impennata dei prezzi dell’energia, il marchio Biocoop potrebbe accontentarsi della storica scelta di chiamare Enercoop in tre quarti dei propri punti vendita. Più costosa, la cooperativa energetica ha concordato un congelamento dei prezzi per il 2023, salvando il marchio dal disastro.