Febbraio 25, 2024

palermo24h

Notizie italiane in inglese – Notizie italiane oggi. Scopri gli aggiornamenti e le ultime novità in Italia all'interno del nostro sito. Aggiornamenti quotidiani dall'Italia in italiano.

I tuoi pagamenti mensili sono troppo alti?  Ecco come ridurre il rapporto debito/PIL

I tuoi pagamenti mensili sono troppo alti? Ecco come ridurre il rapporto debito/PIL

Il modo migliore per migliorare il proprio tenore di vita è ridurre il debito. Anche il rapporto debito/PIL è un indicatore centrale se si desidera ottenere un mutuo. Gli alti tassi di interesse stanno frenando in modo significativo il rapporto debito/PIL, che tuttavia potrà essere migliorato utilizzando tutte le leve disponibili nel 2023.

Per scoprire quali fattori influenti sono a tua disposizione, ti offriamo una simulazione online gratuita che ti consente di valutare la tua situazione:

Nel calcolo del rapporto debito/Pil vengono presi in considerazione redditi diversi

Il rapporto debito/PIL, o “rapporto di sforzo” in termini finanziari, è un indicatore chiave per le banche, perché consente loro di verificare se la famiglia mutuataria sarà in grado di far fronte ai propri obblighi di rimborso del mutuo.

Per quanto riguarda il reddito, vengono presi in considerazione: lo stipendio mensile netto al lordo delle imposte e altri redditi simili, i redditi da locazione e i proventi finanziari. È generalmente accettato che il rapporto debito/PIL non debba superare un terzo del reddito familiare, ma in realtà è strettamente regolato dal regolatore.

Da gennaio 2022, Consiglio Supremo per la Stabilità Finanziaria (HCSF) Alle banche è vietato concedere prestiti oltre un rapporto debito/Pil pari al 35% del reddito netto prima delle imposte e dei prelievi fiscali.

  • L’HCSF offre alle banche un margine di flessibilità Fino al 20% della loro produzione trimestrale di mutui ipotecari, consentendo loro di deviare dalle regole di prestito.
  • Alla luce di questa flessibilità, il 70% del finanziamento è destinato all’edilizia primaria, Con almeno il 30% di acquirenti per la prima volta.
READ  quels pays appliquent déjà une taxe sur les superprofits des entreprises, en debat en France ?

Se il rapporto debito/PIL esiste per garantire che le famiglie non incontrino difficoltà dopo la concessione di un prestito, nel 2023 è stato oggetto di dibattito e critica, poiché è visto come un punto di svolta per la produzione di credito e la buona salute. Dal mercato immobiliare.

Per scoprire quali fattori influenti sono a tua disposizione, ti offriamo una simulazione online gratuita che ti consente di valutare la tua situazione:

Come ottenere il rapporto debito/Pil più basso possibile?

Il tasso medio su 20 anni è attualmente compreso tra il 3,50% e il 4%. A condizione che tu stia acquistando un immobile nuovo o vecchio con impegno di lavori di ristrutturazione, puoi ridurre il prezzo da 10 a 30 punti base negoziando adeguatamente (a condizione che tu abbia un file che lo consenta).

L’assicurazione del mutuatario deve necessariamente essere inclusa nel calcolo del rapporto debito/PIL. Ma questa copertura di base per assicurare gli importi presi in prestito rappresenta in media un terzo del costo totale di un mutuo, rendendolo la seconda spesa più grande dopo gli interessi.

Se prendi in prestito 250.000 € in 20 anni ad un tasso di interesse del 3,80%, coperto da un’assicurazione bancaria al tasso dello 0,38%, il tuo rapporto debito/PIL è del 31,35%. Con l’assicurazione obbligatoria al tasso dello 0,10%, il tasso d’interesse annuo sale al 4,03% e il tasso del debito al 30,19%. Hai anche la possibilità di ridurre il tuo rapporto debito/PIL affidandoti alla Legge Lemoine del 2022, che ti permette di farlo in qualsiasi momento e gratuitamente, senza attendere la scadenza.

READ  Twitter sta mettendo fine alla vecchia certificazione "badge blu".

Possibilità di riacquistare o consolidare i crediti

Se hai già sottoscritto dei prestiti ci sono diversi scenari:

  • Non puoi più effettuare i pagamenti mensili per mantenere il tuo tenore di vita
  • I tuoi pagamenti mensili sono troppo alti e ti impediscono di ottenere nuovo credito

In questi due casi, un riacquisto o un consolidamento del credito potrebbe essere la soluzione per ridurre il livello del debito. Prima di intraprendere qualsiasi azione, puoi effettuare una simulazione online gratuita per valutare la tua situazione e vedere se questo sistema è interessante per te.

Precauzioni da prendere prima di richiedere un credito

Nei mesi che precedono la richiesta di credito, È meglio stare attenti al rapporto debito/PIL. Nel calcolo del rapporto debito/PIL vengono presi in considerazione i mutui ipotecari, nonché le rate mensili associate ad altri prestiti, gli abbonamenti Internet e telefonici, l’assicurazione sulla casa o anche gli alimenti.

  • Rimborso altri prestiti: È meglio saldare in anticipo i prestiti esistenti per ridurre il rapporto debito/PIL, anche se ciò significa ridurre il contributo personale.
  • Negozia la tua tariffa con la tua banca: Il credito è relativamente caro, ma tutte le banche sono tornate sul mercato, quindi è possibile rimetterle in gioco.

Preparare attentamente la pratica prima di richiedere un mutuo per la casa è essenziale. Così come prendere in considerazione tutti i criteri che influenzano il rapporto debito/PIL per aumentare le vostre possibilità di ottenere finanziamenti distinti per il vostro progetto immobiliare nel 2023.