Luglio 21, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

Il Belgio sta indagando sulla presenza di una nave spia russa nel Mare del Nord

Il Belgio sta indagando sulla presenza di una nave spia russa nel Mare del Nord

Il Belgio ha annunciato martedì che sta indagando sulla presenza di una “nave spia” russa avvistata a novembre nel Mare del Nord, nelle aree in cui si trovano i parchi eolici.

“Non siamo ingenui”, ha detto martedì il ministro belga del Mare del Nord Vincent van Quickenborn. Quest’ultimo ha annunciato l’avvio di un’indagine sulla presenza di una “nave spia” russa nel Mare del Nord, avvistata lo scorso novembre.

Non conosciamo i motivi esatti di questa nave russa, ma non siamo ingenui. “Soprattutto se agisce in modo sospetto vicino a parchi eolici, gasdotti sottomarini, cavi dati e altre infrastrutture critiche”, ha affermato il ministro in una nota.

Vincent van Quickenborn ha affermato che il comportamento della nave russa sembrava “sospetto” perché “stava navigando senza un sistema di identificazione automatica (AIS), un sistema di sicurezza obbligatorio che consente l’identificazione automatica delle navi”. Di conseguenza, la società di informazioni marittime Carrefour ha aperto un’indagine, secondo il ministro belga.

La stessa nave è stata avvistata lunedì nelle acque olandesi

Secondo lui, “Il passaggio di questa nave è senza dubbio parte del contesto più ampio della guerra in Ucraina”. Inoltre, questa stessa nave è già stata avvistata nelle acque olandesi lunedì, secondo il servizio di intelligence e sicurezza militare olandese (MIVD).

L’ipotesi è quindi che la nave russa cerchi di mappare le infrastrutture sensibili ed essenziali dei Paesi europei. “I nostri servizi di intelligence e sicurezza sono interessati a questo scenario”, ha confermato Van Quickenborn, secondo il quotidiano belga. Sera.

L’11 gennaio Nato e Unione Europea hanno annunciato la creazione di un gruppo di lavoro congiunto per rafforzare la protezione delle infrastrutture di base in Europa contro le minacce provenienti dalla Russia, soprattutto dopo il sabotaggio dei gasdotti sottomarini Nord Stream lo scorso settembre. La Russia ritiene ancora l’Occidente responsabile delle esplosioni del gasdotto.

READ  Un prigioniero neonazista e il suo complice vengono arrestati dopo la fuga